Home   >  Fitonutrienti  >  Il neem o albero-farmacia...
04-08-2015

Il neem o albero-farmacia del villaggio

Neem Il neem (Azadirachta indica), noto anche come lilla dell'India, è noto in India da secoli per le sue molte proprietà curative. A volte soprannominato albero delle meraviglie o albero-farmacia del villaggio, il neem contiene molte sostanze con azione antinfiammatoria, antibatterica e immunostimolante. I primi testi medici in sanscrito fanno riferimento agli effetti benefici dei suoi frutti, semi, dell'olio, delle foglie, della radice o della corteccia. Entrambi sono utilizzati da secoli dalla medicina ayurvedica per il trattamento di vari problemi di salute. Inoltre, nelle aree in cui è stato introdotto più di recente, in America del Sud e Africa tropicale, la sua reputazione di alleviare diversi disturbi è già nota

Oggi, l'uso di neem più diffuso e più ampiamente riconosciuto si basa sulle sue qualità antisettiche generali. Preparazioni a base di estratti di neem hanno dimostrato la loro efficacia contro una varietà di malattie della pelle, ferite infette o ustioni. Le sue foglie, applicate come impacchi o decotti, sono altrettanto consigliate in caso di foruncoli, ulcere o eczema. L'olio viene invece utilizzato per le malattie della pelle quali scrofola, ulcere indolenti o herpes.

Sono state inoltre rivendicate le sue qualità come trattamento contro molti altri problemi di salute, ma non sono ancora state confermate in modo indipendente da studi controllati. Eppure, indicazioni interessanti suggeriscono che il neem potrà essere, in futuro, molto più ampiamente usato.
Queste tracce promettenti ma non confermate comprendono farmaci anti-infiammatori, anti-ulcera o anti-ipotensione.

L'uso tradizionale del neem in India

Nel momento in cui furono composti i Veda, il neem fu chiamato "Sarva Roga Nivarini" o "colui in grado di curare tutti i disturbi e le malattie", ed è ancora considerato come tale diversi secoli dopo. L'arrivo dei colonizzatori portoghesi, inglesi e francesi nel subcontinente indiano ha portato all'abbandono di determinate pratiche tradizionali come l'utilizzo di foglie di neem per proteggere le riserve di colture e cereali a favore delle tecniche più moderne. Ma l'uso di neem è rimasto profondamente radicato nella mentalità indiana e, oltre l'uso che ne è stato fatto nel trattamento di varie malattie, è sempre contenuto nella composizione di dentifrici, saponi, ostie e cibo per milioni di indiani.

I primi lavori su un possibile uso commerciale del neem sono stati effettuati dall'Istituto Indiano di Scienza di Bangalore negli anni Venti. Fino al 1933, la torta di neem (il materiale pressato da cui si estrae l'olio) è stata utilizzata per concimare i campi di canna da zucchero e tenere lontane le termiti.

Il Mahatma Gandhi credeva fermamente nel valore benefico del neem. Teneva incontri di preghiera presso l'Ashram Sabarmati sotto un albero di neem e un chutney di foglie di neem faceva parte della sua dieta quotidiana.

Attività antifungina e antibatterica

Tradizionalmente, nella medicina ayurvedica, semi oleosi di neem, estratti acquosi di foglie di neem, polvere di foglie di neem o fumo di foglie di neem secche che bruciano sono utilizzati in India per prevenire e curare malattie fungine.

Gli estratti di foglie di neem, l'olio di neem si sono dimostrati efficaci contro alcuni funghi che infettano il corpo umano. Tali funghi sono un problema crescente e sono difficilmente controllati dai fungicidi di sintesi. Uno studio di laboratorio1 ha dimostrato l'efficacia di un preparato a base di neem su colture di 14 funghi comuni, che comprendevano componenti delle famiglie di:
    - Trichophyton, il fungo del "piede d'atleta", che infetta i capelli e le unghie;
    - Epidermophyton, un "herpes" che invade la pelle e le unghie dei piedi;
    - Microsporum, un herpes che invade i capelli, la pelle e, raramente, le unghie;
    - Trichosporon, un fungo del sistema gastrointestinale;
    - Geotrichum, un fungo simile a un lievito, responsabile di infezioni di bronchi, polmoni e membrane mucose;
    - Candida, un fungo simile a un lievito presente nella normale flora della mucosa, ma che può diventare incontrollabile e quindi essere fonte di lesioni in bocca, nella vagina e su pelle, mani e polmoni.
L'olio estratto da foglie, semi e corteccia di neem ha un ampio spettro di azione antibatterica contro microrganismi Gram-negativi o Gram-positivi compresi M. tuberculosis e i ceppi resistenti alla streptomicina2. In alcuni test, inibisce i batteri patogeni, tra cui:
    - Staphylococcus aureus3, di cui molti ceppi sono ora resistenti alla penicillina e ad altri antibiotici, spiegando la frequenza di occorrenza delle infezioni stafilococciche negli ospedali;
    - Salmonella typhosa4. Questo batterio che vive nel cibo e nell'acqua è responsabile della febbre tifoide e di una varietà di infezioni tra cui l'avvelenamento del sangue e le infiammazioni dell'intestino.
In vitro, inibisce batteri come Vibrio cholerae, Klebsiella pneumoniae, M. tuberculosis o M. pyogenes5. Più di recente, l'attività antibatterica dei semi oleosi di neem è stata valutata contro 14 ceppi di batteri patogeni6. Ma, proprio come gli antibiotici, l'attività antibatterica del neem è limitata e alcuni ceppi di batteri sono resistenti ad esso.

Trattamento e cura dei denti

In India e in Africa, milioni di persone utilizzano ogni giorno dei ramoscelli come spazzolini da denti. Per molti di loro, i ramoscelli sono fatti di neem. I dentisti hanno sostenuto questa antica pratica, constatando che ha efficacemente prevenuto la malattia parodontale7.

Uno studio ha esaminato gli effetti inibitori di un estratto acquoso di gambo di neem su aggregazione, crescita e adesione dei batteri sull'idrossiapatite e sulla produzione di glucani insolubili (derivati insolubili del glucosio), in grado di influenzare in vitro la formazione della placca dentale. I risultati hanno mostrato che l'estratto di neem aveva inibito la sintesi di glucani insolubili e poteva ridurre la capacità di alcuni streptococchi di colonizzare la superficie dei denti8. L'efficienza di un estratto di foglie di neem contro la formazione della placca è stata valutata in un gruppo di uomini di età compresa tra 20 e 30 anni durante un periodo di sei settimane. Lo studio clinico ha confrontato l'efficacia di un gel dentale contenente un estratto di neem con quella di un collutorio con clorexidina. I risultati dello studio suggeriscono che il gel contenente l'estratto di neem ha ridotto significativamente l'indice di placca e il numero di batteri9.

Proprietà antivirali

Alcuni componenti del neem dimostrano una capacità unica di identificare i virus, impedendo loro in tal modo di provocare infezioni. Il neem inibisce anche la replicazione virale interferendo con la superficie cellulare.
Studi farmacologici sostengono il fatto che le foglie di neem hanno proprietà antivirali. Anche se si tratta solo di risultati preliminari non confermati, tali dati sono interessanti. Negli Stati Uniti, estratti acquosi di foglie di neem hanno dimostrato di inibire in modo da basso a moderato la DNA polimerasi del virus dell'epatite B10. In Germania, un estratto alcolico di neem si è dimostrato efficace contro il virus dell'herpes11. Gli effetti antivirali e virucida di un estratto alcolico di foglia di neem sono stati dimostrati sui virus Coxsackie del gruppo B12. In vitro, inibisce la formazione della placca di diversi tipi antigenici del virus Coxsackie B a una concentrazione di 1 mg/ml.

Attività antiossidante dimostrata

L'attività antiossidante dell'estratto di semi di neem è stata dimostrata in vivo durante la germinazione di una pianta. Nei ratti maschi in cui era stato indotto uno stress ossidativo mediante una potente sostanza cancerogena del fegato, un pretrattamento con un estratto alcolico di foglie di neem ha ridotto la concentrazione dei lipidi perossidati. Lo stesso team di ricercatori ha condotto un altro studio su topi maschi albini. Un estratto alcolico di foglie di neem ha ridotto la perossidazione lipidica e stimolato l'attività antiossidante legata al glutatione perossidasi13.

Effetti benefici sulle malattie infiammatorie

Il neem è utilizzato nel trattamento di reumatismi e artrite così come in altre malattie infiammatorie. Molti lavori di ricerca hanno dimostrato le proprietà anti-infiammatorie del neem14. Altri hanno dimostrato che uno dei suoi principi attivi, il nimbidin, estratto dai semi, esercita un effetto benefico su artrite e infiammazione. L'azione anti-infiammatoria del neem si traduce in diversi tipi di attività contro l'infiammazione acuta o cronica. La forte inibizione dell'infiammazione immediata e acuta causata dal neem suggerisce che esso impedisce il rilascio di sostanze neurochimiche che inducono l'infiammazione, come le prostaglandine. Uno studio ha infatti evidenziato che un estratto di foglie di neem inibisce più efficacemente le prostaglandine di quanto faccia l'aspirina15.

Un effetto epatoprotettivo

La ricerca ha dimostrato che un estratto acquoso di foglie di neem fornisce una protezione contro la necrosi epatica indotta nei ratti dal paracetamolo. Alti livelli di AST, ALT e GGT, indicatori di danno epatico, sono risultati significativamente diminuiti dalla somministrazione dell'estratto acquoso di foglie di neem16. L'effetto anti-ulcera di un estratto acquoso di foglie di neem è stato esaminato in ratti esposti allo stress o ai quali si era fatto ingerire etanolo. L'estratto è stato somministrato a dosi di 10, 40 o 160 mg di foglie per kg di peso una volta o attraverso una serie di cinque dosi in pretrattamento. Il neem ha ridotto maniera dose-dipendente la gravità delle ulcere gastriche in ratti sottoposti a stress e ha anche ridotto le lesioni causate dall'etanolo sulla mucosa gastrica. L'estratto sembra prevenire la degranulazione dei mastociti e aumentare le quantità di muco gastrico negli animali stressati. Questo potrebbe spiegare, almeno in parte, la modalità di azione antiulcera del neem17. In laboratorio, è stato dimostrato che un estratto acquoso di corteccia di neem aveva un'attività antiulcera potente e secrezioni antiacide18.

Attività ipoglicemizzante

Un estratto acquoso di foglie di neem ha ridotto in modo significativo i livelli di glucosio nel sangue e ha impedito l'iperglicemia indotta dal glucosio19. Somministrato per via orale, un estratto acquoso di foglie di neem ha causato un'ipoglicemia nei ratti sani e una diminuzione della glicemia nei ratti con diabete indotto sperimentalmente20.
L'effetto ipoglicemizzante dell'estratto di foglie di neem potrebbe essere dovuto alla presenza di un flavonoide, la quercetina.

Neem e malaria

La malaria è una delle febbri più frequenti in India e ai tropici. L'estratto di foglie di neem è prescritto fin dai tempi antichi per curare la malaria dagli operatori indiani di medicina ayurvedica. Le foglie secche sono usate come tè da parte del popolo del Niger e di Haiti per il trattamento di questa malattia.

La ricerca ha dimostrato che il neem è tossico per i parassiti della malaria e che può ridurre la febbre manifestata dai pazienti affetti da questa malattia. Estratti acquosi o alcolici di foglie di neem si sono dimostrati efficaci contro il parassita P. falciparum.

Dei lavori in India hanno riferito che i componenti di un estratto alcolico di foglie e di semi di neem sono risultati efficaci contro ceppi di parassiti della malaria sensibili o resistenti alla clorochina21. I vari estratti testati hanno represso la crescita di parassiti in 72 ore.

Anche se questi risultati sono preliminari, questi dati indicano un'interessante linea di ricerca. Occorre notare che, sebbene gli estratti di neem combattano efficacemente i parassiti della malattia, non è mai stato dimostrato che siano in grado di prevenire lo sviluppo di infezioni nel corpo.

Attività antitumorale

In India e nel Sudest asiatico, i professionisti della medicina ayurvedica hanno utilizzato con successo il neem per ridurre i tumori. Alcuni studi mostrano un'attività antitumorale degli estratti acquosi di foglie di neem. Alcuni rapporti hanno esaminato l'uso di estratti di neem per il trattamento di pazienti affetti da varie forme di cancro22.

L'effetto antitumorale di due dosi differenti (250 e 500 mg per kg di peso corporeo) di un estratto alcolico di foglia di neem è stato studiato sui topi nei quali erano stati indotti chimicamente dei tumori. I risultati hanno mostrato che entrambe le dosi di estratto di foglie di neem hanno ridotto l'incidenza dei tumori23.

Riferimenti:
1- Khan and Wassilew, 1987.
2- Chopra, Gupta and Nair, 1952.
3- Schneider, 1986.
4- Patel et Trivedi, 1962.
5- Satyavatu, Raina and Sharma, 1976.
6- Baswa, Rath, Dash et al., 2001.
7- M. Elvin-Lewis, 1980.
8- Wolinski et al., 1996.
9- Pai MR et al., 2004.
10- Informations de D .W. Unander.
11- Information de H. Schmutterer.
12- Badam, Koshi and Bedekar, 1999.
13- Subapriya et al., 2004.
14- Okpanyi, 1981.
15- Okpako, 1977.
16- Bhanwra et al., 2000.
17- Garg et al., 1993.
18- Bandyopadyay, 1998.
19- Murty et al., 1978.
20- El-hawary et al., 1990.
21- Badam et al., 1987.
22- Hartwell, 1982.
23- Dasgupta et al., 2004.
Ordinare prodotto
Neem Extract

Estratto 10:1 di Azadirachta indica, applicazioni antisettiche, antibatteriche, antivirali, anti-infiammatorie e detossicanti

www.supersmart.com
A découvrir aussi
16-08-2016
La berberina: un attivatore efficace e potente...
Un'alternativa sicura e non farmaceutica per prolungare l'aspettativa di vita e "silenziare" il diabete di tipo 2. La berberina fa parte delle sostanze che vengono...
Piu info
21-08-2019
Una sostanza antinvecchiamento prodotta dopo la digestione...
Continua la lotta contro l'invecchiamento. Alcuni ricercatori che lavorano per una società start-up hanno scoperto gli effetti benefici dell'urolitina A 1 , una sostanza prodotta...
Piu info
20-02-2019
Alcune notizie sull'acido alfa lipoico: il re...
Sei interessato/a sufficientemente alla nutrizione per sapere che gli antiossidanti sono indispensabili per la nostra salute. Sai, ad esempio, che la frutta e la verdura...
Piu info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua