Home   >  Nutricosmetici  >  Rughe del viso: quando...
10-08-2016

Rughe del viso: quando vi pentirete di non aver fatto nulla?

rughe Veri segni del tempo, le rughe sono la conseguenza inevitabile dell'invecchiamento della pelle. La signora Rossi, una cinquantenne molto segnata dal tempo, l'ha scoperto a sue spese, mentre osservava una vecchia fotografia. Rimase scioccata nel vedere quanto era cambiata in così poco tempo. Che cos'è potuto succedere? Perché è invecchiata di più di sua sorella, tuttavia più vecchia? Da dove vengono tutti questi "solchi" che le hanno rigato il viso? Quali errori ha potuto commettere?

La signora Rossi non lo sa, ma tutte le risposte alle sue domande si trovano nel centro stesso delle sue cellule. E più precisamente nel nucleo delle cellule della pelle, dove si trovano le catene gigantesche di DNA. Sono queste catene ben note che contengono le informazioni che permettono all'organismo di funzionare, ma anche di riparare qualsiasi ferita, usura o disfunzione. Il minimo graffio sulla pelle scatena teoricamente l'attivazione di diversi programmi presenti su queste catene per riempire il più velocemente possibile la fessura aperta nella pelle e generare delle cellule nuove di sostituzione.
Ma, qui, qualcosa non torna. Le catene di DNA della signora Rossi si trovano in pessimo stato. È semplicissimo: se si dovesse determinare la sua età a partire da queste catene e dalle mutazioni che hanno subito, mai alcun ricercatore riuscirebbe a scoprirne il numero esatto. Come spiegare l'invecchiamento precoce di queste cellule?

Le scelte sbagliate della signora Rossi

Tutte le sequenze di DNA subiscono delle mutazioni ogni giorno. Il normale funzionamento dell'organismo genera degli agenti denominatispecie reattive dell'ossigeno e la cui struttura chimica fa in modo che danneggino le molecole che costituiscono il DNA. Si parla di ossidazione. Questa produzione inevitabile può essere aumentata da vari fattori "esogeni" come l'inquinamento, il fumo di sigaretta, lo stress e l'esposizione al sole. Così, mentre la semplice combustione delle calorie giornaliere determina oltre 10.000 impatti al giorno sulle catene, il consumo di un pacchetto di sigarette al giorno ne aggiungerebbe quasi 4.000.
Questi impatti sarebbero quindi all'origine dell'invecchiamento precoce della signora Rossi? Esattamente. Nel corso del tempo, gli impatti si accumulano e danneggiano le sequenze di DNA delle cellule della pelle. Più gli impatti sono numerosi, maggiore è il rischio di vedere dei difetti nei sistemi di riparazione. Dopo qualche tempo, i meccanismi della pelle si esauriscono uno dopo l'altro: la pelle diventa rugosa. Lo spettacolo offerto dallo specchio della signora Rossi è quindi solo il risultato di 50 anni di intenso bombardamento quotidiano. Dato lo stato della sua pelle, il normale funzionamento non può spiegare da solo l'invecchiamento precoce. La signora Rossi ha probabilmente assunto più di uno di questi comportamenti a rischio:
    • Un consumo abituale di tabacco. Il tabacco peggiora innegabilmente l'invecchiamento della pelle. Inoltre, si tratta di un fenomeno che è facile osservare da soli. La signora Rossi, ex-fumatrice, ha avuto per lungo tempo una carnagione grigia e opaca segnata dalla ritenzione di sebo. Ora, questa ritenzione ha proprio uno stretto legame con un invecchiamento precoce della pelle secondo gli ultimi studi1. Inoltre, i gesti legati al fumo fanno in modo che alcuni dei muscoli del viso siano più sollecitati, il che fa apparire, nel tempo, le rughe a zampe di gallina che si possono vedere nell'angolo degli occhi.
    • Anche un' alimentazione povera di antiossidanti e di acidi grassi essenziali potrebbe avere un effetto negativo sulle rughe, così come la mancanza cronica di sonno, una scarsa attività fisica, il consumo eccessivo di alcol e la menopausa, che induce una diminuzione degli ormoni2.
    • Un' esposizione frequente al sole. È il fattore che accelera maggiormente le rughe. Quasi il 90% di queste sarebbero legate a un'esposizione frequente al sole3. Sono le persone con una carnagione chiara o con i capelli biondi che sono più a rischio. È proprio il profilo della signora Rossi! Numerosi studi hanno mostrato che il colore della pelle era direttamente legato al numero di rughe. Avete mai notato che nelle persone di colore erano meno evidenti? La pelle più scura lascerebbe penetrare solo il 18% dei raggi UV-A rispetto al 55% nelle persone di tipo caucasico, proteggendo così maggiormente il loro patrimonio genetico4!
    Un viso troppo "da smorfia". Avete sicuramente sentito parlare delle "rughe di espressione", sappiate che esistono. Quanto più si sorride, più si fanno delle smorfie e maggiore è il rischio della comparsa veloce delle rughe5.6 ! Fin dall'età di 8 anni, si può così prevedere la forma delle rughe che si avranno in seguito a partire dalle rughe dinamiche7. I fattori ambientali influenzeranno poi la velocità del processo. È così che le persone paralizzate da un solo lato del volto finiscono per avere un lato molto meno rugoso rispetto all'altro: quello in cui i muscoli sono paralizzati. Le rughe sono soprattutto la conseguenza di una diminuzione di collagene, di elastina e di grassi e non di una mancanza di tonicità muscolare. Non cedete quindi soprattutto al richiamo della ginnastica facciale, che farà affiorare il problema più velocemente invece di prevenirlo!
Un organismo talvolta già predisposto all'invecchiamento

È chiaro che l'organismo ha previsto numerosi sistemi di difesa per ridurre l'impatto degli agenti di attacco. Perciò, non occorre elencare gli antiossidanti, che l'organismo è capace di produrre, ma il cui apporto alimentare è altamente benefico. Infatti, se si insiste a questo punto sull'interesse degli antiossidanti nella dieta o concentrati in integratori, è perché il sistema di difesa dell'organismo ha un punto debole. Un grave punto debole. Le informazioni indispensabili per produrre questi antiossidanti endogeni si trovano esse stesse sulle catene, progressivamente danneggiate. Col passare del tempo, questi sistemi antinvecchiamento si paralizzano, diventano inefficienti, accelerando sempre più il danneggiamento delle catene.
Purtroppo, succede che le catene presentino già dei difetti persino prima di essere state attaccate. In questo caso, si parla di predisposizioni genetiche in quanto sono spesso ereditate da un genitore. Il numero di attacchi necessari per danneggiare completamente i sistemi antinvecchiamento è inferiore rispetto ad un altro individuo. Se non si interviene, è inevitabile: le rughe arrivano prima del previsto.

Anche la lunghezza dei telomeri viene influenzata

Probabilmente avete già sentito parlare dei telomeri. Se è così, ricordate, è il nome che diamo alle estremità dei filamenti di DNA. Sono coinvolti in un fenomeno scoperto alcuni anni fa, che spiega l'invecchiamento e la morte cellulare. Questo fenomeno che spiega il motivo per cui l'organismo finisce per non essere più in grado di sostituire le cellule usurate con delle cellule nuove. In realtà, un fenomeno che spiega l'invecchiamento della pelle. Tramite le divisioni cellulari, i telomeri si erodono gradualmente fino a raggiungere una dimensione critica che scatena il meccanismo di senescenza. Da quel momento, la cellula non sarà più in grado di moltiplicarsi e finirà i suoi giorni in condizioni critiche. Questo è il motivo per cui tutte le nostre cellule hanno tutte una durata di vita. Anche in questo caso, le sequenze di DNA della signora Rossi lo dimostrano: la dimensione dei telomeri è così piccola che le cellule dovrebbero ritornare allo stato di senescenza ben prima del solito. Anche in questo caso, tutto indica che lo stile di vita della signora Rossi lascia a desiderare... Secondo diversi studi recenti, infatti, lo stile di vita e soprattutto il livello di stress svolgerebbero un ruolo fondamentale nell'invecchiamento dei telomeri. Più una persona è stressata, più la lunghezza dei telomeri sarebbe corta8

Tramite cosa si traduce fisicamente l'accumulo degli impatti sulle catene di DNA?

Gli effetti dell'accumulo degli impatti sulle sequenze di DNA sono ben chiari e ben noti a tutti. Nel corso del tempo, l'epidermide (lo strato più superficiale della pelle) si assottiglia sempre di più. Questo spiega il motivo per cui il sistema venoso diventa molto evidente quando si invecchia, specialmente a livello delle mani. Anche il livello di collagene è notevolmente ridotto, così come la capacità di trattenere l'acqua dello strato corneo. Inevitabilmente, la pelle perde parte delle sua capacità come il suo potere elastico. In altre parole, ritrova sempre meno la sua forma originale dopo l'allungamento. All'età di 20 anni, le espressioni facciali (come un cenno di sopracciglia) della signora Rossi disegnavano delle piccole rughe che scomparivano quando il viso ritornava inespressivo. Poco a poco, questa capacità elastica è diminuita e le rughe di espressione sono rimaste, anche quando rimane inespressiva come ora.

La signora Rossi avrebbe potuto far qualcosa per rallentare il processo?

La formazione delle rughe è oggigiorno inevitabile, ma questo non significa che non possiamo fare nulla per frenare il fenomeno aspettando che la ricerca persegua i suoi sforzi a riguardo. Se la signora Rossi fosse di nuovo giovane, certamente non rifarebbe gli stessi errori. Indubbiamente adotterebbe delle misure drastiche per prendersi cura del DNA, dei telomeri e della pelle. Indubbiamente prenderebbe in considerazione di adattare la sua alimentazione, di mangiare più frutta e legumi, di dormire meglio, di fumare meno o di assumere degli integratori naturali adatti. Forse avrebbe interesse a studiare i diversi prodotti naturali, a cercare fra gli studi scientifici e a testare composti diversi. Questo è quello che probabilmente scoprirebbe:
    - In primo luogo si interesserebbe al collagene e all'elastina, danneggiati dai raggi del sole e che sono stati riconosciuti entrambi come indispensabili per la carnagione della pelle9.
    - Imparerebbe che, contrariamente a quanto a volte si crede, la secchezza della pelle non è responsabile delle rughe. Tuttavia, è innegabile che le rende più visibili. L'uso di prodotti idratanti, come i prodotti ricchi di ceramidi naturali o di idrossiprolinapermettono di gonfiare temporaneamente la pelle con acqua e ridurre la profondità delle rughe.
    - Si accorgerebbe che l'acido ialuronico svolge sia il ruolo di antiossidante sia di supporto alle strutture tissutali. Noterebbe che è stato approvato dalla Food and Drug Administration ("Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali", abbreviato in FDA) per il trattamento delle rughe del viso e delle pieghe cutanee.
    - Ma, sarebbe sicuramente sedotta dal resveratrolola cui intensa attività antiossidante è stata dimostrata nell'organismo10e che è probabilmente il composto più interessante di tutti. Uno studio ha mostrato che proteggeva così le cellule della pelle (cheratinociti) dai danni ossidativi inflitti dai raggi UVA. Tramite un meccanismo ancora poco conosciuto, potrebbe anche stimolare la produzione di antiossidanti endogeni, vale a dire rafforzare la difesa interna contro lo stress ossidativo, all'origine dell'invecchiamento11.
Immaginiamo quindi che sarebbe stata felice di sapere che alcune formule, come la Natural Skin Formula, integrano l'insieme di questi prodotti naturali per prevenire al massimo l'invecchiamento cutaneo. E senza rimpianti.

La maggior parte delle persone che scelgono di assumere un supplemento per frenare l'invecchiamento cutaneo non sono persone che rifiutano di invecchiare. Dalla confessione stessa del dermatologo Régis Malet, l'obiettivo è principalmente quello di "ridurre il divario tra il modo in cui vivono e il modo in cui si vedono"12. E voi, pensate di avere ancora la possibilità di frenare l'invecchiamento? Oppure vi siete pentiti, come la signora Rossi, di non aver fatto la scelta giusta?



Bibliografia

1. Tamatsu Y, Tsukahara K et al. New finding that might explain why the skin wrinkles more on various parts of the face. Clin Anat. 2015 Sep;28(6):745-52.
2. Carter M. Owen, Lubna Pal, et al. Effects of hormones on skin wrinkles and rigidity vary by race/ethnicity: four-year follow-up from the ancillary skin study of the Kronos Early Estrogen Prevention Study , Fertility and Sterility.
3. Lee Jy & Kim YK, Loss of elastic fibers causes skin wrinkles in sun-damaged human skin.J Dermatol Sci. 2008 May;50(2):99-107. doi: 10.1016/j.jdermsci.2007.11.010. Epub 2008 Jan 16.
4. Contet-Audonneau JL, Jeanmaire C & al. A histological study of human wrinkle structures: comparison between sun-exposed areas of the face, with or without wrinkles, and sun-protected areas. Br J Dermatol. 1999 Jun;140(6):1038-47.
5. Fujimura T, Hotta M. The preliminary study of the relationship between facial movements and wrinkle formation. Skin Res Technol. 2012 May;18(2):219-24. doi: 10.1111/j.1600-0846.2011.00557.x. Epub 2011 Aug 25.
6. Fujimura T, Hotta M. A novel method to investigate the relationship between facial movements and wrinkle formation using particle image velocimetry. Skin Res Technol. 2013 Feb;19(1):e54-9. doi: 10.1111/j.1600-0846.2011.00607.x. Epub 2011 Dec 18.
7. Hillebrand GG, Liang Z, New wrinkles on wrinkling: an 8-year longitudinal study on the progression of expression lines into persistentwrinkles. Br J Dermatol. 2010 Jun;162(6):1233-41. doi: 10.1111/j.1365-2133.2010.09709.x. Epub 2010 Feb 22
8. Dean Ornish, June M Chan & al. Effect of comprehensive lifestyle changes on telomerase activity and telomere length in men with biopsy-proven low-risk prostate cancer: 5-year follow-up of a descriptive pilot study, The Lancet Oncology, Volume 14, No. 11, p1112–1120, October 2013
9. Davis WM. Antiaging products and tactics. Drug Topics 1997;17:92-101.
10. Liu Y, Chan F, Sun H, Yan J, Fan D, Zhao D, An J, Zhou D. Resveratrol protects human keratinocytes HaCaT cells from UVA-induced oxidative stress damage by downregulating Keap1 expression. Eur J Pharmacol. 2011 Jan 10;650(1):130-7.
11. Soeur J, Eilstein J, Léreaux G, Jones C, Marrot L..Skin resistance to oxidative stress induced by resveratrol: from Nrf2 activation to GSH biosynthesis. Free Radic Biol Med. 2015 Jan;78:213-23
12. Malet R. Le vieillissement et la demande de correction en dermatologie, Champ psychosomatique, 2008/1 (n° 49), Pages 118-9.
Ordinare prodotti
Natural Skin Formula

I suoi ingredienti naturali modulano positivamente i meccanismi dell'invecchiamento cutaneo.

www.supersmart.com
Marine Collagen

Contro i segni dell'invecchiamento della pelle e per il comfort articolare

www.supersmart.com
Injuv® Hyaluronic Acid 70 mg

Idrata e ammorbidisce dall'interno la pelle e le articolazioni

www.supersmart.com
Resveratrol 20 mg

Il fitonutrimento più efficace e più studiato per conservare e proteggere la salute

www.supersmart.com
A découvrir aussi
07-06-2016
Questo nutriente ringiovanisce la pelle e le...
Immaginate un alimento naturale che impedisca alla pelle di riempirsi di rughe, rilassarsi, invecchiare, sia sul viso (occhi, guance, labbra) che sulle cosce o sotto...
Più info
21-09-2017
Invecchiamento della pelle: gli effetti protettivi dell'astaxantina
L'astaxantina è un potente antiossidante naturale che continua a suscitare interesse! A partire dal nostro articolo "L'astaxantina, un antiossidante particolarmente potente" nel mese di novembre...
Più info
21-09-2017
Invecchiamento della pelle: gli effetti protettivi dell'astaxantina
L'astaxantina è un potente antiossidante naturale che continua a suscitare interesse! A partire dal nostro articolo "L'astaxantina, un antiossidante particolarmente potente" nel mese di novembre...
Più info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua