Home   >  Vitamine  >  Scegliere integratori alimentari efficaci...
30-01-2017

Scegliere integratori alimentari efficaci e di qualità

Serratia Il rapido aumento dell'uso di integratori alimentari è accompagnato da un altrettanto rapido aumento del numero di prodotti sul mercato. Di fronte alla miriade di integratori alimentari prodotti localmente o importati, in centinaia di marche diverse, sorge il problema di scegliere prodotti efficaci e sicuri.

Vanno innanzitutto privilegiati integratori alimentari a base di materie prime di qualità farmaceutica e/o fitonutrienti standardizzati, secondo buone pratiche di fabbricazione. Quindi, la presenza di molecole la cui efficacia è stata dimostrata, la forma chimica meglio assorbibile, una dose appropriata, la forma di dosaggio più adatta... sono alcuni dei criteri che fanno la differenza tra un integratore alimentare sicuro ed efficace e un altro che non lo è.

Nella sua prima definizione, il ruolo di un integratore alimentare è integrare gli apporti forniti dall'alimentazione. Esso contiene uno o più ingredienti, tra cui vitamine, minerali, estratti di piante o altri vegetali, aminoacidi, acidi grassi essenziali, enzimi probiotici, proteine

RDA e dosi efficaci

Per alcuni nutrienti, i cosiddetti nutrienti essenziali, esiste la RDA, la dose giornaliera raccomandata (in inglese: RDA, Recommended Daily Allowance). Essa corrisponde, infatti, alla quantità di vitamine e di alcuni minerali che si deve consumare per evitare carenze e relative patologie, come scorbuto, beriberi e pellagra. Si tratta della quantità minima di nutrienti essenziali per mantenere le funzioni biologiche e la salute degli individui sani.

Tuttavia, la necessità di nutrienti essenziali può essere aumentata da situazioni specifiche, quali, ad esempio, parto prematuro, disturbi metabolici, infezioni, malattie croniche, farmaci. Fattori ambientali come stress, inquinamento, sole possono anch'essi aumentare tale necessità.
Definita per prevenire le malattie da carenza, la RDA non costituisce una guida per rimanere sani, energici e robusti, né per evitare malattie legale all'invecchiamento. Soprattutto perché le esigenze di ogni singolo sono specifiche.

Oltre 20.000 studi (National Library of Medicine, negli Stati Uniti) evidenziano gli effetti benefici sulla salute di vitamine e minerali presi in dosi molto superiori alla RDA. Quello che gli americani chiamano il No Adverse Effect Level (NOAEL), vale a dire la dose senza effetti avversi osservati, corrisponde a una dose sufficientemente sicura affinché non si osservi alcun effetto negativo in questo dosaggio assunto per lungo tempo. Questa dose è considerata come sicura da un'attenta analisi approfondita di tutti i dati scientifici disponibili in tutto il mondo su diversi anni.

Per le altre sostanze nutritive nella composizione degli integratori alimentari, occorre affidarsi alle prove di tossicità eseguite frequentemente da alcuni fornitori e agli studi clinici per scoprire a quali dosi sono efficaci e sicuri.

Le buone pratiche di fabbricazione (o GMP, Good Manufacturing Practices)

I produttori di integratori alimentari hanno la responsabilità di assicurare e garantire che i prodotti che immettono sul mercato siano sicuri ed efficaci. Ciò significa che essi devono garantire che, dal reperimento delle materie prime, attraverso tutte le fasi della produzione, fino allo stoccaggio e alla disponibilità per il consumatore, sia garantita la migliore qualità.

Molti produttori di integratori alimentari seguono quelle che vengono chiamate "buone pratiche di produzione farmaceutica", più rigorose di quelli raccomandati nel settore degli integratori nutrizionali. La regolamentazione delle buone pratiche di fabbricazione si basa sugli standard ISO-9001. Ha come obiettivo quello di specificare le condizioni e i criteri per l'installazione e l'organizzazione dell'azienda, la sua gestione, i processi e le condizioni di attuazione, le procedure, le responsabilità, le attrezzature e le disposizioni che devono essere soddisfatte per garantire la qualità di base.

Queste buone pratiche di fabbricazione sono alla base del controllo sanitario dei prodotti. Si tratta di un insieme di regole che concentrano l'attenzione sull'ambiente della produzione, la manipolazione e la lavorazione delle materie prime, nonché sulle pratiche che garantiscono un controllo dell'igiene e delle condizioni di lavoro. Esse utilizzano l'approccio Hazard Analysis and Critical Control Points o HACCP (Analisi dei rischi e punti critici di controllo), che è un approccio d'identificazione dei pericoli, della loro analisi e del loro controllo. È stato concepito negli anni Sessanta negli Stati Uniti dalla NASA per ridurre il rischio di contaminazione degli alimenti degli astronauti.

Si tratta di un approccio strutturato per monitorare la sicurezza dei prodotti, dal luogo di produzione o di coltura (nel caso di prodotti vegetali) delle materie prime fino all'assorbimento da parte del consumatore. La sua missione è di identificare gli elementi del processo di produzione che possono essere alla base di contaminazione (biologica, chimica o fisica), al fine di essere in grado di attuare misure atte a garantire un'efficace gestione del rischio. È affidandosi a queste migliori pratiche della catena di produzione che i rischi nei punti critici del processo sono identificati, monitorati e controllati, garantendo la sicurezza del prodotto finale.

La guida ISO 9000-2000 stabilita dalla International Organization for Standardization (ISO) consente di definire un sistema di gestione totale della qualità per garantire la conformità del prodotto alle esigenze del consumatore. Quando le caratteristiche sanitarie di un prodotto sono identificate e il sistema di sicurezza sanitaria degli integratori alimentari è definito, può essere implementato un sistema completo di gestione della qualità.

Il controllo e la certificazione di conformità ai vari requisiti descritti nelle "specifiche" divise in capitoli e appendici sono garantiti da enti esterni accreditati dai servizi dello Stato.

Materie prime di qualità farmaceutica

Dalla qualità delle materie prime dipende in gran parte quella del prodotto finito. La stampa, ancora troppo spesso, parla di integratori alimentari contenenti impurità, troppe tracce di metalli pesanti, tossine…

Utilizzare materie prime di qualità farmaceutica significa conoscerle e averne controllato le proprietà chimiche, biologiche e microbiologiche. Gli acquisti di materie prime devono essere effettuati secondo norme severe che forniscono tali garanzie.

Un certificato di analisi fornito dal fornitore al produttore deve accompagnare ogni principio acquistato. Esso fornisce informazioni su identità, qualità, purezza e origine della materia prima consegnata. Questo permette anche al produttore di essere certo che la merce soddisfi i criteri. A seconda del tipo di materia prima e della fase di fabbricazione, tale certificato può includere informazioni quali:
    - l'identità del prodotto con nome, numero di lotto, produttore, data di produzione, data di scadenza;
    - l'origine del prodotto con paese di origine, nome scientifico o botanico, parte della pianta (radice, foglia, gambo, fiore, frutto, resina, corteccia, semi), indicazione che è di origine botanica;
    - il tipo di prodotto: materia prima, in polvere, in granuli, estratto vegetale, estratto standardizzato, indicazione che ha una monografia ufficiale;
    - metodo di identificazione;
    - proprietà chimiche: odore, colore, sapore, aspetto, densità, granulometria, pH, solubilità e indice di viscosità e di rifrazione
    - metodi e analisi chimiche: composti attivi o marker, purezza, titolazione
    - impurità: materiale estraneo, metalli pesanti, tossine naturali, residui di pesticidi/fungicidi
Dei campioni consentono poi al produttore di verificare che la materia prima sia conforme al certificato di analisi. L'esame di diversi campioni provenienti da lotti differenti consente inoltre di valutare i cambiamenti che possono verificarsi. Ciò è particolarmente importante nel caso di materie vegetali. Così, secondo lo stadio al quale sono state raccolte e il metodo di essiccazione utilizzato, il colore dell'echinacea sarà verde, giallo o marrone. Nella polvere di saw palmetto, gli acidi grassi totali possono variare dal 7 al 14% a seconda del grado di maturazione del frutto.

Alcuni fornitori di materie prime effettuano anche delle ricerche e sono quindi in grado di certificare, prove alla mano, che il loro principio è efficace, agisce come dichiarato senza alcun pericolo per il consumatore. Queste prove includono prove di tossicità, di farmacocinetica, di biodisponibilità …
…
Estratti vegetali standardizzati…
…
Le preparazioni a base di erbe che si possono trovare sul mercato degli integratori nutrizionali sono ben lungi dall'essere tutte della stessa qualità o efficienza. Alcune usano il nome di piante note solo per ragioni di marketing. Gli integratori non contengono quindi necessariamente i principi attivi che si aspetta il consumatore. Solo gli estratti standardizzati forniscono in ciascuna unità consumata una quantità adeguata di principi attivi.

Un processo di standardizzazione assicura una concentrazione di principi attivi identica da una produzione all'altra. Per garantirlo, viene utilizzata una serie di saggi e controlli particolarmente stringenti. Così, per esempio, nel caso del Panax ginseng, il metodo di cromatografia liquida ad alta pressione fornisce informazioni sulla quantità dei vari principi attivi, i ginsenosidi, e sulla loro concentrazione nell'estratto di ginseng prodotto. Questo metodo viene utilizzato sia per la standardizzazione del principio attivo, che per l'analisi e il controllo di qualità dei prodotti finiti.

Scegliere le forme chimiche più efficaci

Se la definizione delle dosi e la scelta di materie prime di alta qualità sono importanti, i produttori devono anche prestare attenzione alle forme chimiche dei nutrienti che scelgono. La scelta di molecole, estratti vegetali, associazioni di molecole non è banale. Da questa scelta dipende dall'efficacia dell'integratore nutrizionale. …
…
Alcune di queste forme possono essere più potenti, meglio assorbibili o ancora, avere una migliore biodisponibilità di altre. Anche alcuni ingredienti, per un migliore assorbimento, hanno bisogno di altri nutrienti. È il caso della crisina, assorbita meglio se associata ad un estratto di pepe chiamato piperina. …
…
Alcuni nutrienti possono avere forme chimiche che forniscono ulteriori vantaggi rispetto ad altre forme. Una miscela di tocotrienoli, per esempio, ha benefici non presenti nella forma di tocoferolo della vitamina e viceversa. Analogamente, la vitamina E di fonte naturale ha una biodisponibilità di gran lunga maggiore della vitamina E sintetica. Lo stesso vale per l'estere-C, che sembra avere una migliore biodisponibilità rispetto ad altre forme di vitamina C. Questo è vero anche per l'acido alfa-lipoico. Quando si assume un integratore alimentare a base di acido alfa-lipoico sintetico, i due enantiomeri vengono assorbiti dal sangue e trasportati nelle cellule. Ma la (R)-ALA ha una biodisponibilità di gran lunga migliore della (S)-ALA e la quantità totale di acido (R)-alfa lipoico trasportato nel plasma nel tempo è dal 60 all'85% superiore a quella della forma (S), che raggiungerà alla fine anch'essa il plasma. Ancora più importante, gli studi dimostrano che la forma naturale dell'acido alfa-lipoico è molto meglio accettata dai tessuti.
In base ai sali minerali usati, i minerali hanno una biodisponibilità superiore o inferiore e sono quindi più o meno assorbiti dal corpo. Sotto forma di orotati, hanno una biodisponibilità particolarmente elevata.

Assumere un probiotico costituito da micobatteri vivi che non sopravvivono al viaggio attraverso il tratto digestivo e arrivano morti nel punto in cui dovrebbero esercitare la loro azione non ha molto senso.

L'attività biologica di alcuni principi attivi dipende dalla loro biodisponibilità, che varia notevolmente a seconda delle fonti da cui sono estratti. Questo è, ad esempio, il caso della quercetina. È stata esaminata la biodisponibilità della quercetina proveniente dalle cipolle e dal tè. Nove soggetti sono stati alimentati con una dieta senza quercetina per dodici giorni, e poi il quarto, l'ottavo e il dodicesimo giorno hanno assunto cipolle fritte (ricche di glucosidi di quercetina equivalenti a 89 mg di quercetina) o tè (ricco di rutinoside di quercetina equivalente a 100 mg di quercetina) o 100 mg di quercetina. I ricercatori hanno scoperto che l'assorbimento dei glicosidi di quercetina è stato del 52%, quello del rutinoside di quercetina del 17% e quello dell'aglicone di quercetina del 24%. …
…
La valutazione della sicurezza e dei benefici per la salute…
…
Gli scienziati utilizzano diversi approcci per valutare i rischi di tossicità degli integratori alimentari e i potenziali benefici per la salute, compresa la storia del loro utilizzo e degli studi di laboratorio che hanno utilizzato modelli cellulari o animali. Gli studi sull'uomo (studi osservazionali o studi clinici) possono fornire informazioni relative a come deve essere utilizzato il supplemento nutrizionale. I ricercatori possono anche condurre una revisione sistematica della letteratura scientifica per riassumere e valutare un gruppo di studi clinici che soddisfano determinati criteri. Una meta-analisi è una revisione che comprende dati di analisi statistiche combinate provenienti da diversi studi. Tutto questo permette di ottenere informazioni attendibili sull'efficacia e sulla sicurezza di un integratore alimentare.
Per contro, occorre diffidare dalle sole testimonianze personali che non sono ammesse nella letteratura scientifica né davanti ai tribunali, né tanto meno per valutare l'affidabilità di un nuovo integratore nutrizionale. …

Diversi tipi di studi

¤ Studi interventistici
I migliori studi di questa categoria sono gli studi clinici randomizzati controllati. In questo caso, soggetti simili tra loro sono assegnati casualmente ad assumere o non assumere il prodotto o, in altre parole, gli integratori alimentari da valutare. In uno studio controllato in doppio cieco, né i medici né i pazienti sanno chi assume un trattamento o un placebo. Tale studio permette di determinare se un nuovo integratore alimentare che ha mostrato risultati promettenti in laboratorio e su animali sia sicuro ed efficace per ritardare o impedire l'arrivo di una particolare malattia associata all'invecchiamento.

¤ Gli studi osservazionali
Possono essere prospettici o retrospettivi. Negli studi prospettici, gli sperimentatori reclutano i soggetti e li osservano prima di ottenere il risultato In uno studio retrospettivo, gli sperimentatori esaminano le registrazioni dei soggetti e li intervistano dopo il raggiungimento del risultato.
Gli studi di coorte confrontano i risultati dei pazienti che hanno ricevuto una specifica esposizione con quelli di soggetti che non l'hanno ricevuta.
Negli studi di casi controllati, soggetti affetti da una determinata malattia sono confrontati con soggetti sani (gruppo di controllo).
Negli studi trasversali, in un dato momento, un determinato numero di individui con una malattia che è stato esposto a qualcosa di specifico viene confrontato con un determinato numero di individui sani e non soggetti a questa esposizione.

¤ Studi in vitro e animali
Questi studi spesso forniscono informazioni sui meccanismi di azione e sulla specificità di un principio attivo o un integratore nutrizionale, così come sul processo responsabile.

A seconda della forma di dosaggio impiegata, gli stessi ingredienti possono avere un'efficienza molto diversa. La giusta scelta della forma di dosaggio promuove la conservazione dei principi attivi proteggendoli contro i fattori di alterazione, cambia la durata dell'attività del principio attivo, maschera odori o sapori sgradevoli. Così, quando si tratta di nutrienti liposolubili, le capsule molli o softgel sono la forma preferita perché verranno sempre meglio assorbite su un carrier lipidico.
Ordinare prodotti
Saw Palmetto

320 mg estratto standardizzato di Sega

www.supersmart.com
Ginseng 30%

La pianta leader indiscusso della medicina cinese

www.supersmart.com
Chrysine

Una soluzione naturale contro la femminilizzazione degli uomini maturi

www.supersmart.com
Bioperine®

Migliora in modo dimostrato la biodisponibilità dei nutrimenti.

www.supersmart.com
Natural E 400

400 UI di d-alfa tocoferol forma naturale della vitamina E

www.supersmart.com
Ester C®

Forma non acida e quattro volte assorbita meglio della vitamina C

www.supersmart.com
CoQ10 + Tocotrienols

Combinazione sinergica di coenzima Q10 e tocotrienoli

www.supersmart.com
R-Lipoic Acid

La forma naturale e biocompatibile dell'acido alfa lipoico

www.supersmart.com
Calcium Orotate

Associato a 50 mg d'orotato di magnesio per accrescere la sua efficacia

www.supersmart.com
Probio Forte

Mix di probiotici ; 8 miliardi di microrganismi per capsula
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
Super Quercetin

Una fonte pura, una concentrazione ottimale e ampie proprietà

www.supersmart.com
A découvrir aussi
19-11-2018
Una bomba nel vostro intestino
Un intestino non curato, popolato da batteri e funghi patogeni opportunisti e patogeni (in particolare Candida albicans ) e inquinato da cibo mal digerito rischia...
Piu info
19-09-2016
Probiotici, molti effetti preventivi e curativi
I risultati clinici pubblicati negli ultimi quindici anni evidenziano i molteplici effetti benefici dei probiotici. Essi sembrano avere effetti preventivi e curativi, in particolare nei...
Piu info
14-03-2017
Dermatite atopica: l'interesse dei prebiotici e dei...
Tra il 30% e il 40% della popolazione mondiale sarebbe colpita da un'allergia. Dalle molteplici cause, quest'ultima può manifestarsi in diverse forme, tra cui allergia...
Piu info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua