Home   >  Antietà  >  PQQ può ringiovanire le...
02-08-2016

PQQ può ringiovanire le nostre cellule

Il primo integratore nutritivo anti-età che stimola e genera mitocondri nuovi, assicurando la longevità di tutte le cellule.

Cosa sono i mitocondri?
I mitocondri sono le centrali energetiche delle cellule e ne consentono il funzionamento a pieno regime. Presenti in grandi quantità negli organismi giovani, scompaiono gradualmente con l'età e quelli che rimangono sono meno efficienti e producono più scarti. Questa disfunzione origina una significativa carenza energetica, coinvolta nella maggior parte delle malattie degenerative associate all'invecchiamento: disturbi fisici e cognitivi, degradazione cellulare accelerata, problemi cardiovascolari e altro.
Nel 2002, il famoso studio del Dott. Bruce Ames (professore emerito di Biochimica presso l'Università di California, Berkeley) dimostrò che la sinergia di acetil-L-carnitina e R-lipoico ottimizzava il funzionamento dei mitocondri e rallentava il processo di invecchiamento. Attualmente si sa che altri nutrienti come il resveratrolo e il coenzima Q10 consentono di migliorare il funzionamento dei mitocondri esistenti.

Migliorare il funzionamento dei mitocondri esistenti è importante, tuttavia aumentarne il numero, perfino nelle cellule senescenti, agevolando la biogenesi e quindi attivando i geni che regolano la protezione, la riproduzione e la riparazione rappresenta un progresso eccezionale!
Tutto questo è ora possibile grazie al PQQ (pirrolochinolino chinone): attualmente infatti non non vi è altro modo per aumentare il numero di mitocondri, escludendo l'esercizio aerobico intenso o una restrizione calorica impegnativa.

Nome in codice PQQ: un importantissimo progresso nel campo della bioenergetica mitocondriale.
Nel mondo naturale il PQQ è presente ovunque, in particolare in tutte le specie vegetali. È un potente fattore di crescita delle piante, dei batteri e degli organismi superiori. Tuttavia né l'uomo né i batteri che colonizzano il tratto gastrointestinale umano dispongono della capacità di sintetizzare questa sostanza e per questo motivo i ricercatori lo hanno classificato come nutriente indispensabile per la vita. Nuova vitamina o coenzima nuovo? In termini di efficacia contro l'invecchiamento, la sua denominazione ha poca importanza.

Protezione dei mitocondri contro lo stress ossidativo
La causa principale della disfunzione mitocondriale è lo stress ossidativo e l'interesse fondamentale del PQQ per la prevenzione anti-invecchiamento si situa a livello mitocondriale. Grazie alla sua elevata stabilità, il PQQ dimostra di essere una potente arma antiossidante, di gran lunga superiore agli antiossidanti tradizionali per la protezione del DNA mitocondriale. Trasferendo una grande quantità di elettroni, questa sostanza neutralizza i principali radicali liberi che intralciano il corretto funzionamento dei mitocondri senza subire alcuna degradazione molecolare. Inoltre, e ciò non sorprende, il PQQ si dimostra notevolmente efficace nella lotta contro le malattie degenerative legate all'invecchiamento e al calo energetico dei due organi più importanti dell'organismo: il cervello e il cuore.

Neuroprotezione e miglioramento della funzione cognitiva
Il PQQ protegge significativamente le cellule cerebrali contro i danni ossidativi e la neurotossicità indotta da alcune tossine quali il mercurio. Migliora le prestazioni nei test di memoria e interagisce positivamente con i sistemi dei neurotrasmettitori nel cervello. Secondo alcuni studi, impedisce lo sviluppo di una proteina associata alla malattia di Parkinson e protegge inoltre le cellule nervose contro i danni ossidativi della proteina beta-amiloide associata alla malattia di Alzheimer.
Un recente studio in doppio cieco e placebo hanno dimostrato che una dose giornaliera di 10-20 mg di PQQ migliora notevolmente la memoria a breve termine e la capacità di concentrazione in giovani adulti rispetto al gruppo di controllo ricevente solo la dose placebo. E tra gli adulti di età più avanzata, l'integrazione di 20 mg al giorno di PQQ ha determinato miglioramenti elevati in test di funzionalità cognitive, soprattutto quando i soggetti assumevano anche 300 mg al giorno di CoQ10. Questa combinazione può essere utilizzata per migliorare lo stato mentale e la qualità della vita. Inoltre contribuisce a rallentare o a prevenire il declino cognitivo.

Cardioprotezione e miglioramento dei livelli di energia
Alcuni studi hanno dimostrato che il PQQ supporta la resistenza delle cellule muscolari cardiache allo stress ossidativo e che in caso di ictus o infarto dell'animale, l'assunzione di PQQ può ridurre significativamente la dimensione delle aree danneggiate. Inoltre, poiché i mitocondri sono responsabili della produzione di energia, l'assunzione di PQQ agevola l'attività fisica e la rende più efficiente.

Solubile in acqua, il PQQ non si accumula e non comporta fenomeni di intolleranza, neppure in dosi elevate. Questa sostanza può essere consumata da chiunque, nella speranza di bloccare uno dei principali meccanismi responsabili dell'invecchiamento. Il PQQ si aggiunge alla serie di sostanze anti-invecchiamento già note ed è utilizzabile contemporaneamente o alternativamente con i mimetici della restrizione calorica (resveratrolo, oxaloacetato) o con gli attivatori della telomerasi (cicloastragenolo, astragaloside IV).
Ordinare prodotti
PQQ & Q10

Pyrroloquinoline Quinone & Coenzyme Q10
Sinergia orientata contro i deficit cognitivi

www.supersmart.com
Mitochondrial Formula

Ringiovanire le cellule senescenti generando nuovi mitocondri

www.supersmart.com

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua