Home   >  Sistema Endocrino  >  Chirurgia estetica naturale -...
11-04-2016

Chirurgia estetica naturale

regolatori dell'adiposità Quando una persona tende ad ingrassare spesso si attribuiscono le cause del problema ad un fattore genetico o ad un'eccessiva alimentazione. Tuttavia, numerosi studi scientifici hanno dimostrato che gli squilibri ormonali sono spesso associati ad un'ipertrofia degli adipociti in diverse zone del corpo. Fino a ieri, perdere il grasso localizzato era una leggenda ma oggi la ricerca ci dimostra il contrario1.

Dimagrire è facile, liberarsi del grasso definitivamente è tutt'altra cosa. Nei cinque anni successivi alla dieta, il 95% delle persone riprende almeno il peso iniziale2. Diminuire la percentuale di grasso corporeo al di sotto del 10% non è difficile per un buon nutrizionista, ma è meno facile perdere il grasso localizzato ostinato. Per eliminare gli accumuli di grasso dall'interno coscia o la "pancetta", per esempio, è necessario conoscere a fondo la fisiologia ormonale.
In molte persone il grasso localizzato dipende soprattutto da anomalie nella biochimica organica. Gli squilibri ormonali, per esempio un eccesso di insulina e di cortisolo nel sangue, una diminuzione dell'ormone della crescita, un eccesso di testosterone nelle donne o un calo di testosterone negli uomini spesso si manifestano in questo modo. Riuscire ad individuare le zone in cui si accumula il tessuto adiposo permette di utilizzare rimedi naturali senza dover ricorrere ad un intervento chirurgico.

Sovrappeso, genotipo contro fenotipo

Il tessuto adiposo in eccesso costituisce un vero e proprio rischio per le aspettative di vita. La pressione dei media spinge molte persone a cercare di ottenere un fenotipo atletico. Oggi gli scienziati, incoraggiati dall'industria farmaceutica, studiano per trovare la molecola miracolosa o il gene responsabile del sovrappeso, ma nessuno si interessa alle cause.
Nel 90% delle persone, il principale responsabile del sovrappeso è rappresentato da un ambiente inadeguato.3. Per fare un esempio personale, la mia genetica non mi predispone ad essere particolarmente magro o ad avere un fisico atletico ma a mettere su peso. Esaminando attentamente i miei test genetici, ho notato di avere otto geni, tutti i fattori di obesità e di sindrome metabolica. Ma il fattore più importante è il fenotipo che è il risultato della combinazione dei geni e dell'ambiente. Quindi, per ottenere una salute migliore ed un "fenotipo atletico” dovrò seguire delle semplici regole: non sottoporre i miei geni all'aggressione del cibo spazzatura, praticare esercizio con moderazione, gestire lo stress, dormire a sufficienza, espormi regolarmente per un certo tempo alla luce del sole ed assumere buoni integratori alimentari.

Potenti regolatori dell'adiposità

Controllando il suo stile di vita, l'uomo contribuisce a migliorare il proprio sistema ormonale. Gli ormoni esercitano una forte influenza sulla distribuzione del grasso corporeo. Il sovrappeso dovuto all'età dipende da una cascata di cambiamenti ormonali e fisiologici. L'età, la cattiva alimentazione, la mancanza di esercizio fisico o una cattiva gestione dello stress alterano profondamente l'omeostasi ormonale causando, come prima cosa, l'aumento del grasso corporeo.
Gli ormoni responsabili dei cuscinetti e delle "maniglie dell'amore" sono lipogenici: l'insulina e il cortisolo sono i più noti. Quelli che, al contrario, permettono di modellare armoniosamente il corpo sono i lipolitici (distruttori di grasso) e gli anabolizzanti (generatori di massa muscolare). Questi campioni del fitness sono il testosterone, la DHEA, l'ormone della crescita e gli ormoni tiroidei (soprattutto la triiodotironina o T3).
Così, gestendo la funzione del pancreas e delle ghiandole surrenali, si riduce del 80% il rischio di malattie e si migliora la composizione corporea. Gli ormoni agiscono sull'accumulo o sulla perdita di tessuto adiposo attraverso diversi meccanismi, tra cui i principali sono l'azione della lipoproteina lipasi (LPL), degli adipociti e dei meccanismi adrenergici. Quindi, il cortisolo e l'insulina in eccesso facilitano l'accumulo di grasso aumentando la LPL. L'ormone della crescita e gli ormoni sessuali la inibiscono e, di conseguenza, accelerano la lipolisi stimolando l'AMP ciclico attraverso dei recettori beta-adrenergici.
Il grasso corporeo si distribuisce in modo diverso negli uomini e nelle donne. L'uomo accumula il grasso nella parte superiore del corpo (forma a mela) e le donne nella parte inferiore (forma a pera). Un'altra differenza è la disparità dei rischi associati all'obesità. Essa provoca un aumento dell'incidenza del diabete di tipo II, delle malattie coronariche e della morte prematura negli uomini, mentre le donne sono relativamente protette fino alla menopausa.

La “firma” ormonale del grasso localizzato

Molto spesso, uno squilibrio ormonale è dovuto ad uno stile di vita scorretto o ad un ambiente sfavorevole. Se comprendiamo la “firma” ormonale in una particolare zona del corpo, possiamo intervenire sul grasso localizzato in eccesso.
Otto zone ci permettono di identificare diversi problemi ormonali dell'organismo; queste possono essere rapidamente esaminate visivamente, o più precisamente, pizzicando la piega cutanea per capire lo spessore del tessuto adiposo.
Otto zone di grasso localizzato = otto firme ormonali


Guancia e del collo: queste sono le prime aree in cui il grasso in eccesso diminuisce con una dieta e non sono particolarmente collegate ad uno squilibrio ormonale.
Quadricipiti e tricipiti: un eccesso di grasso sulle cosce e sui tricipiti è correlato ad alti livelli di estrogeni.
Supra-iliaca e sottoscapolare: le famose "maniglie dell'amore" ed il grasso al centro della parte superiore della schiena riflettono una scarsa sensibilità all'insulina ed un'intolleranza ai carboidrati.
Sotto ombelicale: la piccola tasca di grasso sotto l'ombelico e l'addome ipertrofico, come nella sindrome metabolica, segnalano un eccesso di cortisolo, l'ormone dello stress, oppure una carenza di testosterone negli uomini ed un suo eccesso nelle donne .
Pettorali e tricipiti: il grasso in eccesso in questa zona indica sia una mancanza di testosterone sia un eccesso di estradiolo nell'uomo.
Mid-ascellare: questa zona è correlata con l'ormone tiroideo.
Ginocchio: un eccesso di tessuto adiposo in questa zona è indice di un deficit dell'ormone della crescita.

Chirurgia estetica naturale

Una volta fatta la diagnosi di localizzazione del grasso, bisogna stabilire un protocollo per farlo sparire. In tutti i casi, un'alimentazione ipotossica e ipoallergenica è essenziale: una dieta biologica ricca di frutta e verdura, pesce, carne magra, noci e olio di prima scelta spremuto a freddo con moderazione e l'eliminazione delle intolleranze alimentari, che farebbero fallire qualsiasi tentativo di perdere peso.
L'aspetto calorico è importante, ma non basta. Perdere peso non significa nulla. La maggior parte delle diete fanno perdere acqua e massa muscolare, ma si limitano a rallentare il metabolismo. Basta un leggero deficit quotidiano di 500 calorie.
Moltissime ricerche scientifiche hanno dimostrato che la ripartizione di grassi, proteine e carboidrati ha effetti significativi sulla perdita di grasso corporeo e sul metabolismo, attivando segnali diversi4,5,6. Essa permette di incidere sugli ormoni (insulina, leptina, glucagone, ecc), sull'appetito, sulla termogenesi (produzione di calore), sugli UCP (disaccoppiamento proteine) e su 1000 altri effetti troppo numerosi da spiegare in questa sede.
E' la legge della termodinamica. Oggi, i nutrizionisti devono riconoscere che una dieta isocalorica ha effetti diversi sulla leptina, sul dispendio energetico, sull'assunzione di cibo e sull'equilibrio azotato, ricordando che l'adattamento fisiologico ad una dieta può essere modificato dalla composizione dei macronutrienti. L'assunzione giornaliera di un complesso multivitaminico-minerale può correggere una carenza specifica, soprattutto quando vi è un deposito di grasso legato a squilibri ormonali. Praticare esercizio fisico è più che consigliabile. Essere attivo, camminare, correre con moderazione e praticare esercizi per lo sviluppo della muscolatura una o due volte a settimana è più che sufficiente. Spesso, il grasso localizzato non viene eliminato rapidamente, a volte mai. Un'integrazione mirata e personalizzata darà risultati eccellenti grazie alla sua capacità di modulare il sistema ormonale.

1a zona nelle donne: quadricipiti e tricipiti

Un eccesso di grasso sulle cosce e sui tricipiti indica l'esistenza di livelli di estrogeni più o meno elevati 7. Nelle donne, il tricipite flaccido e grasso segnala uno squilibrio ormonale dovuto ad un eccesso di estrogeni o dei suoi metaboliti, di xenoestrogeni o all'assunzione di una pillola non adatta che contiene progestinici o alcuni tipi di estrogeni inadatti.
L'eccesso di estrogeni aumenta il numero dei recettori adrenergici alfa-2 sugli adipociti ipertrofici in queste zone del corpo, soprattutto nel grasso ginoide. Così, come dimostrato dagli studi del Professor Lafontan, direttore dell'INSERM di Tolosa, l'eccesso di recettori alfa 2 riduce sensibilmente la lipolisi 8 e rallenta la perdita di grasso, anche in presenza di uno sforzo fisico.
Il nostro ambiente e la nostra alimentazione ci espongono ad un'overdose di estrogeni 9 . Senza esserne consapevoli, noi ingeriamo, respiriamo e inquiniamo il nostro corpo con numerosi prodotti che agiscono come gli estrogeni. Queste sostanze, gli "xenoestrogeni" (in greco, xeno significa "straniero" o "che viene dall'esterno") sono ovunque nel nostro ambiente, nelle nostre case e nell'intera catena alimentare.
Liposuzione fitoterapica della zona dei glutei


Per perdere il grasso ginoide, bisogna eliminare le fonti di inquinanti: i bifenili policlorurati (PCB) nelle cere, le colle, gli spray, i pesticidi-insetticidi della nostra alimentazione, gli ftalati delle plastiche rilasciati con il calore o la cottura, tutti fonti di xenoestrogeni.

• La fitoterapia permette di ridurre e disintossicare l'eccesso di estrogeni e xenoestrogeni e, contemporaneamente, di stimolare la lipolisi inibita dall'aumento dei recettori alfa 2.
• Dobbiamo espellere questi xenoestrogeni attraverso l'indolo-3-carbinolo contenuto in alcune verdure, come il cavolo e i broccoli o, in forma più concentrata, negli integratori10. Un altro indolo più potente, il diindolimetano (DIM), mostra un'attività antiestrogenica e lipolitica. Un recente studio11 ha prodotto risultati incoraggianti: il gruppo testato ha ottenuto un incremento di 1,3 kg di muscoli ed ha perso 1,3 kg di massa grassa in 8 settimane.
• L'assunzione di yohimbina, un antagonista alfa-2, potrebbe rappresentare la soluzione ideale12. Purtroppo, però, l'assunzione per via orale nelle donne limita il suo assorbimento in queste zone adipose, mentre l'applicazione cutanea è più efficace ma le forme disponibili in crema contengono pochissimo principio attivo13.
• Uno degli agenti più efficaci sulla lipolisi rimane la forskolina14. In caso di cellulite, tutti questi agenti sono efficaci ma alcuni enzimi proteolitici, come la bromelina, possono completarne l'azione. In caso di cellulite fibrosa, gli zuccheri forniti dalla dieta devono essere significativamente ridotti per limitare il fenomeno della glicazione delle proteine che è alla sua origine.

2a zona: il grasso sovra-iliaco e sottoscapolare, le "maniglie dell'amore" (donne e uomini)

Le persone che accumulano grasso in eccesso nella regione sovra-iliaca e, in misura minore, nella regione sub-scapolare presentano un eccesso di insulina dovuta ad una resistenza all'insulina15. Questa anomalia ormonale di insulino-resistenza riduce in aggiunta l'effetto pulsatile dell'ormone della crescita, importante per l'ossidazione dei grassi 16 . L'organismo, inoltre, non riesce ad utilizzare efficacemente il glucosio, generando una serie di problemi tra cui la mancanza di energia ed un maggiore accumulo di grasso, soprattutto in quelle zone. Nella donna, ci può anche essere un eccesso di testosterone.
Liposuzione fitoterapica delle regioni sovra-iliaca e sub-scapolare


In un primo tempo, il controllo dei livelli di zucchero nel sangue sembra inevitabile e viene ottenuto con piccoli pasti a basso indice glicemico e con meno carboidrati17. Essi sono ricchi di fibre, ipotossici ed ipoallergenici. Anche l'esercizio fisico migliora la sensibilità all'insulina.
• Molti atleti assumono, da 20 a 30 minuti prima dei pasti, dell'acido lipoico R18 per i suoi considerevoli effetti sulla sensibilità all'insulina. La dose può variare da 100 a 300 mg a seconda della quantità di carboidrati ingeriti. Anche gli Omega-3, il cromo picolinato ed il vanadio riducono la resistenza all'insulina e permettono di perdere le "maniglie dell'amore"19.

3a zona: il grasso sotto ombelicale (grasso viscerale)

L'eccesso di grasso in questa parte del corpo denota un aumento della produzione di cortisolo20. Alti livelli di cortisolo nel sangue diminuiscono notevolmente gli ormoni lipolitici, come l'ormone della crescita ed il testosterone, e, come se non bastasse, aumentano in modo significativo la resistenza all'insulina. Una vera e propria "zuppa ormonale" negativa che ha per conseguenza numerose patologie come la sindrome X, il diabete di tipo II, l'obesità e i disturbi cardiovascolari. Oltre ad essere sgradevole, questo grasso in eccesso è pericoloso perché precursore di adipocitochine proinfiammatorie.
Liposuzione fitoterapica della zona ombelicale


La soluzione consiste nel ridurre l'eccesso di cortisolo21 limitando il consumo di caffeina e di zucchero. La gestione dello stress è di importanza fondamentale, ma l'aggiunta di integratori che influiscono sull'asse dello stress può essere molto utile a ridurre rapidamente questo tessuto adiposo in eccesso.
• La Rhodiola rosea agisce sugli ormoni dello stress riducendo notevolmente l'eccesso di stimolazione dell'asse dello stress (CRF-ACTH-cortisolo) e la produzione delle catecolamine (noradrenalina e adrenalina) da parte della midollare del surrene22,23. In tal modo, previene gli effetti negativi dello stress acuto e cronico e l'aumento del grasso viscerale e sotto ombelicale.
• Anche la fosfatidilserina, assunta in dosi tra 400 e 800 mg, 24 diminuisce la produzione di cortisolo. Gli Omega-3 riducono l'appetito, bruciano i grassi, evitano il loro accumulo, diminuiscono gli ormoni dello stress e migliorano la sensibilità all'insulina e alla leptina.

4a zona: pettorali e tricipiti (uomo e donna)

Nell'uomo, dopo i 40 anni, i cambiamenti ormonali avvengono parallelamente all'eccesso di grasso nelle regioni addominali e pettorali. Il più significativo è la riduzione del testosterone libero insieme all'aumento di estradiolo25. L'estradiolo aumenta a causa di una sovrapproduzione di aromatasi, un enzima che converte il testosterone in estrogeni. Questi ultimi sono essenziali per l'uomo, ma pericolosi per la salute (infarto, ipertrofia della prostata ...) quando sono in eccesso. Quando vi è pochissimo testosterone, gli estrogeni si legano ai suoi recettori in tutto il corpo e sull'ipotalamo, rallentando così la produzione endogena testicolare. Si crea, quindi, un circolo vizioso responsabile dei problemi di libido e di eccesso di grasso corporeo (pettorali, addome). In questo caso, la somministrazione di testosterone non funziona a causa dell'elevata attività di aromatizzazione. Un'altra complicazione è data dall'aumento della produzione di ormoni sessuali-globulina legante (SHBG), che legano il testosterone libero nel sangue e rendono impossibile il suo legame con i recettori cellulari.
La liposuzione della zona pettorale


Uno stile di vita sano è fondamentale. Il grasso in eccesso determina la produzione di estrogeni e la perdita di tessuto adiposo permette di ottimizzare il rapporto testosterone / estradiolo. L'alcol e alcuni farmaci che alterano le funzioni epatiche sono da proibire. L'inibizione dell'aromatasi porta ad una riduzione dei livelli di estradiolo, aumentando quelli del testosterone26.
• Qualsiasi molecola in grado di inibire l'aromatasi è più che raccomandata negli uomini in questa situazione. L'assunzione di crisina associata con piperina inibisce l'aromatasi in maniera naturale, aumentando il testosterone libero e diminuendo il tasso di estradiolo. Lo stesso vale per il resveratrolo27. Un miglior tasso di testosterone permette quindi di perdere grasso corporeo, soprattutto sul petto. L'assunzione di estratto di ortica (Urtica dioica) permette di "staccare" il testosterone dalla SHBG e di mettere in circolazione una maggiore quantità di testosterone libero (forma utile) per bruciare i grassi28.

5a zona: mid-ascellare (uomo e donna)

Quando la tiroide non funziona correttamente, può dar luogo a tutta una serie di problemi di salute, ad un aumento di peso (anche senza grande appetito) e ad una difficoltà a dimagrire. In caso di ipotiroidismo confermato dalle analisi, è indispensabile una terapia sostitutiva con medicinali. Tuttavia, esistono diversi modi per migliorare il funzionamento di una ghiandola poco attiva. Bisogna prima di tutto eliminare alcune verdure crude, soprattutto le crocifere come i cavoletti di Bruxelles, i cavoli, i cavolfiori, i broccoli, la verza e i semi di soia, che contengono nutrienti chimici chiamati goitrogenici che sono in grado di rallentare l'attività tiroidea.
La liposuzione della zona mid-ascellare

Secondo un recente studio, il 50% dei pazienti con un deficit della ghiandola tiroidea ha riscontrato un miglioramento della propria condizione dopo l'utilizzo di integratori di zinco 29. Anche il selenio30 (tra i 100 e i 200 mcg) e il ferro sono essenziali per il suo corretto funzionamento poiché stimolano l'enzima 5-deiodinasi nel fegato permettendo una maggiore produzione di T3. Il guggul 31 e l'ashwagandha32, utilizzati nella medicina Ayurvedica, hanno la proprietà di stimolare e regolare l'attività della ghiandola tiroidea. La mancanza o l'eccesso di iodio possono causare un'insufficienza di ormoni tiroidei. In questo caso, un'alga come la Fucus visiculosus permette di ripristinarne la secrezione. Una volta aumentato il metabolismo in tal modo, l'organismo si libera più rapidamente del grasso in eccesso.

6a zona: le ginocchia (uomo e donna)

Un eccesso di grasso sopra il ginocchio indica un deficit dell'ormone della crescita, segnalato anche da altri sintomi: capelli sottili, assottigliamento delle labbra e del gruppo mascellare, pelle disidratata, ventre cadente. L'eccesso di cibo o il cibo spazzatura, precursori di insulina, e lo stress cronico, precursore di cortisolo, sono responsabili di una diminuzione dell'ormone della crescita di cui inibiscono il rilascio. Anche la mancanza di sonno ed il poco esercizio fisico possono concorrere a tale diminuzione.
Liposuzione del ginocchio


Per stimolare l'ormone della crescita, uno stile di vita sano è essenziale, così come un buon equilibrio ormonale. Praticare intensivamente dell'esercizio fisico una o due volte a settimana per 20 minuti è sufficiente a migliorare la situazione se in associazione con una dieta sana che contenga quantità sufficienti di amminoacidi. L'assunzione di glutammina, ornitina e arginina a stomaco vuoto prima di coricarsi è raccomandata per aumentare la produzione endogena, sinonimo di perdita di grasso corporeo33.
LACROIX Bruno
Ordinare prodotti
Crominex 3+

Aiuta a ridurre la massa grassa conservando la massa muscolare.
Sicurezza ed efficienza - Forma altamente biodisponibile

www.supersmart.com
DIM (diindolilmetano)

Modula positivamente il metabolismo degli estrogeni nell'uomo e nella donna

www.supersmart.com
7-Keto™ 100 mg

Il dosaggio brucia grassi del 7-keto™ DHEA

www.super-nutrition.com
Natural Anti Aromatase Support

Formula migliorata con DIM, quercetina e camenèrio

www.supersmart.com
Forskoline 100 mg

Estratto standardizzato al 10% di forskolina, restaura la sensibilità dei recettori ormonali

www.supersmart.com
R-Lipoic Acid 100 mg, 90 Vcaps

La forma naturale e biocompatibile dell'acido alfa lipoico

www.supersmart.com
PS 100

Fosfatidilserina standardizzata

www.supersmart.com
Chrysine 500 mg

Inibitore della aromatizzazione del testosterone in estrogeni

www.supersmart.com
Rhodiola rosea 300 mg

Nuova formulazione migliorata
Una concentrazione molto più elevata di principi attivi

www.supersmart.com
Resveratrol Synergy

Nuova formula più potente, con fisetina
Migliora i biomarcatori dell'invecchiamento e favorisce l'espressione dei geni e della longevità.

www.supersmart.com
Nettle Root Extract 500 mg

Estratto di Ortica dioica standardizzata 16:1
Raccomandato dalla Commissione Europea tedesca per alleviare i disturbi urinari associati all'ipertrofia benigna della prostata.

www.supersmart.com
Zinc Orotate 50 mg

Interviene in una moltitudine di processi cellulari ed enzimatici

www.supersmart.com
L-Selenomethionine 200 mcg

La forma di selenio con la migliore biodisponibilità

www.supersmart.com
L-Glutamine

Indispensabile per la sintesi proteica, qualità farmaceutica

www.supersmart.com
Arginine Alpha Ketoglutarate (AKG) 1000 mg

Una forma migliorata e più biodisponibile di arginina

www.supersmart.com
Ornithine Alpha Ketoglutarate (OKG) 1000 mg

Una forma migliorata e più biodisponibile di ornitina

www.supersmart.com
A découvrir aussi
01-11-2017
La crema al progesterone naturale, il modo...
Il progesterone svolge un ruolo fondamentale in tutte le fasi della vita di una donna. Un'integrazione con progesterone naturale, bioidentico a quello prodotto dall'organismo, ha...
Più info
05-08-2016
Perdere peso senza muovere un dito
Ecco una soluzione semplice per bruciare calorie senza doversi muovere o fare intenso esercizio fisico. I ricercatori hanno scoperto che il corpo aumenta il dispendio...
Più info
10-05-2016
Ho provato di tutto per perdere peso
Se state cercando di perdere peso senza successo, è probabile che vi manchi un ingrediente. Questo ingrediente può essere una buona flora intestinale. Si è...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua