Home   >  Probiotici e prebiotici  >  Probiotici: le ultime scoperte...
17-10-2018

Probiotici: le ultime scoperte annunciano una vera e propria rivoluzione intestinale

Probiotici Per trovare ecosistemi ancora inesplorati, non è necessario andare a studiare i fondali marini abissali o il suolo dei pianeti tellurici. L'ignoto è nascosto nel cuore del nostro intestino : più di 100.000 miliardi di batteri fioriscono al suo interno, con un peso totale più importante di quello del nostro cervello. Qualche decennio fa, nessun ricercatore avrebbe immaginato un universo così ricco. Siamo ancora lontani dal capire come funziona questo organo "straniero", i cui geni sono 25 volte più numerosi dei nostri, ma stiamo scoprendo, ogni giorno, una nuova implicazione di questo organo con la nostra salute. Implicazioni sorprendenti che hanno rivoluzionato il modo in cui intendiamo alcune delle malattie attualmente in crescita come asma, depressione, obesità, allergie, autismo e malattie autoimmuni.

Siamo un essere ibrido "umano-microbico"

Come possiamo spiegare che alcuni batteri che vivono nell'intestino possono causare disfunzioni che interessano l'intero corpo umano? La comunità scientifica ne è ormai certa: l'uomo e il suo microbiota vivono in simbiosi. Nel corso delle generazioni, si sono evoluti molto strettamente fino al punto che ora sono solo un essere ibrido uomo-microbico in cui l'uno è indispensabile per l'altro. L'uomo ingerisce una quantità di alimenti che non può digerire, ma che vengono utilizzati per nutrire miliardi di microbi nel tratto digestivo. In cambio, questi microrganismi benefici migliorano l'aspettativa di vita, aumentando il tasso di assorbimento di micronutrienti importanti, modulando lo stress o equilibrando il tessuto adiposo. Aiutano le persone a vivere più a lungo e, così facendo, garantiscono la propria sopravvivenza. Più utile ed efficace è un microbiota, più è probabile che gli esseri umani sopravviveranno, e quindi si riprodurranno, e più è probabile che saranno in grado di trasmettere gli stessi gruppi di batteri alla loro progenie. Durante il parto, la flora intestinale della madre viene trasmessa interamente al neonato. È una miscela unica e preziosa che garantisce la sua salute ottimale per iniziare una nuova vita all'aria aperta.


Fattori che incidono sul microbiota


Nel corso del tempo, l'uomo ha delegato sempre più funzioni a questo straordinario organo. Il nostro microbiota si è preso carico di parte della maturazione del nostro sistema immunitario: insegnandogli a reagire adeguatamente ai batteri benefici o patogeni, contribuisce ad un migliore equilibrio immunitario e al funzionamento ottimale del nostro sistema di difesa. Modula anche i livelli infiammatori del sistema nervoso comunicando costantemente con il cervello. Ci fidavamo di lui senza conoscerlo veramente e ora non possiamo più fare a meno di lui. Oggigiorno, questo è un vero problema perché abbiamo adottato nuovi stili di vita che non rispondono più alle sue esigenze. Apportando profondi cambiamenti nella nostra alimentazione, abbiamo in qualche modo rotto il contratto che ci legava al nostro microbiota. Quest'ultimo non trova più combustibile interessante negli alimenti che ingeriamo, il che lo porta gradualmente a disertare il nostro intestino. E ancora peggio, gli mettiamo i bastoni fra le ruote ingerendo degli alimenti improbabili i cui elementi non digeriti alimenteranno dei batteri patogeni concorrenti! Quindi non c'è da stupirsi se il tutto si sta sgretolando. Il microbiota soffre e l'uomo ne risente : diventa più sensibile, meno stabile, più malato.

Questi 100.000 miliardi di amici intimi che stiamo perdendo

L'evoluzione della nostra alimentazione sta indebolendo la sopravvivenza dei 100.000 miliardi di amici con i quali abbiamo camminato mano nella mano per millenni. Questi amici sono tuttavia unici: non ci sono due microbioti identici nel mondo. Alla nascita, ognuno di noi ha una combinazione che dipende sia dai nostri geni che dai ceppi che nostra madre ci ha trasmesso, ma questo cambia nel tempo, a seconda di fattori ambientali come il nostro livello di attività fisica o la nostra alimentazione. In altre parole, la composizione del nostro microbiota non è mai acquisita: deve essere mantenuta perché può deteriorarsi in qualsiasi momento. Quando si deteriora, si riscontra una diminuzione della diversità dei microbi benefici, ma anche la presenza di batteri che non si trovano in un microbiota sano. Attraverso il sequenziamento del DNA, i ricercatori hanno evidenziato questo tipo di batteri nel tratto digestivo di persone affette da diabete, obesità o cirrosi. La maggior parte di loro avrebbe molto probabilmente un ruolo nell'aumento di peso e nei processi infiammatori che si trovano in molte malattie.

"Le malattie autoimmuni e le allergie sono legate ai disturbi intestinali " autore d’Ecosystème intestinal et santé optimale". Georges Mouton

Cosa succederebbe se i microrganismi benefici lasciassero definitivamente il nostro intestino? I ricercatori hanno mostrato recentemente che senza questi amici, un mammifero non andrebbe molto lontano. Alcuni esperimenti condotti su alcuni roditori cresciuti "in una bolla" e mai a contatto con nessun microbo (cioè senza microbiota) lo hanno dimostrato molto bene. Per questi roditori nulla è facile: l'assenza di batteri li rende molto vulnerabili agli agenti patogeni e vengono rapidamente divorati da malattie, allergie e stress. Come gli esseri umani, i roditori si sono evoluti in simbiosi con un gruppo di batteri benefici che soddisfano le loro esigenze e si adattano alla loro alimentazione specifica. Queste esperienze sono quindi facilmente trasferibili all'uomo. Senza un microbiota intestinale, non potremmo sperare di vivere in buona salute e probabilmente anche sperare di vivere. Fortunatamente, non siamo ancora arrivati fino a questo punto. Per il momento il nostro microbiota è ancora vivo, ma la sua composizione sta cambiando e la qualità dei ceppi che lo compongono si sta deteriorando sempre più velocemente. Le conseguenze sono già evidenti e tutto indica che questo è solo l'inizio:


  • Il numero e la diversità delle malattie autoimmuni (diabete di tipo 1, sclerosi multipla, artrite reumatoide, lupus, sindrome di Reynaud...) stanno aumentano a dismisura. Queste patologie poco conosciute sono il risultato di una disfunzione del sistema immunitario che lo porta ad attaccare i normali componenti dell'organismo. Il loro numero è aumentato costantemente a partire dagli anni Settanta: oggigiorno sono quasi 80.
  • L'infiammazione cronica, quasi sistematica nel caso di malattia autoimmune, si sta diffondendo molto velocemente. Spesso asintomatica nelle sue fasi iniziali, tende a diventare cronica quando compaiono i sintomi. Lentamente ma inesorabilmente, favorisce i cambiamenti locali dell'organizzazione cellulare e tissutale e porta alla comparsa di patologie molto diverse (cardiovascolari, neurodegenerative, autoimmuni...).
  • L'incidenza delle allergie è aumentata significativamente negli ultimi 30 anni. Queste ultime corrispondono ad una perturbazione del sistema immunitario associata ad una perdita di tolleranza verso sostanze a priori innocue: gli allergeni. Le allergie possono avere delle manifestazioni cutanee (orticaria, dermatite), respiratorie (rinite, asma) o generalizzate (anafilassi) : si stima che il 30% della popolazione sia affetto da una malattia allergica. Non è mai successo prima.
  • Anche le malattie che colpiscono il sistema cognitivo come la depressione, la schizofrenia o le malattie neurodegenerative sono in aumento e hanno un legame diretto con il microbiota.

Il deterioramento del nostro microbiota si manifesta con la sostituzione di alcuni ceppi benefici con agenti patogeni, ma anche con la drastica diminuzione della diversità dei microrganismi. Fino a qualche anno fa, pensavamo che fosse importante evitare il più possibile che i neonati venissero a contatto con i microbi. Si tratta di un'altra epoca, non del tutto finita, che ha visto aumentare a dismisura il numero di cesarei, di trattamenti antibiotici intensivi e di drastiche misure igieniche. Oggigiorno sappiamo che si tratta di un errore drammatico: i microbioti dei neonati hanno tardato a diversificarsi e oggigiorno gli adulti hanno un sistema immunitario carente che favorisce lo sviluppo di innumerevoli patologie. I ricercatori hanno scientificamente mostrato che i mammiferi allevati in ambiente sterile sviluppavano delle allergie più gravi rispetto ai loro omologhi normalmente allevati, il che coincide con un'antica constatazione secondo cui i bambini che vivono in fattoria (e che sono oggigiorno in numero sempre minore) sviluppano molte meno allergie rispetto ai bambini che vivono in città.


Flora intestinale


Come si spiega questo paradosso? È durante i primi anni di vita che i microbi insegnano al sistema immunitario a controllarsi. Gli insegnano molto attentamente come riconoscere gli intrusi, come reagire in modo appropriato, come tollerare alcuni di loro e combatterne altri. Al loro fianco, il sistema immunitario impara anche a modulare le sue reazioni, ad essere meno impulsivo o più diretto quando la situazione lo richiede. Si tratta di un vero e proprio allenamento al termine del quale l'organismo sarà in grado di bilanciare al meglio le sue risposte immunitarie. Più numerosi e diversificati sono i batteri, più alto è il livello di "insegnamento". Nelle nostre società moderne, questo livello è sempre più basso e i sistemi immunitari non raggiungono mai un grado sufficiente di maturità.

Quando non nutriamo adeguatamente i nostri batteri

I proprietari di animali domestici si preoccupano sempre di più della composizione delle crocchette che danno ai loro fedeli amici. Sono davvero adatti alle loro esigenze? Qual è la quantità dei cereali nella composizione totale? La quantità di micronutrienti corrisponde a quello che mangerebbero in natura? Tali domande sono legittime, soprattutto quando scopriamo i derivati dell'industria agro-alimentare per l'uomo, ma ci fanno sorridere: la maggior parte delle volte, queste persone non si preoccupano affatto dell'alimentazione ideale degli organismi che sono ancora più vicini a loro perché vivono nel loro intestino.

Tuttavia, come i nostri amici a quattro zampe, i microbi simbiotici hanno delle preferenze alimentari. La stragrande maggioranza di questi ultimi preferiscono le fibre alimentari, queste lunghe catene di polisaccaridi che si trovano in abbondanza in frutta e verdura freschi e nei cereali integrali. Ogni specie dispone dei propri enzimi per decomporre, fermentare e utilizzare l'energia contenuta in queste fibre indigeribili per l'organismo umano. Se hai un buon microbiota, queste fibre vengono ridotte in pezzi sempre più piccoli, dall'intestino tenue fino al colon, prima di scomparire completamente alla fine della catena. Rimuovendoli dalla tua alimentazione, questi batteri lasceranno poco a poco il tuo ambiente intestinale, con tuo grande sgomento. Includili massicciamente nei pasti (ma molto gradualmente) e aumenterai al contrario la diversità di questi batteri benefici.


Microbiota e fibre


Purtroppo, le società moderne portano sempre più all'eliminazione delle fibre nell'alimentazione umana piuttosto che l'inverso. Il tracrollo delle tradizioni culinarie, l'industrializzazione dell'alimentazione, la raffinazione dei cereali, l'eliminazione dei prodotti vegetali freschi: tutto contribuisce ad una scarsità di fibre e ad una grave minaccia del microbiota. E aggiungiamo anche che ciò favorisce altri microrganismi concorrenti che sono patogeni.

Le nostre nuove cattive amicizie: i batteri e i funghi patogeni

L'esposizione frequente del nostro organismo agli antibiotici, sia attraverso trattamenti farmacologici regolari o indirettamente attraverso il consumo di animali da allevamento, perturba gravemente il microbiota. Per definizione, questi farmaci ostacolano il funzionamento dei batteri: a medio termine, portano quindi, in modo duraturo e persino definitivo, all'eliminazione dei batteri che popolano il nostro apparato digerente. Naturalmente, dopo la fine di un trattamento, dei batteri ripopolano le terre abbandonate, ma non tutti i batteri benefici ritrovano il proprio posto...

Altri fattori ambientali favoriscono degli agenti patogeni concorrenti. Oltre agli atleti e agli anziani, la maggior parte delle persone occidentali consuma troppe proteine (in Europa, circa 1,7 volte di più di quanto raccomandato), a causa di un accesso quasi illimitato di prodotti di origine animale. Tuttavia, alcuni di questi batteri in eccesso non vengono né digeriti né assimilati dall'organismo: sono quindi ancora intatti quando arrivano nel colon a contatto con il microbiota. Alcuni batteri intestinali riescono a decomporli ma questo consumo porta alla produzione di due prodotti tossici per le cellule della mucosa intestinale: l'idrogeno solforato e il p-cresolo. Entrambi i composti possono entrare nel flusso sanguigno e favorire l'infiammazione in diversi organi come i reni o il fegato. Consumando proteine in eccesso, favoriamo i batteri che le amano e mettiamo il bastone fra le ruote ai nostri alleati di lunga data, i batteri benefici. Lo stesso fenomeno si verifica inoltre quando consumiamo delle quantità di zuccheri raffinati totalmente inappropriate, cioè praticamente ogni giorno. Questa alterazione è drammatica perché le madri trasmettono poi il loro microbiota ai figli: la qualità del microbiota si deteriora quindi di generazione in generazione (20).

Come possiamo interrompere questo processo sgradevole che contribuisce all'infiammazione cronica e allo sviluppo di malattie? Come spesso accade con l'alimentazione, non è facile: dei circoli viziosi si creano insidiosamente, senza preavviso. Così, alcuni ricercatori hanno scoperto che il nostro olfatto sarebbe influenzato dalla natura dei microrganismi che popolano il nostro tratto digestivo! In altre parole, le nostre preferenze alimentari o desideri culinari potrebbero essere in parte dettati dai miliardi di batteri che si nutrono dei resti del pasto. Se hai una flora intestinale di scarsa qualità, che si è adattata ad un'alimentazione troppo ricca di proteine animali, ad esempio, è più probabile che scegliate un menu ricco di carni semplicemente perché il vostro microbiota ti invita a farlo. Questi studi affascinanti aprono delle nuove prospettive per una migliore comprensione dei disturbi delle abitudini alimentari...

Il potere fantastico delle fibre

La mancanza di maturità dei nostri sistemi immunitari non potrà essere recuperata. Ma c'è ancora tempo per verificare che un microbiota il più sano possibile venga conservato o ripristinato. A tal fine esistono due soluzioni principali. La prima, come abbiamo già accennato, consiste nell' aumentare gradualmente la quantità di fibre alimentari (denominate anche prebiotici), diminuendo le fonti di proteine animali e zuccheri raffinati. In questo modo, favoriamo lo sviluppo di batteri sani e non alimentiamo quelli patogeni. Gli alimenti ad alto contenuto di fibre sono relativamente facili da trovare perché si trovano in quasi tutti i legumi e in quasi tutta la frutta e la verdura fresca. Tuttavia, per coloro che avrebbero difficoltà a consumare più di dieci tipi di frutta e verdura al giorno (ad esempio a causa di vincoli di tempo), è possibile ricorrere a dei prebiotici di origine naturale come i frutto-oligosaccaridi, ideati a partire da semplici barbabietole e sufficientemente concentrati per alimentare milioni di batteri benefici.

Tale strategia facilita la ricolonizzazione dell'intestino da parte di batteri benefici, in particolare quelli che rilasciano degli acidi grassi a catena corta (butirrato e propionato). Questi composti, relativamente poco conosciuti, hanno un impatto eccezionale sulla salute. Spiegano gran parte delle proprietà benefiche attribuite al microbiota. Ecco un elenco dei loro effetti sulla salute, capirai meglio:


  • Il butirrato agisce sulla permeabilità della mucosa intestinale. Rafforza l'adesione e la solidità delle giunzioni tra le cellule della parete aumentando l'espressione di diverse proteine strutturali. Riduce efficacemente il passaggio di batteri e di alcuni composti (i lipopolisaccaridi e gli antigeni tossici presenti in massa negli alimenti industriali) attraverso la parete, responsabili dell' infiammazione cronica.
  • Il propionato e il butirrato riducono la produzione di lipidi da parte degli epatociti epatici e impediscono alle cellule di Kupffer di produrre delle citochine proinfiammatorie.
  • Gli acidi grassi a catena corta facilitano la sazietà e aumentano la sensibilità insulinica delle cellule (il che può migliorare l’evoluzione del diabete).
  • Il propionato e il butirrato interferiscono con le cellule immunitarie perridurre l'intensità e l'incidenza di malattie infiammatorie.

Alla luce di queste notevoli proprietà, ci si potrebbe chiedere perché non consumare direttamente degli acidi grassi a catena corta. Infatti, si trovano solo in piccole quantità negli alimenti che potrebbero non essere consigliabili a lungo termine, come il burro o il formaggio. È quindi meglio contare su una flora intestinale stabile, in grado di produrre continuamente questi composti, a due passi dalle loro aree di azione.

Da ricordare : un consumo quotidiano di fibre, tra i 60 e gli 80 grammi, permette in soli pochi mesi di aumentare significativamente la diversità del microbiota e di arricchirlo di batteri in grado di rilasciare il propionato e il butirrato.

I probiotici: una medicina futura già disponibile

La seconda soluzione si basa su degli studi innovativi che hanno evidenziato l'immenso potere terapeutico dei probiotici. I probiotici sono microrganismi, spesso batteri, che provengono da alcuni alimenti come lo yogurt da latte o il kefir e che agiscono positivamente sul microbiota intestinale. I loro effetti sono transitori: non si installano realmente come i batteri commensali del microbiota umano, ma ne favoriscono il ritorno e scacciano gli intrusi.

Infatti l'idea che i batteri di alcuni alimenti contribuiscano alla nostra salute non è una novità! Nel 1908, lo scienziato Ilya Metchnikov sosteneva già che la sorprendente longevità dei bulgari era dovuta al loro elevato consumo di yogurt. All'inizio del secolo, questo tipo di prodotto veniva infatti venduto esclusivamente nelle farmacie. Da allora, la ricerca ha fatto notevoli progressi attraverso migliaia di studi sui probiotici e sul microbiota intestinale. Oggigiorno sappiamo che il cervello comunica continuamente con il microbiota e che questo dialogo è bilaterale: il cervello invia dei messaggi a microrganismi simbiotici, ma è vero anche il contrario e questi messaggi hanno un impatto su alcuni meccanismi fisiologici e psicologici molto diversi (ansia, depressione, disturbi dell'umore, risposte emotive...). Come possono i probiotici agire per migliorare questi scambi surrealisti? Ci sono 3 meccanismi distinti:


  • Nei bambini piccoli, favoriscono una sana maturazione del sistema immunitario del bambino, a discapito delle reazioni allergiche.
  • Negli adulti, favoriscono la crescita di alcuni batteri benefici che sintetizzano il butirrato, un acido grasso noto dalle proprietà eccezionali.
  • Riducono anche, attraverso la competizione per le risorse, le popolazioni di alcuni batteri patogeni, in particolare quelli sospettati di essere coinvolti nello sviluppo di patologie infiammatorie e intestinali (come il Bilophila wadsworthia).

Gli ultimi risultati menzionano alcune sorprendenti implicazioni del microbiota per la salute.

1) La neuroinfiammazione

L'ingestione di alcuni probiotici come il Lactobacillus farcimins, un batterio lattico, permetterebbe di limitare la permeabilità della barriera intestinale, riducendo il passaggio nel flusso sanguigno di composti proinfiammatori. Tuttavia, questi ultimi sono implicati nell'induzione di neuroinfiammazione nel cervello, accentuando gli effetti negativi dello stress e aumentando notevolmente il rischio di malattie neurodegenerative. Questa neuroinfiammazione sarebbe anche direttamente associata al declino cognitivo!

Uno studio molto recente, pubblicato nel settembre del 2018 sulla rivista Frontiers in Immunology, ha mostrato che la neuroinfiammazione legata all'invecchiamento e all'alimentazione provocava il rilascio di sostanze chimiche note per inibire le funzioni cognitive. Tuttavia, sembra che il butirrato, uno degli acidi grassi a catena corta prodotti dai batteri "buoni", possa impedire il rilascio di queste sostanze nocive. E uno dei modi più efficaci per godere degli effetti del butirrato e consumare più fibre!

« Quello che mangi è importante. Sappiamo che gli anziani consumano il 40% in meno di fibre di quanto raccomandato. Non ingerire abbastanza fibre può avere delle conseguenze negative per delle cose che non si possono nemmeno immaginare, come la salute del cervello e l'infiammazione in generale. " Jeff Woods, professore di chinesiologia e coautore dello studio.

2) i problemi dermatologici

Sappiamo da diversi anni che il passaggio di composti pro-infiammatori nel flusso sanguigno è associato all'infiammazione della pelle, ma un fenomeno completamente diverso è stato avanzato per spiegare le disastrose conseguenze sul piano dermatologico di un cattivo microbiota. I probiotici e i batteri benefici modulano il sistema immunitario attivando diversi tipi di cellule, come le cellule dendritiche, i linfociti T e le cellule NK. Tuttavia, queste cellule, anormalmente ridotte in animali senza flora intestinale, contribuiscono ad aumentare la produzione di interleuchina 10 (IL10) (9-10), una citochina con forte potere antinfiammatorio secreto dall'organismo in risposta a diverse condizioni patologiche come l'eczema o la dermatite. I ricercatori nutrono dubbi sul legame tra microbiota e disturbi della pelle, poiché hanno notato che i disturbi del transito e le patologie intestinali come il morbo di Crohn o la sindrome dell'intestino irritabile sono molto spesso accompagnati da manifestazioni dermatologiche.

È sulla base di questi recentissimi studi che sono emersi nuovi probiotici negli ultimi mesi. Tra questi ultimi, è necessario contare su Derma Relief, una formula contenente 4 ceppi probiotici selezionati per il loro interesse per la pelle (Lactobacillus casei, Lactobacillus rhamnosus, Lactobacillus plantarum e Bifidobacterium lactis). Questi ceppi, destinati a colonizzare l'intestino, sono stati studiati dal dottor Meneghin nell'ambito di un'analisi di 37 studi clinici sull'interesse dermatologico dei probiotici orali: si sono mostrati efficaci nella prevenzione e nel trattamento!

La rivoluzione intestinale è iniziata

Con il recente sequenziamento del genoma umano e l'identificazione dei geni predisponenti, abbiamo già compiuto un passo importante verso la medicina futura. Non resta che comprendere appieno questo affascinante universo del microbiota e produrre batteri umani su misura per prevenire e curare tutte le malattie menzionate in questo articolo. La sfida sarà quindi quella di industrializzare la loro produzione e polverizzarli, perché questi batteri sono molto sensibili all'ossidazione. Un primo passo è già stato fatto da A-Mansia, spin-off biotecnologico fondato da due università, con lo sviluppo di un integratore alimentare a base di Akkermansia, una delle tante specie di batteri che compongono il nostro microbiota intestinale. In attesa dei risultati delle prime sperimentazioni cliniche, sarà sempre necessario affidarsi a probiotici di origine alimentare (alla fine di questo articolo è presente un elenco) i cui effetti benefici sono sempre più numerosi. Rappresentano le premesse di una medicina che finalmente tiene conto del fatto che l'uomo e il suo microbiota sono in una simbiosi essenziale per il mantenimento della salute e del benessere. Una vera e propria rivoluzione sta emergendo...


Chi dovrebbe rileggere l'articolo una seconda volta:


  • le persone che non consumano abbastanza frutta e verdura;
  • le persone che mangiano molta carne (almeno una volta al giorno in media);
  • le persone con allergie o malattie autoimmuni;
  • le persone con eczema o altri problemi cutanei;
  • le persone che fumano o sono esposte quotidianamente al fumo passivo;
  • le persone che sono spesso soggette a stress;
  • le persone con problemi intestinali frequenti o cronici;
  • le persone che consumano regolarmente prodotti ultra-trasformati;
  • le persone che hanno più di 50 anni e che temono il declino cognitivo.

Elenco dei prebiotici


Per i disturbi intestinali : Lactobacillus gasseri

Per i disturbi infiammatori e le allergie : Probio Forte™ (Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei , Lactobacillus plantarum, Lactobacillus lactis)

Per i problemi dermatologici : Derma Relief (Lactobacillus casei, Lactobacillus rhamnosus, Lactobacillus plantarum, Bifidobacterium lactis)


I punti dell'articolo da ricordare:


  • I microrganismi che compongono la flora intestinale hanno dei ruoli molto più importanti sulla salute di quanto pensiamo.
  • La diversità di questi microbi è in diminuzione a causa di un drastico degrado dell'alimentazione.
  • L'aggiunta di fibre alimentari ai menu e l'uso di probiotici sono due strategie efficaci per ripristinare la diversità e l'efficacia del microbiota.


Bibliografia

Stephanie M. Matt, Jacob M. Allen, Marcus A. Lawson, Lucy J. Mailing, Jeffrey A. Woods, Rodney W. Johnson. Butyrate and Dietary Soluble Fiber Improve Neuroinflammation Associated With Aging in Mice. Frontiers in Immunology, 2018; 9 DOI: 10.3389/fimmu.2018.01832
Douglas J. Morrison & Tom Preston (2016) Formation of short chain fatty acids by the gut microbiota and their impact on human metabolism, Gut Microbes, 7:3, 189-200, DOI: 10.1080/19490976.2015.1134082
Flint HJ, Duncan SH, Scott KP, Louis P. Links between diet, gut microbiota composition and gut metabolism. Proc Nutr Soc 2015; 74:13-22; PMID:25268552; http:// dx.doi.org/10.1017/S0029665114001463
INRA Science & Impact, Microbiote, la révolution intestinale, 2017 [https://inra-dam-front-resources-cdn.brainsonic.com/ressources/afile/383885-34a7b-resource-dossier-de-presse-microbiote-la-revolution-intestinale.pdf]
Adrián D. Friedrich, Mariela L. Paz et al. Message in a Bottle: Dialog between Intestine and Skin Modulated by Probiotics, Int J Mol Sci. 2017 Jun; 18(6): 1067.
Agusti A. Garcia-Pardo MP et al. Interplay Between the Gut-Brain Axis, Obesity and Cognitive Function, Front Neurosci. 2018; 12: 155. doi: 10.3389/fnins.2018.00155
Ordinare prodotti
Fructo-Oligosaccharides

Fibre bifidoattive
Migliora il comfort intestinale e rinforza le difese naturali dell'organismo

www.supersmart.com
Derma Relief

La formula probiotica per non avere più problemi alla pelle

www.supersmart.com
Lactobacillus gasseri

Un ceppo probiotico particolarmente efficace nel controllo del peso
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
Probio Forte™

Mix di probiotici ; 8 miliardi di microrganismi per capsula
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
A découvrir aussi
19-11-2018
Una bomba nel vostro intestino
Un intestino non curato, popolato da batteri e funghi patogeni opportunisti e patogeni (in particolare Candida albicans ) e inquinato da cibo mal digerito rischia...
Più info
19-09-2016
Probiotici, molti effetti preventivi e curativi
I risultati clinici pubblicati negli ultimi quindici anni evidenziano i molteplici effetti benefici dei probiotici. Essi sembrano avere effetti preventivi e curativi, in particolare nei...
Più info
14-03-2017
Dermatite atopica: l'interesse dei prebiotici e dei...
Tra il 30% e il 40% della popolazione mondiale sarebbe colpita da un'allergia. Dalle molteplici cause, quest'ultima può manifestarsi in diverse forme, tra cui allergia...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua