Home   >  Fegato  >  5 prodotti naturali approvati...
13-06-2018

5 prodotti naturali approvati per "pulire" il fegato

fegato Qual è l'organo più colpito dal nostro stile di vita moderno? Qual è quello che soffre di più per gli inquinanti, i pesticidi, gli additivi, le tossine e gli zuccheri che affrontiamo ogni giorno?


Lo hai già indovinato: è il fegato. Poiché è direttamente responsabile della decomposizione delle sostanze tossiche per l'organismo, è lui che è in prima linea.


E oggigiorno la sua incredibile capacità di rigenerarsi non è più sufficiente per mantenerlo in buona salute. Più del 30% degli occidentali soffre di malattie epatiche e tutto indica che l'epidemia è appena iniziata (1). Il problema è che senza un fegato sano, l'organismo non può funzionare correttamente.


Questo è qualcosa che hai già notato poiché il numero di persone che vogliono "pulirlo" regolarmente è in continua crescita. E purtroppo, ciò non è sfuggito nemmeno ai "venditori di sogni": esistono innumerevoli prodotti naturali sul mercato della disintossicazione, per lo più senza alcuna spiegazione scientifica degli effetti presunti, o perché ne sono privi, o perché si ritiene che non si riesca a capirli.


Tuttavia, i meccanismi scientifici coinvolti nella "pulizia" del fegato sono molto accessibili e te lo dimostreremo.

Gli alimenti che il tuo fegato non ama

Probabilmente hai questa immagine del fegato che combatte tutto il giorno contro migliaia di tossine diverse. Si tratta di un'immagine abbastanza corretta, ma che nasconde il ruolo devastante di una molecola molto precisa, che ha mantenuto a lungo una buona immagine sul grande pubblico: il fruttosio.


Il fruttosio è un carboidrato presente naturalmente nella frutta: si differenzia dal glucosio presente in tutti i tipi di piante. Fino a poco tempo fa, il nostro consumo di fruttosio era relativamente basso, ma la scoperta dello zucchero moderno (una combinazione di glucosio e fruttosio) e la conversione industriale del glucosio in fruttosio (ampiamente utilizzato dall'industria alimentare) hanno inondato il nostro organismo con questa molecola molto edulcorante.


fructose Eppure, ora sappiamo che il fruttosio è usato solo dal fegato e che il suo assorbimento non subisce alcun controllo (2). È l'esatto opposto del glucosio, utilizzato da tutte le cellule e i cui eccessi sono attutiti dall'insulina.


Questo assorbimento illimitato porta a delle conseguenze tragiche per il fegato. In realtà, viene rapidamente superato da questo tipo di carboidrato lungi dall'essere indispensabile per l'organismo e deve decidersi ad immagazzinarlo sotto forma di cellule adipose (lipogenesi). Allo stesso tempo, secerne delle VLDL, delle grosse molecole che trasportano i grassi e che vengono trasformate nel sangue in "colesterolo cattivo" (3).
Nel corso del tempo, il fegato viene intasato di grassi, al punto da provocare un'infiammazione cronica e da perturbarne il funzionamento.

Il circolo vizioso causato dall'infiammazione del fegato

foie

Nel fegato, la reazione infiammatoria è una sorta di allarme. Indica all'organismo che qualcosa è stato danneggiato e che dobbiamo reagire il prima possibile, nel caso specifico sostituire gli elementi danneggiati con nuovi composti: questa è la ben nota capacità del fegato di rigenerarsi.


Ma se gli elementi perturbatori persistono, ad esempio in caso di alcolismo o eccesso di fruttosio a lungo termine, l'infiammazione diventa cronica: l'organismo non smette più di sintetizzare nuovi composti per sostituire le cellule danneggiate. Questo è un problema reale perché la produzione è più rapida della decomposizione: i composti cellulari inevitabilmente finiscono per accumularsi tra le cellule, riducendo gli scambi e isolando gradualmente le cellule l'una dall'altra. Questo fenomeno è denominato fibrosi epatica. Si tratta di un fenomeno irreversibile particolarmente distruttivo. Diminuisce la capacità del fegato di eliminare le tossine ed espone le cellule del fegato a delle sostanze ossidanti che aggravano il fenomeno.


Per ripristinare la piena integrità del fegato e fermare il fenomeno, è quindi possibile agire su diverse fasi che abbiamo appena descritto:


  • la lipogenesi (formazione di nuove cellule adipose da parte del fegato);
  • l’infiammazione del fegato;
  • la fibrosi epatica;
  • i danni ossidativi delle cellule epatiche;
  • la riparazione dei danni (rigenerazione epatica).

Queste fasi rappresentano esattamente i meccanismi d'azione dei 5 prodotti naturali che abbiamo selezionato.

1) La silimarina

silymarina È probabilmente il miglior prodotto naturale per "pulire" il fegato. L'estratto di cardo mariano o silimarina (Silybum marianum) ha un'eccellente reputazione ed è considerato sicuro per l'uso a lungo termine (4)

Gli si attribuiscono 3 meccanismi d'azione principali (5):


  • Protegge le cellule del fegato stabilizzando le loro membrane cellulari e contribuendo a permeabilizzarle.
  • Impedisce al fegato di formare nuove cellule adipose (6) riducendo in modo particolare l'espressione di diversi geni (SREBP-1c, LXRβ e FAS), altamente stimolati dall'alimentazione ricca di fruttosio e innegabilmente coinvolti nella conservazione dei grassi nel nucleo del fegato (7).
  • Contribuisce al sistema antiossidante dell'organismo.

Tutti questi effetti derivano da una serie complessa di segnali intracellulari. Se si desidera usufruirne, verifica bene che gli integratori di silimarina contengano almeno il 30% di silibina come nel caso di Silyplus : si tratta del principio attivo più importante.

2) La curcumina

Non è specificamente nota per migliorare i problemi del fegato eppure i fatti parlano chiaro (8-9). Il suo meccanismo principale si basa sull'inibizione dell'infiammazione epatica e sul suo contributo al sistema antiossidante (10-11).

Riduce i livelli di diverse molecole che diffondono l'infiammazione (parliamo di citochine pro-infiammatorie) come il fattore TNF-α e l'interleuchina 1, ma anche le chemochine, o le proteine della fase acuta prodotte dal fegato come la CRP (C-Reactive Protein).

Allo stesso tempo, riduce lo stato ossidante totale, cioè il livello di aggressività e il numero di tossine, aumentando l'attività della glutatione perossidasi, un antiossidante prodotto naturalmente dall'organismo.


Anche qui, per trarne beneficio, privilegiate gli integratori di curcuma ad alto contenuto di curcuminoidi.

3) I polifenoli di biancospino o di mela

Comme la curcumina, i polifenoli di mela o di biancospino (soprattutto l'acido clorogenico, le epicatechine, le rutine e gli iperosidi) modulano l'infiammazione del fegato e lo stress ossidativo inibendo alcune citochine pro-infiammatorie (TNF-α, IL-1 e IL-6) e aumentando l'attività degli antiossidanti prodotti dall'organismo. Sembrano anche svolgere un ruolo aggiuntivo nella riparazione dei danni inflitti ai mitocondri dalle cellule del fegato.

4) La radice di Salacia oblonga

Piuttosto poco nota oggigiorno, la radice di Salacia oblonga è stata a lungo usata come erba medicinale per prevenire e curare i problemi di diabete. Alcuni studi scientifici hanno mostrato da allora che gli antichi avevano ragione: degli estratti di questa pianta potrebbero migliorare diverse malattie del fegato e in particolare il fenomeno della fibrosi epatica descritto in precedenza (12-13).


E come si assume? Uno studio recente ha mostrato che la pianta impediva la maturazione di un gene (SREBP1c) decisivo nel processo della lipogenesi epatica (formazione di trigliceridi e di cellule adipose) (14). In questo modo, aiuta a rendere il fegato meno grasso e più funzionale.

5) Il resveratrolo

Prodotto dalle piante per proteggersi dai danni ossidativi, il resveratrolo sembra svolgere un ruolo molto più importante una volta introdotto negli organismi animali.


Diversi studi hanno già mostrato il suo ruolo benefico nel metabolismo dei lipidi, nei marcatori dell'infiammazione e nell'integrità delle cellule epatiche. Come la radice di Salacia oblonga, influenza l'attività del gene SREBP1c coinvolto nella sintesi dei trigliceridi. Quindi è un percorso terapeutico abbastanza completo.

È anche noto per attivare le sirtuine, delle proteine coinvolte nell'aumento della speranza di vita di molti organismi...



E se non sai quale prodotto naturale scegliere, puoi anche optare per delle formule come Liver Support Formula che contiene silimarina e altri prodotti che non abbiamo potuto citare come l'estratto di foglie di carciofo, il Ginkgo biloba o la clorella...


Lo studio principale dell'articolo

Fei Xiong and Yong-Song Guan, Cautiously using natural medicine to treat liver problems, World J Gastroenterol. 2017 May 21; 23(19): 3388–3395.


Bibliografia

1. Federico A., Dallio M., Masarone M., Persico M., Loguercio C. (2016). The epidemiology of non-alcoholic fatty liver disease and its connection with cardiovascular disease: role of endothelial dysfunction. Eur. Rev. Med. Pharmacol. Sci. 20, 4731–4741.

2. Pariente A. Increased fructose consumption is association with fibrosis severity in patients with nonalcoholic fatty liver disease HEPATO-GASTRO et Oncologie digestive 243 vol. 17 no 3, mai-juin 2010

3. Mayes, P.A. Intermediary metabolism of fructose. Am. J. Clin. Nutr. 1993, 58, 754S–765S.

4. Csupor D, Csorba A, Hohmann J. Recent advances in the analysis of flavonolignans of Silybum marianum. J Pharm Biomed Anal. 2016;130:301–317.

5. Prakash, P.; Singh, V.; Jain, M.; Rana, M.; Khanna, V.; Barthwal, M.K.; Dikshit, M. Silymarin ameliorates fructose induced insulin resistance syndrome by reducing de novo hepatic lipogenesis in the rat. Eur. J. Pharmacol. 2014, 727, 15–28.

6. Bahmani M, Shirzad H, Rafieian S, Rafieian-Kopaei M. Silybum marianum: Beyond Hepatoprotection. J Evid Based Complementary Altern Med. 2015;20:292–301.

7. Prakash, P.; Singh, V.; Jain, M.; Rana, M.; Khanna, V.; Barthwal, M.K.; Dikshit, M. Silymarin ameliorates fructose induced insulin resistance syndrome by reducing de novo hepatic lipogenesis in the rat. Eur. J. Pharmacol. 2014, 727, 15–28.

8. Maithilikarpagaselvi, N.; Sridhar, M.G.; Swaminathan, R.P.; Sripradha, R.; Badhe, B. Curcumin inhibits hyperlipidemia and hepatic fat accumulation in high-fructose-fed male Wistar rats. Pharm. Biol. 2016, 54, 2857–2863.

9. Maithilikarpagaselvi, N.; Sridhar, M.G.; Swaminathan, R.P.; Zachariah, B. Curcumin prevents inflammatory response, oxidative stress and insulin resistance in high fructose fed male wistar rats: Potential role of serine kinases. Chem. Biol. Interact. 2016, 244, 187–194.

10. Maithilikarpagaselvi, N.; Sridhar, M.G.; Swaminathan, R.P.; Sripradha, R.; Badhe, B. Curcumin inhibits hyperlipidemia and hepatic fat accumulation in high-fructose-fed male Wistar rats. Pharm. Biol. 2016, 54, 2857–2863.

11. Maithilikarpagaselvi, N.; Sridhar, M.G.; Swaminathan, R.P.; Zachariah, B. Curcumin prevents inflammatory response, oxidative stress and insulin resistance in high fructose fed male wistar rats: Potential role of serine kinases. Chem. Biol. Interact. 2016, 244, 187–194.

12. Wang, J., Rong, X., Li, W., Yamahara, J., Li, Y., 2012. Salacia oblonga ameliorates hypertriglyceridemia and excessive ectopic fat accumulation in laying hens. J. Ethnopharmacol. 142, 221–227.

13. He, L., Qi, Y., Jiang, J., Yang, Q., Yamahara, J., Murray, M., Li, Y., 2011. The Ayurvedic medicine Salacia oblonga attenuates diabetic renal fibrosis in rats: suppression of angiotensin II/AT1 signaling. Evidence Based Complement. Altern. 2011, 807451.

14. Postic, C., Girard, J., 2008. Contribution of de novo fatty acid synthesis to hepatic steatosis and insulin resistance: lessons from genetically engineered mice. J. Clin. Invest. 118, 829–838.

Ordinare prodotti
Natural Curcuma 500 mg

Estratto standardizzato 95% curcuminoidi

www.supersmart.com
Liver Support Formula

Nuova formula migliorata e rinforzata
Sostiene naturalmente la funzione epatica

www.supersmart.com
Silyplus 120 mg

Una formulazione da 8 a 10 volte più potente e meglio assorbita della silymarina

www.supersmart.com
Apple Polyphenols

I polifenoli di mela possono aumentare la longevità!

www.supersmart.com
A découvrir aussi
10-10-2016
Le incredibili virtù polivalenti della curcuma (2/2)
In India, la curcuma è utilizzata per trattare una serie di disturbi, tra cui problemi gastrointestinali, disturbi infiammatori, mal di testa, infezioni o raffreddori. È...
Più info
23-04-2019
Fegato: i benefici della berberina contro la...
Cosa sapete sulla steatosi epatica non alcolica? Questa patologia è considerata come una delle malattie al fegato più diffuse nei paesi occidentali. Secondo alcuni esperti,...
Più info
02-10-2017
La colina, una sostanza nutritiva essenziale sconosciuta
Spesso sconosciuta, la colina è una sostanza che è stata riconosciuta come una sostanza nutritiva essenziale dalla prestigiosa Accademia Nazionale di Medicina degli Stati Uniti...
Più info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua