Home   >  Cuore e circolazione sanguigna  >  Cosa rischi davvero mangiando...
26-04-2018

Cosa rischi davvero mangiando al "ristorante"

Sel & phtalates

Per riuscire a destreggiarsi con successo tra il lavoro, le attività fisiche, il tempo libero e i trasporti, molti scelgono di smettere di cucinare e di comprare il pranzo di fretta. Si fanno consegnare qualsiasi piatto preparato che arriva in pochi minuti su un angolo del tavolo (1-2). E per gli altri che preferiscono la convivialità delle sale dei ristoranti, l'osservazione è più o meno la stessa: il pasto che si preparano a mangiare è contaminato da sale e ftalati.

.

Questa è la sintesi di due studi sui derivati della ristorazione e sulle conseguenze del sacrificio della nostra alimentazione nelle mani degli industriali...

Degli apporti di sale che modificano profondamente i nostri circuiti neuronali e indeboliscono i nostri vasi sanguigni

Benché gli apporti di sodio raccomandati siano stati fissati da diversi enti a 1.600 mg al giorno (3), il nostro consumo giornaliero si situerebbe piuttosto intorno ai 3.400 mg (4). Lo sbaglio della nostra antipatia per la cucina è da imputare al fatto che circa il 72% del nostro consumo quotidiano di sale proverrebbe dai ristoranti (5) (un concetto che comprende anche i piatti pronti venduti nelle panetterie, nei fast food o nei supermercati). Non sorprende che sia da imputare ai piatti della ristorazione "fast-food" come i cheeseburger, le pizze o i piatti con salsa da asporto

Purtroppo, si tratta di un'osservazione spesso presa alla leggera. Tra coloro che non vedono l'interesse di ridurre il loro consumo fino a quando non compare l'ipertensione e coloro che pensano di poter compensare con prodotti sani (frutta e verdura), il sale raccoglie vittime facili.

Come il sale modifica i nostri recettori gustativi e i nostri comportamenti

Come tutti gli animali, l'uomo non può fare a meno del sodio. Aiuta a mantenere l'equilibrio acido-base ed è essenziale per la trasmissione degli impulsi nervosi e per la contrazione muscolare. Chiunque si privi volontariamente di sodio, deperisce in poche settimane. È un minerale così importante che l'evoluzione ha messo in atto un sorprendente sistema di sopravvivenza negli erbivori e negli onnivori: ogni boccone di un alimento che lo contiene dà loro una sensazione di piacere immediato. I recettori del sodio situati vicino ai recettori gustativi si eccitano e attivano un meccanismo di gratificazione situato nell'ipotalamo. In questo modo tendiamo a privilegiare naturalmente gli alimenti che lo contengono.

Diverse migliaia di anni fa, questo sistema aveva ancora senso perché gli alimenti contenenti sodio erano abbastanza rari (6), ma oggi, con un accesso illimitato al sale, è diventato una trappola mortale. Sebbene gli uomini continuino a consumare sale in eccesso, anche se sanno che è dannoso per la loro salute, non è per un gusto per la sfida, ma perché è irresistibile. Il sale non conferisce più gusto, mapiù piacere. Un piacere complesso che si fonde insidiosamente con i sapori e i gusti nel tempo. Ha questa capacità di modificare i circuiti neuronali e la plasticità sensoriale (7) che le droghe condividono tra di loro: per avere la stessa sensazione di piacere è necessario aumentare continuamente la dose. Il tipo di escalation in grado di generare comportamenti di dipendenza complessi, di mancanze e di crisi compulsive. A lungo termine, un consumo frequente di sale altera i recettori gustativi e diventa difficile qualsiasi ritorno al passato: una diminuzione degli apporti di sale provoca delle sindromi di dipendenza (come il bisogno incontrollabile di cibo spazzatura, irritazione, sudorazione eccessiva) e la sensazione che gli alimenti sani siano insipidi (8).

L'industria agro-alimentare, che è sempre un passo avanti, conosce ovviamente questa proprietà del sale: se lo troviamo in abbondanza nei prodotti per la ristorazione, non è solo perché conserva bene gli alimenti. L'idea è quella di rendere appetitosi i prodotti finali a bassissimo contenuto di micronutrienti o arricchiti con composti sgradevoli. Si investono somme incredibili per trovare la giusta combinazione, quella che soddisferà il palato del maggior numero di persone con i prodotti meno costosi possibili. La tentazione è anche diventata grande per ricorrere ad altri esaltatori di sapidità, come il cloruro di potassio o il glutammato monosodico (sospettato di provocare numerosi sintomi come nausea, mal di testa, dolori muscolari, perturbazione della secrezione di insulina (9) e coinvolto nella fisiopatologia dell'emicrania (10-11)). Un'analisi condotta su 222 piatti provenienti dai 12 ristoranti più popolari del Canada ha mostrato che il 69% conteneva almeno un esaltatore di sapidità (oltre al sale).

Per quanto riguarda le grandi cucine, che generalmente preferiscono i prodotti genuini, anche qui il sale si trova in abbondanza, ma non sempre per lo stesso motivo: costantemente inclini a degustare i prodotti, i cuochi cedono prima o poi alle sirene del sale per "condire" i loro piatti e lasciarsi intrappolare. I loro recettori gustativi non vengono risparmiati e le quantità di sale devono essere gradualmente aumentate in modo che abbiano la stessa impressione di piacere gustoso.

Come ridurre gli apporti di sodio?

Data la sua capacità di modificare in profondità i circuiti neuronali, è meglio sbarazzarsene il più rapidamente possibile e limitarsi agli apporti consigliati. È noto da tempo che il consumo di sale è fortemente associato all'ipertensione (12), la principale causa di morte prematura nel mondo (13). Sebbene gli apporti siano stati ridotti a 1.200 mg al giorno, si stima che 2,5 milioni di decessi potrebbero essere evitati ogni anno (14). Si tratta di una cifra spaventosa, commisurata al potere distruttivo del sale, che troppo spesso viene sminuito. Ci si chiede anche se non sia all'origine dell'epidemia di obesità che attualmente colpisce l'intero mondo occidentale (15).

Per ritrovare il gusto e l'autenticità degli alimenti, per uscire dalla spirale infernale in cui il sale ti ha portato, ecco alcuni percorsi di azione concreti da mettere in pratica nel più breve tempo possibile:

  • Ridurre gradualmente gli apporti di sale (16) riducendo i pasti preparati e le uscite nei ristoranti. Tutti gli studi mostrano che è importante farlo gradualmente per evitare le crisi compulsive e le ricadute.
  • Farsi aiutare dalle piante tradizionalmente note per ridurre le sensazioni di astinenza come il kudzu. Assumere 4-6 capsule di Kudzu Extract al giorno fino a quando le esigenze e le voglie compulsive di sale scompaiono.
  • Confrontare le etichette e scegliere i prodotti che contengono il minimo di sodio.
  • Imparare di nuovo a cucinare prendendosi il tempo di preparare i piatti per il giorno successivo.
  • Privilegiare degli alimenti sani e saporiti, ovvero di stagione e di origine locale. Non troverai mai pomodori gustosi ad aprile nelle nostre regioni occidentali, anche se si tratta di un prodotto dell'agricoltura biologica.
  • Privilegiare diversi tipi di semi, come orzo, quinoa e riso, che sono naturalmente non salati.
  • Optare per delle noci e della frutta a guscio non salati.
  • Scegliere delle acque minerali a basso contenuto di sodio (meno di 20 mg di sodio/litro).
  • Sostituire la saliera a tavola con spezie, cipolla in polvere, sale vegetale, zenzero fresco, erbe aromatiche (basilico, origano, ecc.), succo di limone…

Una contaminazione da ftalati molto preoccupante

Durante lo studio (17), i ricercatori hanno scoperto che le persone abituate a mangiare fuori avevano dei livelli di ftalati più alti del 55 % rispetto alle persone che di solito preparano i pasti a casa. Si sospetta che l'uso di guanti da parte dei dipendenti della ristorazione, il contatto con alimenti e imballaggi contenenti ftalati e alcune attrezzature da cucina siano responsabili di queste concentrazioni anomale e preoccupanti.

In 40 anni, la quantità totale di sperma è scesa di circa il 60% negli uomini in America, Europa, Australia e Nuova Zelanda e la concentrazione di spermatozoi è diminuita del 53% (18). Si sospetta che gli ftalati contribuiscano a tale situazione, così come gli altri interferenti endocrini che fanno parte della nostra vita quotidiana (bisfenolo A, fumi di gasolio, PCB, DDT).

.

Se sei abituato/a a mangiare regolarmente fuori, è quindi il momento di reagire. Ecco alcuni modi concreti per evitare ed eliminare gli ftalati presenti nell'organismo:

.

Consacra fin da ora più tempo per preparare i tuoi piatti con prodotti grezzi, idealmente acquistati direttamente dal produttore per evitare gli imballaggi e le manipolazioni.

Evita di essere in sovrappeso. Alcuni studi sugli animali hanno mostrato che gli interferenti endocrini colpiscono le cellule grasse e sono potenzialmente associati a una resistenza all'insulina (un fattore di rischio per il diabete di tipo 2). È molto probabile che alcuni interferenti endocrini possano accumularsi nel tessuto adiposo.

Gli interferenti endocrini stimolano la formazione delle specie reattive dell'ossigeno (ROS) che provocano delle lesioni al DNA e perturbano il sistema di difesa antiossidante (19). Per contrastarlo, niente batte una formula antiossidante attentamente studiata come l’AntiOxidant Synergy che è idealmente accompagnato da una dieta ricca di frutta e verdura di stagione.

Aiutare l'organismo ad eliminare le sostanze indesiderate. La formula di disintossicazione Rehab ha il vantaggio di contenere diversi potenti antiossidanti (dei flavonoidi di kudzu, della vitamina C, dei precursori del glutatione) così come dei composti che facilitano il meccanismo della disintossicazione avviato dal fegato (dimetilglicina, curcumina e calcio D-glucarato). Sono anche possibili delle cure per depurare l'organismo e consentirgli di funzionare meglio.

Bibliografia

1. Guthrie JF, Lin BH, Frazao E. Role of food prepared away from home in the American diet, 1977–78 versus 1994–96: changes and consequences. J Nutr Educ Behav 2002;34:140-50.
2. Food-away-from-home. Washington: United States Department of Agriculture; 2014. Available: www.ers.usda.gov/topics/food-choices-health/food-consumption -demand/food-away-from-home.aspx#nutrition (accessed 2015 Jan. 4).
3. Australian Department of Health and Ageing, National Health and Medical Research Council & New Zealand Ministry of Health(2006) Nutrient Reference Values for Australia and New Zealand. Canberra: Australian Department of Health and Ageing and New Zealand Ministry of Health
4. SA Skeaff , R McLean , J Mann et al. (2013) The Impact of Mandatory Fortification of Bread with Iodine. Wellington: Ministry for Primary Industries.
5. Quader ZS, Zhao L, Gillespie C, et al. Sodium intake among persons aged ≥ 2 years — United States, 2013–2014. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2017;66:324-238.
6. Liedtke WB, McKinley MJ, Walker LL et al. Relation of addiction genes to hypothalamic gene changes subserving genesis and gratifi- cation of a classic instinct, sodium appetite. Proc Natl Acad Sci U S A 2011; 108: 12509–12514
7. Shuler MG, Krimm RF, Hill DL. Neuron/target plasticity in the peripheral gustatory system. J Comp Neurol 2004;472(2):183–92.
8. Rajagopal Raghunathan, Rebecca Walker Naylor, and Wayne D. Hoyer (2006)The Unhealthy = Tasty Intuition and Its Effects on Taste Inferences, Enjoyment, and Choice of Food Products. Journal of Marketing: October 2006, Vol. 70, No. 4, pp. 170-184.
9. Baad-Hansen L, Cairns B, Ernberg M, et al. Effect of systemic monosodium glutamate (MSG) on headache and pericranial muscle sensitivity. Cephalalgia 2010;30:68-76
10. Chan K, MaassenVanDenBrink A. Glutamate receptor antagonists in the management of migraine. Drugs 2014;74:1165-76
11. Cananzi AR, D’Andrea G, Perini F, et al. Platelet and plasma levels of glutamate and glutamine in migraine with and without aura. Cephalalgia 1995; 15:132-5.
12. FJ He , J Li & GA Macgregor (2013) Effect of longer term modest salt reduction on blood pressure: Cochrane systematic review and meta-analysis of randomised trials. BMJ 346, f1325
13. SS Lim , T Vos , AD Flaxman et al. (2012) A comparative risk assessment of burden of disease and injury attributable to 67 risk factors and risk factor clusters in 21 regions, 1990–2010: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2010. Lancet 380, 2224–2260
14. FJ He & GA MacGregor (2009) A comprehensive review on salt and health and current experience of worldwide salt reduction programmes. J Hum Hypertens 23, 363–384.
15. Cocores JA, Gold MS. The Salted Food Addiction Hypothesis may explain overeating and the obesity epidemic. Medical Hypotheses 73 (2009) 892–899
16. Institute of Medicine. Strategies to reduce sodium intake in the United States. Washington: The National Academies Press; 2010.
17. Julia Varshavsky et al. Dietary sources of cumulative phthalates exposure among the U.S. general population in NHANES 2005-2014. Environment International, 2018
18. Hagai Levine, Niels Jørgensen, Anderson Martino-Andrade, Jaime Mendiola, Dan Weksler-Derri, Irina Mindlis, Rachel Pinotti, Shanna H. Swan. Temporal trends in sperm count: asystematic review and meta-regression analysis. Human Reproduction Update, 2017; 1 DOI: 10.1093/humupd/dmx022
19. Valko M et al. Metals, toxicity and oxidative stress. Curr Med Chem. 2005;12(10):1161-208.
Ordinare prodotti
Kudzu extract

40 % isoflavoni, riduce efficacemente la dipendenza all'alcool e al tabacco.

www.supersmart.com
AntiOxidant Synergy

Una potente difesa antiossidante polivalente.

www.supersmart.com
Rehab

Disintossicante sistemico ad ampio spettro.

www.supersmart.com
A découvrir aussi
07-06-2016
Questo nutriente ringiovanisce la pelle e le...
Immaginate un alimento naturale che impedisca alla pelle di riempirsi di rughe, rilassarsi, invecchiare, sia sul viso (occhi, guance, labbra) che sulle cosce o sotto...
Piu info
05-08-2016
Perdere peso senza muovere un dito
Ecco una soluzione semplice per bruciare calorie senza doversi muovere o fare intenso esercizio fisico. I ricercatori hanno scoperto che il corpo aumenta il dispendio...
Piu info
22-05-2017
Una combinazione efficace contro il colesterolo cattivo
cholesterol - Aloe Vera - ProbiotiquesUn team di ricerca indiano ha...
Piu info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua