Home   >  Sistema Endocrino  >  La migliore strategia contro...
06-01-2017

La migliore strategia contro l'insufficienza tiroidea

tiroidea L'insufficienza tiroidea, detta anche ipotiroidismo, colpisce in particolare le donne e l'incidenza di questa malattia aumenta con l'età. Essa è caratterizzata da un'incapacità di produrre o rilasciare una quantità sufficiente di ormoni tiroidei T4 (tiroxina o tetraiodotironina) e T3 attivo (triiodotironina). Anche se il T4 è il più abbondante nel sangue, rimane un pro-ormone, da tre a dieci volte meno attivo del T3.
Un inspiegabile aumento di peso, stipsi, nervosismo anche in estate, arti freddi, pelle secca, mancanza di energia, disturbi del sonno, viso e occhi gonfi sono tutti segni che dovrebbero mettere in guardia e far chiedere al medico la prescrizione di un esame del sangue in grado di confermare la diagnosi. Non è però così semplice e non è raro sentir dire dal medico che il livello di TSH è nella norma (0,55-4,78 mIU/l) e che non è necessario alcun trattamento.
A volte, la forma sintetica di T4 prescritta, la Levotiroxina (L-T4), meglio nota come Lévothyrox®, non è sufficiente per ridurre i sintomi. Infatti, la conversione di T4 in T3 nel fegato e nei reni può essere insufficiente a causa di una carenza di ferro o selenio, un fegato lento, stress cronico, attività fisica intensa o assunzione della pillola anticoncezionale o di una terapia ormonale sostitutiva.

Valore del TSH… un valore di normalità troppo elevato?

Secondo il dottor Rudy Proesmans, uno dei maggiori esperti dello iodio, il livello di TSH ottimale dovrebbe essere compreso tra 0,15 e 2 mIU/l. Al di fuori di questo intervallo, anche se il livello di TSH si situa all'interno del "valore di normalità", è opportuno assumere un'integrazione giornaliera specifica per regolare le diverse funzioni fisiologiche di base che controllano la tiroide: regolazione del peso, della temperatura corporea e dell'energia; equilibrio dell'umore e della libido; corretto funzionamento dei muscoli, del cuore e dei vasi sanguigni; solidità di ossa e denti; bellezza di pelle, capelli e unghie...

La prima chiave della strategia è una rielaborazione di ciò che mangiamo:
    - Occorre quindi aumentare il consumo di iodio concentrandosi sui frutti di mare (pesce, molluschi, crostacei, alghe)
    - Occorre inoltre evitare un consumo eccessivo di cibi goitrogenici (che limitano l'assorbimento dello iodio nella tiroide): cavolfiori, broccoli, cavolini di Bruxelles, cavolo, soia, manioca, patate dolci.
    - A volte è utile anche aumentare l'apporto di minerali: selenio (noci del Brasile), zinco (ostriche, frutti di mare) e ridurre le proteine perché rallentano la conversione di T4 in T3.
In caso di insufficienza tiroidea, si raccomanda anche di dormire a sufficienza, perché la produzione degli ormoni tiroidei può diminuire dal 20 al 40% in coloro che non dormono abbastanza.

La seconda chiave è la contemporanea assunzione di integratori alimentari specifici, efficaci e sicuri, da soli o in combinazione con Levotiroxina.

Tre piante ayurvediche essenziali

Il Coleus forskohlii contiene nelle radici la forskolina. Questa sostanza ha la capacità di stimolare la produzione naturale di AMPc necessaria per la trasmissione di informazioni a livello dell'asse ipotalamo-ipofisi. Agendo a questo livello, l'estratto di radice incoraggia la tiroide a produrre più ormoni tiroidei T3 e T4 tramite il TSH (Thyroid Stimulating Hormone, ormone stimolante la tiroide), prodotto dall'ipofisi. Infatti, il ruolo del TSH è di stimolare la tiroide a produrre più ormoni tiroidei se sono insufficienti. È quindi auspicabile assumere 100 o 200 mg al giorno di Coleus forskohlii ai primi sintomi o integrare l'assunzione di farmaci, se alcuni dei sintomi sono ancora presenti. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che l'uso di questa pianta aumenta il metabolismo basale e consente quindi di bruciare più calorie a riposo aumentando la lipolisi. Effetto significativo dato che l'insufficienza tiroidea è spesso accompagnata da un importante aumento di peso. Il Guggul (Commiphora mukul) , detto anche albero di mirra Mukul, è ampiamente usato nella medicina indiana. I guggulsteroni che contiene stimolano l'attività della tiroide, aumentano la conversione di T4 in T3 e il metabolismo basale ad una velocità di almeno 35 mg al giorno, ovvero generalmente di 1,5 g di estratto di Guggul.
La sua assunzione giornaliera attiva anche gli enzimi lipolitici e controlla la dimensione e il numero degli adipociti, rendendolo anche un potente complemento durante un concomitante aumento di peso.

Infine l'estratto di radice di Ashwagandha (Whithania somnifera) è in grado di integrare perfettamente le azioni delle altre due piante per sostenere una tiroide rallentata.

Vitamine e minerali specifici

Parallelamente all'assunzione di queste piante specifiche, sarebbe opportuno fare ricorso a un multicomplesso che contenga tutte le vitamine e i minerali essenziali per il funzionamento globale della tiroide. Nutrienti di base che supportano la produzione degli ormoni tiroidei, aumentano la sensibilità dei recettori agli ormoni T3 e T4 e che permettono la trasformazione e l'attivazione di T4 in T3 attivo. Tra questi, le vitamine B6, B9, C, A, D3 e determinati minerali:
    - il magnesio che previene la diminuzione dell'attività della ghiandola tiroidea dopo intensi sforzi sportivi e negli anziani o nelle persone sedentarie,
    - lo zinco che promuove la produzione di T3,
    - il selenio che facilita la conversione di T4 in T3,
    - e soprattutto lo iodio.
Una carenza di uno qualsiasi di questi elementi potrebbe rallentare la funzione tiroidea.

Un oligoelemento essenziale: lo iodio

Lo iodio è un componente degli ormoni tiroidei T4 e T3. Inoltre, il numero che segue la T indica il numero di atomi di iodio. Il Dr. David Bronstein, uno dei maggiori esperti al mondo di tiroide e iodio, ritiene che il 95% della popolazione presenti carenze di iodio. Infatti, lo iodio contribuisce alla produzione di ormoni tiroidei. Il modo più efficace per integrare lo iodio nell'organismo è il Lugol, una soluzione iodio-iodurata sviluppata da Jean Lugol nel XIX secolo, al ritmo di sessanta gocce al giorno, ovvero 150 mg di iodio elemento. Lo iodio può inoltre essere integrato mediante le alghe, come il fucus e, per preservare lo iodio cellulare e impedirne la dispersione, è inoltre raccomandata l'assunzione contemporanea di miricetina, un flavonoide presente naturalmente in frutta e verdura.
L'alimentazione ne copre solo 50-70 mg al giorno e pertanto l'integrazione di iodio è essenziale e priva di tossicità, se non si superano 1.000 mg al giorno come raccomandato dall'OMS.

L’amminoacido della tiroide: la L-tirosina

Questo amminoacido è indispensabile, con lo iodio, alla formazione degli ormoni tiroidei, T4 e T3. Anche se il corpo sintetizza naturalmente L-tirosina, a partire dalla L-fenilalanina, questa produzione è rallentata e diventa scarsa in età avanzata e l'integrazione diventa essenziale nella misura di 0,5-1 grammo al giorno, senza cibo, a stomaco vuoto, per una migliore biodisponibilità e preferibilmente al mattino per evitare disturbi del sonno.

Sulla base di studi realizzati in vitro, l'aggiunta di Kaempferolo, un flavonoide presente in molte piante, potrebbe anche aumentare fino a dieci volte l'attività dell'enzima che converte T4 in T3.
Ordinare prodotti
Natural Thyro Formula

Nuova formulazione più potente e migliorata

www.supersmart.com
Forskoline 100 mg

Estratto standardizzato al 10% di forskolina, restaura la sensibilità dei recettori ormonali

www.supersmart.com
Super Ashwagandha

Nuovo estratto 2,5 volte più concentrato in principio attivo

www.supersmart.com
OptiMag

8 forme sinergiche di magnesio per una biodisponibilità ottimale
Formula nuova, più assimilabile e meglio tollerata

www.supersmart.com
L-Selenomethionine 200 mcg

La forma di selenio con la migliore biodisponibilità

www.supersmart.com
Lugol 2%

Essenziale per l'equilibrio ormonale in menopausa

www.supersmart.com
A découvrir aussi
01-11-2017
La crema al progesterone naturale, il modo...
Il progesterone svolge un ruolo fondamentale in tutte le fasi della vita di una donna. Un'integrazione con progesterone naturale, bioidentico a quello prodotto dall'organismo, ha...
Più info
31-07-2017
Integratori alimentari che liberano dagli attacchi di...
Gli attacchi di fame si manifestano sia nelle persone che desiderano perdere peso, sia in quelle caratterizzate da un peso stabile. Al fine di trovare...
Più info
06-09-2013
Un nuovo studio conferma l'efficacia di Relora®...
Gli estratti di Magnolia officinalis e Phellodendron amurense sono tradizionalmente utilizzati da quasi 2.000 anni dalla farmacopea cinese per ristabilire il benessere emotivo agendo sulla...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua