Home   >  Nutrizione cerebrale  >  Il rimedio naturale n....
12-01-2017

Il rimedio naturale n. 1 in Germania

Ginkgo Molti di voi sono probabilmente già fan del ginkgo biloba. La sua efficacia è ben dimostrata.
Il ginkgo biloba è usato principalmente per prevenire il morbo di Alzheimer e la demenza senile. Migliora il tono muscolare, la memoria e la capacità di concentrazione.
Questo è ciò che lo rende uno dei rimedi naturali più popolari.

Un albero leggendario

Il ginkgo biloba è un albero straordinario proveniente dalla notte dei tempi. Apparve 300 milioni di anni fa. In confronto, i primi dinosauri apparvero 230 milioni di anni fa e l'uomo 5 milioni di anni fa.
Charles Darwin ha chiamato il ginkgo biloba "l'albero fossile", perché è la più antica specie di albero, i cui esemplari sono ancora identici ai loro antenati di 300 milioni di anni fa.
Il ginkgo biloba può misurare 50 metri di altezza e vivere fino a 1.000 anni.
Dopo le grandi glaciazioni, il gingko biloba era presente solo in Cina. Attribuito al leggendario imperatore Chen-Noung, il Trattato sugli alberi e sulle radici risalente al 2600 a.C. già menziona le sue virtù. Sono le donne cinesi che raccoglievano i frutti del ginkgo che cadevano a terra in autunno. Indossavano guanti poiché la polpa del frutto, tossica e maleodorante, può causare allergie cutanee. Il nocciolo del frutto veniva usato per trattare l'asma e la bronchite.

È sopravvissuto a tanti millenni perché il ginkgo biloba è un albero molto resistente ai cambiamenti ambientali e all'inquinamento. È praticamente indistruttibile, la prima vegetazione nata dopo il bombardamento atomico di Hiroshima nel 1945 era un ginkgo biloba ancora carbonizzato!
Il ginkgo biloba è un albero unico.

Il segreto del ginkgo è nelle foglie

Le foglie del ginkgo biloba agiscono sulla circolazione sanguigna. Permettono di fluidificare il sangue, migliorare l'ossigenazione e dilatare i vasi sanguigni per aumentare la portata. Così il cervello è nutrito meglio, con conseguente effetto positivo sulle funzioni cognitive - memoria, concentrazione.

Il ginkgo è anche un potente antiossidante che aiuta a proteggere le cellule nervose dai radicali liberi. I suoi effetti neuroprotettivi possono prevenire il morbo di Alzheimer.

Questo aspetto è molto importante: la foglia di gingko è raccomandata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dalla Commissione tedesca sulle terapie a base di erbe (Commissione E) contro demenza, perdita di memoria, difficoltà d'attenzione e depressione.
È semplice:

In Germania, il ginkgo viene rimborsato

I farmaci da prescrizione contenenti gingko biloba sono i più ampiamente prescritti in Germania da decenni [4]. Sono rimborsati, il che conferma che i tedeschi sono sempre stati un passo avanti nei trattamenti naturali.

L'efficacia del ginkgo sulla memoria è stata dimostrata in numerosi studi:
    • Una sintesi di 8 studi randomizzati in doppio cieco controllati con placebo ha concluso che il ginkgo aveva effetti contro i sintomi della demenza, dell'insufficienza cerebrale, simili alle diidroergotossine di un farmaco come l'idergina [1-2].
    • Una sintesi di studi di oltre 6 mesi controllati con placebo in doppio cieco ha mostrato che l'estratto di ginkgo è risultato efficace contro il morbo di Alzheimer in forma moderata quanto gli inibitori della colinesterasi di seconda generazione[3].
    • Una sintesi di 9 studi è giunta alla conclusione che il ginkgo era più efficace del placebo nel trattamento della demenza[4].
    • Il gruppo Cochrane, in una sintesi di 33 studi clinici, ha confermato un miglioramento della funzione cognitiva nei pazienti trattati con ginkgo. I ricercatori hanno anche osservato che il trattamento con ginkgo era facile da seguire per i pazienti - pochi effetti collaterali [5-6]
    • Uno studio clinico controllato con placebo ha dimostrato che un farmaco a base di ginkgo biloba ha avuto un effetto positivo sulla funzione cognitiva dei pazienti con morbo di Alzheimer.
    • Una sintesi del 2010 su tutti gli studi clinici superiori a 12 settimane ha rilevato che il ginkgo ha avuto un effetto significativo sulla funzione cognitiva in tutti i casi di demenza[7]. • Lo studio Epidos Study su 7.500 soggetti francesi e lo studio Paquid, che ha seguito 4.000 pazienti per 15 anni, ha dimostrato l'efficacia di una regolare assunzione di ginkgo sul morbo di Alzheimer[8].
    • Uno studio clinico è stato condotto nel corso di 3 anni su 118 soggetti di età pari o superiore a 85 anni che non avevano precedenti problemi di memoria. I ricercatori hanno scoperto che il gruppo che assumeva ginkgo aveva un rischio inferiore del 68% di sviluppare problemi di memoria rispetto a coloro che avevano assunto un placebo[9].
    • Un ampio studio clinico ha dimostrato che un farmaco basato su ginkgo biloba è risultato efficace quanto il farmaco donepezil (Aricept) per l'uso contro il morbo di Alzheimer [10].
In generale, il ginkgo biloba è efficace almeno quanto i farmaci convenzionali per ritardare il morbo di Alzheimer e per attenuare i disturbi correlati al declino cognitivo.

Il ginkgo biloba non agisce solo sulla memoria

L'efficacia del ginkgo è nota anche per:
    • prevenzione delle malattie cardiovascolari,
    • claudicatio intermittente (dolore alle gambe quando si cammina),
    • malattia di Raynaud,
    • vitiligine,
    • sindrome premestruale,
    • cancro ovarico [11],
    • glaucoma [12],
    • impotenza,
    • e mal di montagna.
È stato anche dimostrato che il ginkgo biloba protegge dalle radiazioni[13].

Complemento del ginkgo biloba

Avete tutto l'interesse ad approfittare delle virtù del ginkgo prendendo un integratore alimentare. Le foglie si raccolgono in autunno quando sono di colore giallo. Sono necessari 50 kg di foglie per fare 1 kg di estratto di ginkgo.

Cordiali saluti,
Eric Müller

P.S.: Se state assumendo anticoagulanti o se soffrite di emofilia, è sconsigliabile assumere ginkgo biloba perché renderà più fluido il sangue.

Questa lettera è stata adattata da un articolo pubblicato originariamente su santenatureinnovation.com dietro preventivo accordo.



Fonti:

[1] Sierpina VS, Wollschlaeger B, Blumenthal M. Ginkgo biloba. Am Fam Physician. 2003 Sep 1;68(5):923-6. Review.
[2] Kleijnen J, Knipschild P. Ginkgo biloba for cerebral insufficiency. Br J Clin Pharmacol. 1992;34:352-8.
[3] 18. Wettstein A. Cholinesterase inhibitors and Ginkgo extracts — are they comparable in the treatment of dementia? Comparison of published placebo-controlled efficacy studies of at least six months' duration. Phytomedicine. 2000;6:393-401.
[4] Ernst E, Pittler MH. Ginkgo biloba for dementia. A systematic review of double-blind, placebo-controlled trials. Clin Drug Invest. 1999;17:301-8.
[5] Birks J, Grimley E, Van Dongen M. Ginkgo biloba for cognitive impairment and dementia. Cochrane Database Syst Rev. 2002;4:CD003120.
[6] Kurz A , Van Baelen B . Ginkgo biloba compared with cholinesterase inhibitors in the treatment of dementia: a review based on meta-analyses by the cochrane collaboration. Dement Geriatr Cogn Disord. 2004;18(2):217-26. Epub 2004 Jun 28.
[7] 6. Effects of Ginkgo biloba in dementia: systematic review and meta-analysis. Weinmann S, Roll S, et al. BMC Geriatr. 2010 Mar 17;10:14.
[8] « La maladie d’Alzheimer, la comprendre, la prévenir », Dr L. Bodin. Éditions du Dauphin, 255 p.
[9] Ginkgo biloba may protect memory: study
[10] Yancheva S, Ihl R, Nikolova G, Panayotov P, Schlaefke S, Hoerr R; GINDON Study Group. Ginkgo biloba extract EGb 761(R), donepezil or both combined in the treatment of Alzheimer's disease with neuropsychiatric features: a randomised, double-blind, exploratory trial. Aging Ment Health. 2009 Mar;13(2):183-90. Doi: 10.1080/13607860902749057.
[11] Valuable Natural Ingredients Are Fighting Cancer
[12] Using gingko biloba to relieve glaucoma
[13] Protective effect found for ginkgo against radiation damage
Ordinare prodotto
Ginkgo Biloba 60 mg

Estratto (50:1) standardizzato 24% ginkgoflavonglycoside

www.supersmart.com
A découvrir aussi
28-06-2017
Nutrizione: come nutrire correttamente il cervello?
Vero centro di controllo del nostro sistema nervoso centrale, il cervello deve elaborare quotidianamente milioni di informazioni. Di fronte a questo continuo flusso di dati,...
Più info
10-10-2016
Le incredibili virtù polivalenti della curcuma (2/2)
In India, la curcuma è utilizzata per trattare una serie di disturbi, tra cui problemi gastrointestinali, disturbi infiammatori, mal di testa, infezioni o raffreddori. È...
Più info
19-01-2018
Mal di testa: delle carenze vitaminiche nella...
Il mal di testa è un mistero che tormenta chi si avventura per scoprirne i segreti. Interpretato dagli antichi come una possessione mistica 1 ,...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua