Home   >  Venotonici  >  Taxifolina: un ruolo importante...
24-08-2016

Taxifolina: un ruolo importante nella salute dei capillari

Taxifoline Sono stati pubblicati quasi 600 studi condotti per la maggior parte in Russia sugli effetti della taxifolina, un potente flavonoide estratto dal larice siberiano. Essi hanno dimostrato che la taxifolina protegge le membrane cellulari, migliora l'attività del microcircolo e dei capillari in tutto il corpo e normalizza il metabolismo a livello cellulare. Ha anche attività antinfiammatorie ed epatoprotettive, un effetto antiedematoso, diminuisce i livelli di colesterolo e riduce la coagulazione del sangue e la viscosità del sangue. Agisce inoltre in sinergia con la vitamina C, della quale ne rafforza gli effetti.

I flavonoidi rinforzano l'elasticità e la tenuta dei vasi sanguigni

I flavonoidi sono composti fenolici presenti in molti organismi vegetali. Sono stati isolati nel 1814 dallo scienziato E. Chevreul, ma sono stati in realtà scoperti solo nel 1936, quasi per caso, da Albert Szent-Györgyi. Un amico aveva smesso di sanguinare dalle gengive dopo aver assunto un prodotto non elaborato contenente vitamina C isolata dal limone. Più tardi, quando le gengive hanno ricominciato a sanguinare, Szent-Györgyi ha dato al suo amico una forma più pura di vitamina C, pensando così di ottenere un risultato migliore. Ma la forma più pura di vitamina C è stata inefficace. Szent-Györgyi ha quindi dato al suo amico una frazione di flavonoide isolata dall'integrazione originale di vitamina C non elaborata. Le gengive del suo amico sono quindi guarite completamente.
Szent-Györgyi ha quindi messo in evidenza la capacità dei flavonoidi di ridurre la permeabilità dei vasi sanguigni e la loro azione sinergica con quella della vitamina C. Questo è il motivo per cui all'inizio, diede loro il nome di vitamina P, per "permeabilità". I flavonoidi non hanno, tuttavia, l'attività della vitamina. Questo scienziato ungherese ha ricevuto il Premio Nobel per il suo lavoro sulla vitamina C e sulle proprietà biochimiche dei flavonoidi. I flavonoidi aiutano a rafforzare l'elasticità e la tenuta dei vasi sanguigni e quindi la loro resistenza. Essi agiscono anche come potenti antiossidanti, proteggendo il corpo dallo stress ossidativo e dagli attacchi dei radicali liberi. Essi hanno anche il potere di migliorare gli effetti della vitamina C.

La taxifolina è un potente flavonoide

A metà degli anni 1950, alcuni scienziati hanno estratto e descritto per la prima volta la taxifolina, o diidroquercetina, un analogo della quercetina o della rutina, seppur con proprietà leggermente diverse. Essa esprime le attività della vitamina P che rinforzano le membrane vascolari e riducono le reazioni allergiche e infiammatorie. Essa ha anche molte proprietà che non condivide con molti altri bioflavonoidi. Così, la taxifolina esercita un'attività antiossidante molto più potente rispetto alla maggior parte dei flavonoidi.
La maggior parte delle ricerche sulla taxifolina sono state condotte in Russia presso l'Istituto di medicina aeronautica e spaziale, dal collegio medico dell'esercito (denominato in seguito S.M.-Kirov), presso l'Ospedale Militare Centrale (denominato in seguito N.M.-Burdenko), nel 6° Ospedale Militare Centrale e nell'Istituto cerebrale dell'Accademia russa delle scienze.

La taxifolina inibisce lo stress ossidativo e l'infiammazione

La taxifolina ha dimostrato un forte effetto neutralizzante dei radicali liberi. In particolare, è in grado di distruggere due dei tipi più pericolosi di radicali liberi presenti nel corpo: i radicali superossidi e perossidi. Protegge i globuli rossi e bianchi. Alcuni studi hanno dimostrato che protegge i globuli bianchi dalle lesioni ambientali e che previene i danni nei globuli rossi la morte per ossidazione.
L'effetto antiossidante della taxifolina è stato studiato nei ratti Wistar con epatite sperimentale causata da metano tetracloruro. Gli animali sono stati divisi in tre gruppi: 9 animali non hanno ricevuto nulla, 9 hanno ricevuto per via sottocutanea tetracloruro di metano per quattro giorni e gli altri 9 hanno ricevuto per quattro giorni prima della prima iniezione di tetracloruro di metano e durante i 14 giorni successivi, taxifolina (100 mg/kg). Il contenuto in prodotto di perossidazione lipidica ad aver reagito con l'acido tiobarbiturico è stato 1,5 volte superiore negli animali ai quali era stato iniettato solo tetracloruro di metano rispetto agli animali di controllo o a quelli ai quali era stata somministrata taxifolina. Analogamente, l'attività antiossidante del plasma sanguigno è stata da 1,8 a 2 volte inferiore rispetto a quella degli altri animali1.

Capillari e disturbi funzionali

I capillari sono vasi molto sottili di circa 5 - 8 micron di diametro, composti solo da uno strato di cellule endoteliali con una lamina basale e alcune fibre di collagene. È al livello dei capillari che si trovano tutti gli scambi tra sangue e tessuti vascolarizzati. I capillari sono inoltre il collegamento tra il sistema arterioso e venoso. Migliaia di chilometri di capillari forniscono ossigeno e i nutrimenti essenziali a tutte le cellule dell'organismo e allo stesso tempo eliminano i prodotti della sua attività.
I capillari non esistono isolatamente, ma formano una rete organizzata che si inserisce solitamente tra un'arteriola e una venula.
Se la circolazione capillare è danneggiata, le cellule diventano affamate, assetate e soffrono di carenza di ossigeno. Questo conduce alla loro distruzione e, infine, alla loro scomparsa. Attività deteriorate della circolazione capillare sono la causa di molti processi patologici.
La teoria secondo la quale sarebbe possibile migliorare la salute umana contribuendo ad aumentare la capacità di lavoro dei capillari è stata sviluppata e dimostrata dal medico russo A.S. Zalmanov. Ha scritto: "Non si tratta di trovare una cura per alcune malattie, ma di riparare le funzioni danneggiate di un organo indipendentemente dal nome della diagnosi. I capillari sono al centro di questi disturbi funzionali. "

Disturbi del microcircolo e ipertensione

In caso di ipertensione arteriosa, il sistema di microcircolo responsabile della perfusione degli organi si danneggia abbastanza rapidamente. Tali disturbi hanno grande importanza clinica per la circolazione del sangue in cuore, cervello e reni. Un flusso insufficiente del microcircolo si verifica a causa della diminuzione della quantità e dello spessore dei capillari nei pazienti con ipertensione arteriosa.
A livello del microcircolo, si verificano cambiamenti molto significativi nelle proprietà reologiche del sangue che portano a un aumento della viscosità del sangue. Alterazioni nella reologia associate a riduzione dei microvasi sanguigni sono responsabili di una diminuzione della perfusione tissutale e della loro fornitura di ossigeno e di un aumento della resistenza periferica e della pressione sanguigna.
La taxifolina ha proprietà diverse che possono essere di beneficio nei pazienti con ipertensione. Studi clinici hanno dimostrato che rende gli eritrociti così elastici da poter facilmente penetrare anche nei vasi sanguigni più delicati. Gli aumenti di pressione non si producono più naturalmente e il rischio di ictus è così molto ridotto. La taxifolina diminuisce anche la viscosità del sangue e migliora la microcircolazione a livello dei capillari.
Sono stati condotti vari studi in Russia su questo tema con la taxifolina. Il suo effetto è stato appositamente testato su due gruppi di 40 pazienti con astenia neurocircolatoria (forma di tachicardia) con ipertonia e ipertensione. I pazienti di uno dei due gruppi hanno ricevuto una monoterapia con un ipotensivo, mentre quelli dell'altro gruppo hanno ricevuto in più una dose di 40 mg al giorno di taxifolina. Nel gruppo di controllo, un effetto ipotensivo netto si è verificato tra i giorni 3 e 4 di trattamento ed è stato necessario aumentare la dose di farmaco nel 17% dei soggetti. Questo effetto ipotensivo netto si è verificato nei pazienti che ricevevano più taxifolina tra il 1° e il 2° giorno di trattamento; nessuno di loro ha avuto bisogno di aumentare la dose di trattamento.
In un altro studio con 80 uomini di età compresa tra 23 e 52 anni, con un'astenia neurocircolatoria di tipo ipertonico o ipertensione arteriosa con aritmia extrasistolica, 40 pazienti hanno ricevuto un trattamento complesso per l'aritmia e gli altri 40 hanno assunto in più 40 mg al giorno di taxifolina. L'efficacia del trattamento è stata valutata nei giorni 3, 5 e 8 di trattamento. L'effetto antiaritmico si è manifestato uno o due giorni prima nel gruppo che assumeva taxifolina. Questo effetto è stato anche l'86,7% più importante con la taxifolina. Questo studio dimostra che la taxifolina ha una netta azione ipotensiva, antiaritmica e un'assenza di effetti collaterali.
100 pazienti con ipertensione di stadio 1 o 2 che seguivano un trattamento medico stabile sono stati inclusi in uno studio e randomizzati in due gruppi che ricevevano taxifolina (68 pazienti) o placebo (42 pazienti).
I risultati hanno mostrato:
    - una riduzione significativa per tre mesi della pressione sistolica e diastolica in entrambi i gruppi. Una riduzione del livello della frequenza delle contrazioni cardiache nel gruppo che assumeva taxifolina;
    - al termine di sei settimane, un effetto ipotensivo stabile nella giornata è stato osservato in entrambi i gruppi sulle pressioni sistolica e diastolica. Alla fine dello studio, una significativa riduzione della pressione sistolica di notte è stata ottenuta solo nel gruppo che assumeva taxifolina;
    - i fenomeni stagnanti nel flusso del microcircolo sono stati ridotti nel gruppo che assumeva taxifolina e il microcircolo è stato migliorato. L'integrazione ha ridotto alcuni dei danni reologici e dei disturbi emodinamici nei microvasi;
    - dopo sei settimane di trattamento, la funzione endoteliale è stata normalizzata nel gruppo che assumeva taxifolina.

Utile nel trattamento delle malattie cerebrovascolari

L'ipertensione è un importante fattore di rischio di ictus: è riscontrata nel 78,2% dei casi. È seguita da età, diabete, fumo, cambiamenti aterogeni del sistema delle lipoproteine, ipertrofia del ventricolo sinistro…
Sono stati condotti degli studi dall'Istituto nazionale di ricerche sul cervello dell'Accademia delle Scienze russa per valutare l'effetto della taxifolina su soggetti con compromissione del flusso sanguigno cerebrale.
29 pazienti con encefalopatia legata a disfunzioni della circolazione cerebrale, di età media pari a 67,6 anni, sono stati arruolati in uno studio che ha esaminato gli effetti della taxifolina. 12 di essi avevano gli strascichi di un ictus di tipo ischemico. I soggetti hanno assunto per 18-21 giorni una dose giornaliera di 80 mg di taxifolina.
Il metodo d'esame comprendeva:
    - una valutazione dei dati delle condizioni del paziente, tra cui un questionario ;
    - un esame clinico con una stima di sintomi neurologici, astenia, disturbi psico-emotivi e vascolari vegetativi;
    •- una verifica delle principali anomalie organiche del sistema nervoso centrale;
    •- una stima degli indici di tono vegetativo, emodinamica centrale, respirazione esterna.
Un'integrazione migliorata di taxifolina ha migliorato alcuni disturbi, tra cui mal di testa, insonnia, disturbi astenici e vascolari vegetativi, nonché le vertigini. Questi miglioramenti sono stati maggiori nei pazienti con encefalopatia associata a disturbi vascolari successivi a un ictus. Ha inoltre ridotto labilità emotiva, irritabilità, ansia, sbalzi d'umore, ipocondria e fissazione sui propri sentimenti. Ancora una volta, questi miglioramenti sono stati maggiori nei pazienti con conseguenze di un ictus, fatta eccezione per sbalzi d'umore e ipocondria. Gli indici dell'attività mnemonica intellettuale erano migliori in due terzi dei pazienti dopo la somministrazione di taxifolina, così come concentrazione e attenzione. La memoria dei pazienti era migliorata del 70% e il volume della memoria operativa degli uomini è aumentato nel 66,7% dei casi.
I dati provenienti da studi su pazienti di mezza età con encefalopatia correlata a una disfunzione della circolazione cerebrale mostrano che la taxifolina esercita effetti di attivazione moderati in relazione ai meccanismi centrali della regolazione vegetativa funzionale e psico-emotiva.
Sono stati condotti due studi clinici su 52 pazienti per valutare l'effetto della taxifolina associata alla vitamina C in pazienti con disturbi della circolazione sanguigna cerebrale. Il trattamento è stato somministrato per 21 giorni. L'integrazione ha dimostrato una riduzione della viscosità del sangue e della tendenza a formare coaguli, un miglioramento della memoria, dell'attenzione, delle prestazioni mentali, una diminuzione delle vertigini, una normalizzazione del sonno, l'alleviamento del mal di testa e una riduzione della stanchezza. Nel gruppo placebo non è stata osservata alcuna variazione di questa natura2, 3.

Taxifolina e malattie cardio-vascolari

Alcuni scienziati hanno dimostrato che la taxifolina inibisce la perossidazione lipidica, un processo che spesso porta ad aterosclerosi4. In uno studio su animali, la taxifolina ha inibito la perossidazione dei lipidi nel siero e nel fegato dopo una radiazione ionizzante tossica5. I loro effetti inibitori sono rafforzati dalle vitamine C ed E6. Inibendo la perossidazione delle lipoproteinea bassa densità pericolose, la taxifolina aiuta a prevenire l'aterosclerosi.
Ridurre gli elevati livelli di lipoproteine a bassa densità è un importante obiettivo dei trattamenti anticolesterolo e delle statine utilizzate dai medici. Alcuni studi suggeriscono che la taxifolina può essere utile negli sforzi terapeutici volti a ridurre il colesterolo LDL. Infatti, sembrerebbe inibire la formazione di apoproteina B, uno dei primi componenti di LDL. Ridurrebbe la sintesi lipidica nel fegato causando contemporaneamente una riduzione della secrezione di apoproteina B e un aumento di quella dell'apoproteina A7.
Altri studi hanno dimostrato nei ratti che la taxifolina diminuisce i livelli sierici ed epatici di lipidi e le concentrazioni di colesterolo. La sua azione in questo senso è molto più efficace della quercetina.
Inoltre, studi su animali hanno dimostrato che la taxifolina riduce livelli elevati di pressione sanguigna e normalizza una misura associata all'attivazione elettrica dei ventricoli.

Previene le complicanze del diabete

Il diabete può avere gravi conseguenze, soprattutto sul sistema cardiovascolare e sugli occhi. Gli scienziati hanno notato che le persone con diabete di tipo II hanno un alto rischio di malattia arteriosa. Questo è dovuto in parte al fatto che il diabete di tipo II aumenta la capacità di alcuni globuli bianchi, i neutrofili, di aderire alla parete dei vasi sanguigni, o endotelio8. Questo può contribuire allo sviluppo di malattie vascolari in tutto il corpo e, in particolare, nei vasi sanguigni critici del cuore. Uno studio russo ha mostrato che la taxifolina inibisce l'attività pro-infiammatoria dei neutrofili in pazienti affetti da diabete di tipo II, e quindi aiuta a proteggere il sistema vascolare dagli effetti nefasti della malattia9.
Nei diabetici, la taxifolina ha dimostrato di poter fornire una protezione contro due cause più comuni di perdita della vista: degenerazione maculare e cataratta. La degenerazione maculare si verifica quando una regione della retina dell'occhio responsabile della vista comincia a deteriorarsi. La taxifolina favorisce la circolazione sanguigna in questa regione, fornendo protezione contro la perdita della vista. Inoltre, inibendo l'attività di un enzima nel cristallino dell'occhio, può anche aiutare a prevenire la formazione di cataratta nei pazienti diabetici.

Mantenere la salute del sistema nervoso centrale

Il cervello e il sistema nervoso centrale sono particolarmente vulnerabili agli effetti deleteri dei radicali liberi. Nel corso degli anni, i danni dei radicali possono accumularsi nel cervello e portare a un declino cognitivo e a malattie come la demenza o il morbo di Alzheimer. La taxifolina fornisce una protezione essenziale a cervello e neuroni.
Per vedere come la taxifolina protegge il cervello dai danni, alcuni scienziati hanno usato un modello animale di ictus. La taxifolina inibisce l'espressione di enzimi che portano all'infiammazione. Inoltre, aiuta a impedire che i globuli bianchi infiammatori attacchino aree vulnerabili del cervello e vi aderiscano. Queste azioni contribuiscono a fornire una neuroprotezione essenziale contro il danno ossidativo indotto dai radicali liberi che si producono frequentemente quando il cervello non riceve sangue e ossigeno sufficienti10, 11.
Accanto al declino cognitivo che spesso accompagna l'invecchiamento, funzioni essenziali quali la percezione, il pensiero, il linguaggio e la coscienza possono anche essere influenzate negativamente. Proteggere le regioni cerebrali che supportano queste funzioni è un altro importante effetto benefico della taxifolina. In uno studio, alcuni ricercatori hanno scoperto che la taxifolina impedisce ai radicali liberi di provocare danni ossidativi alle cellule nervose critiche che gestiscono queste funzioni12.
Proteggendo le cellule del cervello e del sistema nervoso centrale, la taxifolina potrebbe contribuire ad evitare alcuni dei più devastanti cambiamenti associati all'invecchiamento.

Una protezione contro i danni epatici e le epatiti

Molte sostanze chimiche usate nell'industria e nel commercio come diossina, dibenzofurani o tetracloruro di carbonio agiscono sul fegato come veleni. Alcuni possono indurre tossicità epatica ed epatite, favorendo la perossidazione lipidica epatica. Grazie alle sue potenti proprietà antiossidanti, la taxifolina può proteggere il fegato contro i pericoli di esposizione a sostanze chimiche tossiche o a virus. Quando i ratti vengono integrati con taxifolina per quattro giorni prima di essere esposti a sostanze chimiche precedentemente utilizzate nella pulizia a secco e nelle industrie del freddo, vediamo che essi sono protetti contro gli effetti che inducono epatite di queste tossine13.
Inoltre, modelli murini dei danni epatici, la taxifolina inibisce in modo più efficace della vitamina E i cambiamenti biochimici che portano all'epatite. Più in particolare, la taxifolina bloccava la produzione di fattore alfa di necrosi tumorale, un induttore dell'infiammazione, nonché l'infiltrazione delle cellule del sistema immunitario.
La taxifolina mostra proprietà promettenti che potrebbero combattere l'epatite A. Il virus dell'epatite A è di solito contratto mangiando cibo contaminato. In laboratorio, la taxifolina inibisce la replicazione e gli effetti patogeni del virus dell'epatite A14.
L'integrazione di taxifolina apporta significativi benefici al fegato, aiutando a proteggere dagli effetti nocivi dell'esposizione a tossine o infezioni da virus epatitici.

Rafforza il sistema immunitario

Studi suggeriscono che la taxifolina potrebbe aiutare a combattere infezioni gravi, come la polmonite o l'HIV.
Alcuni ricercatori hanno esaminato gli effetti della taxifolina sui pazienti con polmonite acuta. Quando i soggetti ricevevano un trattamento standard e venivano integrati con una formula antiossidante contenente taxifolina, recuperavano più facilmente dai sintomi dell'infiammazione polmonare rispetto ai pazienti solo con trattamento convenzionale15.
Studi preliminari sembrano suggerire che la taxifolina potrebbe aiutare a combattere il virus dell'HIV. È stato recentemente scoperto che inibisce l'attività di un enzima che virus come l'HIV utilizzano per replicare il loro materiale genetico16.

Un'azione sinergica con quella della vitamina C

La taxifolina aumenta gli effetti benefici della vitamina C, aumentando la durata della sua attività biologica, stimolando la rigenerazione e rallentando la sua eliminazione dal corpo. In Russia, un complesso di taxifolina e vitamina C è un trattamento popolare per molte malattie che condividono lo stress ossidativo come meccanismo sottostante.

---------------------------------------------------------------------------------------

Bibliografia:
1. Teselkin Yu O. et al., Dihydroquercetin as a mean of antioxidant defence in rats with tetrachloromethane hepatitis, Phytotherapy Research, 11 May 2000, vol. 14, issue 3, 160-162.
2. Plotnikov M.B. et al., Hemorheological and antioxidant effects of Ascovertin in patients with sclerosis of cerebral arteries, Clin. Hemorheol. Microcirc., 2004, 30(3-4): 449-52.
3. Plotnikov M.B. et al., Clinical efficacy of a novel hemorheological drug ascovertin in patients with vascular encephalopathy, Zh. Nevrol. Psikhiatr. Im SS Korsakova, 2004, 104(12): 33-7.
4. Kravchenko L.V. et al., Effects of flavonoids on the resistance of microsomes to lipid peroxidation in vitro and ex vitro, Bull. Exp. Biol. Med., 2003 Dec, 136(6): 572-5.
5. Teselkin Yu O. et al., Influence of dihydroquercetin on the lipid peroxidation of mice during post-radiation period, Phytotherapy Research, 1998, 12: 517-9.
6. Vasiljeva O.V. et al., Effect of combinated action of flavonoids, ascorbate and alpha-tocopherol on peroxidation of phospholipid liposomes induced by Fe2 + ions, Membr. Cell. Biol., 2000, 14(1): 47-56.
7. Theriault et al., Modulation of hepatic lipoprotein synthesis and secretion by taxifolin a plant flavonoid, Journal of Lipid Research, vol. 41, 1969-1979. December 2000.
8. Van Oostrom A.J. et al., Increased expression of activation markers on monocytes and neutrophils in type 2 diabetes, Neth. J. Med., 2004 Oct, 62(9): 320-5.
9. Fedosova N.F. et al., Mechanism underlying diquertin-mediated regulation of neutrophil function in patients with non-insulin-dependant diabetes mellitus, Bull. Exp. Biol. Med., 2004 Feb, 137(2): 143-6.
10. Wang Y.H. et al., Taxifolin ameliorate cerebral ischemia-reperfusion injury in rat through its anti-oxidative effect and modulation pf NF-kappa B activation, J. Biomed. Scien., 2006 Jan, 13(1): 127-41.
11. Wang Y.H. et al., Prevention of macrophage adhesion molecule-1dependant neutrophil firm adhesion by taxifolin through impairment of protein kinase-dependant NADPH oxidase activation and antagonism of G protein-mediated calcium influx, Biochem. Pharmacol., 2004 June 15, 67(12): 2251-62.
12. Dok-Go H. et al., Neuroprotective effects of antioxidative flavonoids, quercetin, dihydroquercetin and quercetin 3-méthyl ether isolated from Opuntia ficus-indica var. Saboten, Brain Res., 2003 Mar 7, 965(1-2):130-6.
13. Teselkin Yu O., Dihydroquercetin as a mean of antioxidative defence in rats with tetrachloromethane hepatitis, Phytother. Res., 200 May, 14(3): 495-502.
14. Biziagos E. et al., Effect of antiviral substances on hepatitis A virus replication in vitro, J. Med. Virol., 1987 May, 22(1) : 57-66.
15. Kolhir V.K. et al., Use of a new antioxidant diquertin as adjuvant in the therapy of patients with acute pneumonia, Phytotherapy Research, 1998, 12: 606-8.
16. Chu S.C. et al., Inhibitory effects of flavonoids on Moloney murine leukemia virus reverse transcriptase activity, J. Nat Prod., Feb 1992, 55(2): 179-83.
Ordinare prodotti
Triple C

Acido ascorbico + Ascorbato di Calcio + Palmitato ascorbico

www.supersmart.com
Taxifolin 10 mg

Utilizzato in Russia con dei benefici multipli e diversificati

www.supersmart.com
A découvrir aussi
10-04-2017
L'estratto di meliloto agisce su edema e...
L'estratto standardizzato di meliloto allevia efficacemente i sintomi associati a linfedema e insufficienza venosa cronica. Il suo componente principale, la cumarina (un benzopirone) è responsabile...
Più info
19-07-2017
Dei rimedi naturali contro la sensazione di...
Sebbene l'estate favorisca il relax e il riposo, questa sensazione di benessere può essere fortemente influenzata dalle alte temperature. Quando le temperature iniziano a salire,...
Più info
19-05-2015
L'insufficienza venosa, una malattia cronica progressiva
30% della popolazione, in rapporto un uomo ogni quattro donne, soffrono di insufficienza venosa. Per impedire il peggioramento della malattia cronica progressiva, è importante agire...
Più info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua