Home   >  Diabete e controllo del glucosio sanguigno  >  Non hanno più il...
24-09-2018

Non hanno più il diabete dopo un trattamento naturale di diversi mesi.

Berberine "Nessun trattamento consente di curare il diabete definitivamente. Si tratta di una malattia cronica e un trattamento a vita è necessario." Hai già sentito parlare mille volte di questo discorso? D'ora in poi, potrai dire che non è vero. Un nuovo studio ha appena dimostrato che una perdita di peso significativa (oltre 10 kg) e duratura (almeno un anno) poteva far regredire i processi coinvolti nel diabete di tipo 2.


Una scoperta importante nel mondo medico. Fino a poco tempo fa, si pensava che la perdita di sensibilità all'insulina nelle cellule adipose e il vacillamento delle cellule beta-pancreatiche che si verifica durante il diabete di tipo 2 fossero irreversibili. Un esperimento su larga scala condotto dal Diabetes Remission Clinical Trial (DiRECT) ha appena abbandonato questa certezza: più della metà delle persone affette da diabete di tipo 2 hanno potuto recuperare una condizione non diabetica a lungo termine grazie a una significativa perdita di peso e al suo mantenimento per almeno 12 mesi.

Per raggiungere questo obiettivo, i volontari ovviamente hanno dovuto seguire una dieta a basso contenuto calorico, imparando nuovamente a mangiare meglio e a diminuire naturalmente la glicemia. Molto rapidamente, il contenuto di grassi nel fegato e nel pancreas (due segni rivelatori del diabete) è diminuito, ma ci sono voluti diversi mesi affinché le cellule beta-pancreatiche ritornassero al loro stato di forma iniziale e affinché la sensibilità all'insulina ridiventasse significativa.

In che modo queste persone hanno potuto guarire dal diabete?

Durante i pasti o gli spuntini, apportiamo al nostro organismo un afflusso massiccio di sostanze nutritive di tutti i tipi che serviranno come combustibile per tutte le nostre cellule. Senza queste sostanze nutritive, le cellule non sarebbero in grado di sopravvivere a lungo: attingono l'energia che permette loro di svolgere tutte le loro funzioni fisiologiche. Ma per questo, è necessario che gli apporti energetici siano costanti: il minimo periodo di carenza sarebbe per loro fatale! Una lavatrice funziona finché funziona a corrente continua. Se si scollega il cavo che la collega alla presa elettrica, la si priva immediatamente di energia e la macchina si arresta. Questo è in qualche modo ciò che accadrebbe alle cellule se gli apporti energetici non fossero continui. Con un'unica differenza: quando la macchina viene ricollegata, si riavvia normalmente, laddove la cellula, privata di energia per troppo tempo, non si riprende più.

L’organismo ha quindi immaginato un sistema di regolazione che gli permette di apportare sempre la stessa quantità di carburante alle cellule attraverso la circolazione sanguigna. Si tratta di un sistema perfettamente ramificato che stabilizzerà il contenuto di glucosio nel sangue. Perché il glucosio? Perché è una delle sostanze nutritive più energetiche e gli enzimi digestivi trasformano molte grandi molecole in glucosio.


Quando le quantità di glucosio nel sangue aumentano, ad esempio dopo un pasto, un gruppo di cellule situate nel pancreas (le cellule beta-pancreatiche) rilascia una sostanza che ne ordinerà l'assorbimento nelle cellule muscolari e nelle cellule adipose e permetterà così di ripristinare i normali livelli di zucchero nel sangue. Questa sostanza è l’insulina. Per quanto riguarda lo zucchero, immagazzinato sotto forma di grassi o glicogeno, potrà essere reintrodotto successivamente nel sangue, se necessario.


Nelle persone con diabete di tipo 2, questo sistema si danneggia gradualmente. Inizialmente, si tratta probabilmente di un problema di alimentazione. Degli apporti troppo ricchi o troppo squilibrati determinano regolarmente delle abbondanti quantità di zuccheri nel sangue. L'organismo reagisce, come concordato, rilasciando massicce quantità di insulina, il che porta allo stoccaggio di zuccheri in eccesso sotto forma di grassi. Se queste cattive scelte alimentari sono occasionali, non saranno un problema, ma se diventano ricorrenti, le sorprese arriveranno presto. Lentamente ma inesorabilmente, le cellule adipose si gonfiano come palloncini, spingendo l'ago della bilancia sempre più lungo l'asse dei chilogrammi. Dopo un po', queste inutili riserve cominciano seriamente a diventare fastidiose, soprattutto a livello dell'addome. Normalmente dovrebbero incoraggiare le persone a prendere degli accorgimenti il prima possibile, ma se questo segnale viene ignorato, la patogenesi del diabete continua.


Man mano che crescono, le cellule adipose sono riluttanti a introdurre nuove riserve di energia. Si dice che diventino gradualmente resistenti all'insulina: la molecola non è più in grado di farsi obbedire con la stessa efficacia di prima. Di conseguenza, lo zucchero che dovrebbe essere normalmente immagazzinato nelle cellule di riserva rimane nella circolazione sanguigna, il che porta logicamente ad un aumento dei livelli di zucchero nel sangue. Si dice che le persone soffrano di iperglicemia cronica. Si tratta di una situazione pericolosa che può portare al progressivo danneggiamento dei nervi, dei vasi sanguigni, degli occhi e dei reni. Inoltre, è così pericolosa che l'organismo mette rapidamente in atto una strategia di difesa: fa rilasciare più insulina attraverso le cellule beta-pancreatiche del pancreas. Poiché le cellule adipose non obbediscono più all'insulina come prima, ora dovranno affrontare quantità ancora maggiori della stessa molecola. Si tratta di una strategia importante, ma deve essere costantemente riaggiustata per compensare la resistenza sempre più forte delle cellule adipose. Arriva il momento in cui la resistenza diventa quasi un'insurrezione. Per riuscire a far entrare lo zucchero nelle cellule e mantenere un livello di glicemia accettabile, occorre rilasciare delle quantità astronomiche di insulina, il che richiede alle cellule beta-pancreatiche di produrne ad un ritmo sfrenato che non può essere sostenuto nel tempo. Non sorprende quindi che, dopo qualche tempo, si arrendano. Le cellule beta che sono sopravvissute a dosi elevate di glucosio nel sangue perdono gradualmente la loro capacità di secernere l'insulina. Questo è un momento particolarmente drammatico, perché l'insulina è l'unico ormone del corpo che può ridurre la glicemia. Senza di essa, la glicemia diventa molto casuale e porta a problemi di salute che possono essere molto gravi.


È questa incapacità di produrre quantità normali di insulina che riteniamo irreversibile. Tuttavia, le conclusioni dello studio citato sono formali: se il diabete non è presente da più di 10 anni, le cellule beta-pancreatiche possono imparare nuovamente a produrre insulina e a ritornare a essere "normali". Per fare questo, occorre che i fattori che hanno portato alla trasformazione delle cellule beta-pancreatiche scompaiano. In altre parole, dobbiamo agire sui tre principali meccanismi coinvolti nello sviluppo del diabete:


  • La cattiva alimentazione che porta al sovrappeso.
  • Il sovrappeso che porta a una resistenza delle cellule all'insulina.
  • La resistenza delle cellule all'insulina che porta prima ad un aumento della produzione di insulina, poi ad una graduale diminuzione legata alla perdita di secrezione delle cellule beta-pancreatiche.

Fegato e pancreas, prima e dopo la perdita di peso

Come reagire il più rapidamente possibile e combattere il diabete in modo naturale?

Lo studio ci mostra che si può guarire dal diabete se non aspettiamo troppo a lungo: dopo 10 anni di diabete, sembra che le cellule beta-pancreatiche siano troppo coinvolte per tornare a essere "normali" e produrre nuovamente insulina in quantità sufficiente.


Ecco i 3 piani d'azione per raggiungere questo obiettivo:


  • Agire sul sovrappeso, soprattutto a livello addominale per migliorare la resistenza all'insulina.
  • Agire sulla glicemia in modo che le cellule beta-pancreatiche non si esauriscano per produrre insulina.
  • Agire sulle complicanze del diabete per evitare la comparsa di nuovi problemi di salute.

Per anni, i ricercatori hanno cercato di identificare un farmaco che potesse agire su tutti e tre i fronti allo stesso tempo. Pensavano di esserci riusciti più volte, ma ognuna delle sostanze del farmaco immesse sul mercato provocava degli importanti effetti collaterali o non era adatta a certe persone. Recentemente, è un prodotto naturale che si trova nel mirino: la berberina. Si tratta di una sostanza estratta dal crespino, un arbusto che può raggiungere i 2 o 3 metri di altezza, tradizionalmente utilizzato da millenni per "purificare il sangue" e curare le malattie infiammatorie. Ancora una volta, la comunità scientifica si è rivolta alla medicina tradizionale. Ancora una volta, a giusto titolo.


Alcuni studi recenti dimostrano che la berberina è un candidato perfetto (1) per il trattamento del diabete. Presenta notevoli effetti anti-iperglicemici e anti-iperlipidemici, influenzando positivamente il peso (2-5). L'unico motivo per cui non è ancora ampiamente conosciuta è che il suo meccanismo d'azione preciso non è ancora noto ai ricercatori. Infatti, a differenza dei farmaci, sembra che possa influenzare molti meccanismi associati al controllo della glicemia, alla lipogenesi (il processo di accumulo di energia nelle cellule adipose) o alla sensibilità all'insulina. Il diagramma seguente mostra l'influenza che esercita su un numero considerevole di fattori e recettori cellulari.


La berberina e il suo impatto sui meccanismi cellulari

È un anti-iperglicemico. La berberina agisce sul metabolismo del glucosio aumentando la secrezione di insulina (6) (il che stimola l'ingresso del glucosio nelle cellule), migliorando la sensibilità delle cellule all'insulina e stimolando la glicolisi (utilizzo del glucosio) (7-8). Interferisce anche nell'intestino tenue con la glucosidasi, un enzima responsabile del trasporto del glucosio attraverso l'epitelio intestinale. È quindi probabile che rallenti l'assorbimento del glucosio nell'organismo (9).

È un anti-adipogeno. Non è perché la berberina riduce la glicemia che aumenta il volume delle cellule adipose. Al contrario: diminuirebbe l'espressione di diversi geni (riducendo alcuni fattori di trascrizione) direttamente legati al tessuto adiposo e all'adipogenesi (10).

È un potente antiossidante. Alcuni studi recenti hanno mostrato che la generazione di radicali liberi, associata all'insulino-resistenza, provocava dei danni massicci e dei suicidi massicci delle cellule beta-pancreatiche (11-13). Lo stress ossidativo contribuisce inoltre direttamente allo sviluppo delle complicanze croniche del diabete quali le nefropatie, le retinopatie o le neuropatie (14). La berberina è anche riconosciuta per la sua capacità di ridurre l'ossidazione, in particolare attraverso l'aumento di numerosi antiossidanti endogeni come la superossido dismutasi (SOD) e il glutatione, soprattutto a livello del fegato (15-16). Il suo effetto benefico sullo stress ossidativo è stato osservato nell'uomo in uno studio clinico: una drastica diminuzione dei marcatori dell'ossidazione è stata registrata dopo un mese di integrazione con berberina.

È un ottimo antinfiammatorio. Il ruolo dell'infiammazione nella patogenesi del diabete è molto ben documentato (17). Numerose citochine pro-infiammatorie sono note per contribuire allo sviluppo dell'insulino-resistenza. E anche in questo caso la berberina sembra intervenire riducendo l'attività di queste citochine (18-20).


Il risultato è identico se si considerano solo gli studi clinici condotti sull'uomo. In alcuni studi, gli effetti antidiabetici della berberina sono stati addirittura superiori ai trattamenti farmacologici abituali (21), pur causando meno effetti collaterali (22). Questi studi recenti confermano che la biodisponibilità per via orale della berberina è molto reale, contrariamente a quanto inizialmente pensavano alcuni ricercatori. Sebbene la concentrazione di berberina nel sangue sia bassa dopo la sua somministrazione orale, è perché viene rapidamente distribuita agli organi come il fegato o il pancreas, dove viene metabolizzata in diversi metaboliti attivi (23).


Inoltre, basta leggere le molte opinioni delle persone che hanno deciso di assumere la berberina per convincersi del suo potere davvero sorprendente. Questi estratti riguardano il prodotto Berberine 500 mg, un best-seller di origine 100% naturale e di una purezza senza pari sul mercato:


  • " Ho appena inoltrato il mio terzo ordine (per 3 mesi): efficace fin dal 1° trimestre per abbassare la glicemia..... ", Frédérique Lucas.
  • « Un'efficacia sorprendente! Sulla base delle analisi, il mio medico ha avuto paura ", Jean Claude Escande.
  • " Usiamo la berberina per ridurre i livelli di glicemia e per noi funziona ", Yolande Niquet.
  • " Per me si tratta di un ottimo prodotto perché mi permette di abbassare il mio diabete di tipo 2, laddove tutti i farmaci convenzionali non avevano avuto alcun effetto con tanti effetti collaterali tra cui l'ipoglicemia ", Annie Parlanti.
  • " Posso raccomandare questo prodotto in sostituzione di un prodotto allopatico che non ha risolto nulla per anni. Dopo 3 mesi di assunzione di Berberine, tutti i glucometri erano migliorati secondo i risultati delle analisi ", Gaston Simon.
  • « Hai 75 anni? diabete di tipo 2, il mio medico è stato molto sorpreso quando gli dissi che era grazie alla berberina che il mio diabete era tornato alla normalità ».
  • " Ho assunto la berberina per 3 anni e il mio diabete è diminuito notevolmente, contemporaneamente a una buona igiene alimentare e passeggiate regolari. I medici hanno difficoltà ad ammetterlo, ma quando vedono i risultati delle mie analisi, non possono che essere soddisfatti. Non ho mai avuto effetti collaterali, al contrario solo effetti benefici sull'intero organismo e niente più infezioni urinarie. Raccomando vivamente questo prodotto ", Sophie Dujardin.

Per vedere il resto delle testimonianze: recensioni sulla berberina.


Infatti, il successo popolare della berberina si spiega con la sua efficacia misurabile. Poiché la glicemia è qualcosa che è frequentemente controllato nei diabetici, l'azione della berberina è immediatamente verificabile. E nessuno può dire che " è qualcosa di soggettivo ": è qualcosa di strettamente "oggettivo". Qualcosa che appare nero su bianco sui referti delle analisi.

5 consigli naturali per combattere e far regredire il diabete

Lo studio menzionato all'inizio di questo articolo mostra la necessità di perdere peso per sbarazzarsi definitivamente del diabete, ma i partecipanti sono stati rigorosamente supervisionati dai ricercatori. Come riuscire a perdere più di 10 kg in modo sano e durevole, riducendo gradualmente la glicemia, senza tale supervisione? Circondandosi da personale sanitario, affidandosi ad ausili naturali e rispettando semplici indicazioni. Eccone 5 che sono essenziali per far regredire il diabete:


1) (Ri)mettiti a cucinare. Questo è il consiglio più importante per ottenere la perdita di peso addominale: smetti di consumare questi alimenti ipertrasformati che contengono ciò che fa più male per il tuo diabete: sale, acidi grassi saturi, zuccheri nascosti (fruttosio in particolare), fonti di radicali liberi... Cuoci tutti i tuoi piatti con prodotti grezzi, con verdure innanzitutto e avrai già fatto un grande passo in avanti verso il tuo obiettivo.

2) Affidati alla berberina. Gli effetti della berberina sulla glicemia e sui processi della lipogenesi sono abbastanza considerevoli per integrarla in un programma di diversi mesi (da 500 a 1.000 mg al giorno). Si tratta di un aiuto prezioso a breve termine (gli episodi di iperglicemia sono pericolosi) e a lungo termine (aiuta a ridurre l'insulino-resistenza).

3) Concentrati sugli alimenti a basso indice glicemico. È ormai riconosciuto che la considerazione dell'indice glicemico (IG) degli alimenti apporta benefici alle persone affette da diabete. Un'alimentazione con un basso indice glicemico si traduce in una minore glicemia, migliori livelli di lipidi nel sangue e un migliore controllo del peso.

4) Riconciliati con le fibre alimentari. Le fibre solubili, che consumiamo sempre meno, sono essenziali per chiunque voglia far regredire il diabete. Permettono di ritardare l'assorbimento del glucosio e aiutano sia a ridurre il sovrappeso che a ridurre la glicemia. Si raccomanda ai diabetici di consumare tra 25 e 50 g di fibre al giorno, attraverso frutta e verdura (rape, asparagi, broccoli, cavoli, fagioli, cipolle, carciofi, arance, pesche, pere, mele...) o attraverso integratori di fibre (lo psillio da consumare con un bicchiere d'acqua durante i pasti è formidabile: riduce i livelli di glucosio e insulina del 10-20% (24)).

5) Fidati degli antiossidanti. Gli antiossidanti presenti in tutti i tipi di frutta e verdura (e soprattutto i più colorati) non deludono mai. Sono essenziali per combattere molte patologie e il diabete non fa eccezione: lo stress ossidativo che si manifesta durante questa patologia porta a complicanze ben note come l'aterosclerosi, l'insufficienza renale o la retinopatia.


Lo studio principale dell'articolo:

Roy Taylor, Ahmad Al-Mrabeh, Sviatlana Zhyzhneuskaya, Carl Peters, Alison C. Barnes, Benjamin S. Aribisala, Kieren G. Hollingsworth, John C. Mathers, Naveed Sattar, Michael E.J. Lean. Remission of Human Type 2 Diabetes Requires Decrease in Liver and Pancreas Fat Content but Is Dependent upon Capacity for β Cell Recovery. Cell Metabolism, 2018; DOI: 10.1016/j.cmet.2018.07.003


Bibliografia

  1. Ma X, Chen Z, Wang L, Wang G, Wang Z, Dong X, Wen B and Zhang Z (2018) The Pathogenesis of Diabetes Mellitus by Oxidative Stress and Inflammation: Its Inhibition by Berberine. Front. Pharmacol. 9:782. doi: 10.3389/fphar.2018.00782
  2. Yin, J., Xing, H., and Ye, J. 2008. Efficacy of berberine in patients with type 2 diabetes mellitus. Metabolism, 57(5): 712–717. doi:10.1016/j.metabol.2008.01. 013. PMID:18442638.
  3. Zhang, H., Wei, J., Xue, R., Wu, J.D., Zhao, W., Wang, Z.Z., et al. 2010. Berberine lowers blood glucose in type 2 diabetes mellitus patients through increasing insulin receptor expression. Metabolism, 59(2): 285–292. doi:10.1016/j. metabol.2009.07.029. PMID:19800084.
  4. Zhao, W., Xue, R., Zhou, Z.X., Kong, W.J., and Jiang, J.D. 2008. Reduction of blood lipid by berberine in hyperlipidemic patients with chronic hepatitis or liver cirrhosis. Biomed. Pharmacother. 62(10): 730–731. doi:10.1016/j.biopha.2008. 01.007. PMID:18337056
  5. Banach, M., Patti, A. M., Giglio, R. V., Cicero, A. F. G., Atanasov, A. G., and Bajraktari, G., et al. (2018). The role of nutraceuticals in statin intolerant patients: position paper from an international lipid expert panel. J. Am. Coll. Cardiol. 72, 96–118. doi: 10.1016/j.jacc.2018.04.040
  6. Yu, Y., Liu, L., Wang, X., Liu, X., Liu, X., Xie, L., and Wang, G. 2010. Modulation of glucagon-like peptide-1 release by berberine: in vivo and in vitro studies. Biochem. Pharmacol. 79(7): 1000–1006. doi:10.1016/j.bcp.2009.11.017. PMID: 19945441.
  7. Ko, B.S., Choi, S.B., Park, S.K., Jang, J.S., Kim, Y.E., and Park, S. 2005. Insulin sensitizing and insulinotropic action of berberine from Cortidis rhizoma. Biol. Pharm. Bull. 28(8): 1431–1437. doi:10.1248/bpb.28.1431. PMID:16079488.
  8. Chang, W., Zhang, M., Li, J., Meng, Z., Wei, S., Du, H., et al. 2013. Berberine improves insulin resistance in cardiomyocytes via activation of 5=-adenosine monophosphate-activated protein kinase. Metabolism, 62(8): 1159–1167. doi: 10.1016/j.metabol.2013.02.007. PMID:23537779.
  9. Pan, G.Y., Huang, Z.J., Wang, G.J., Fawcett, J.P., Liu, X.D., Zhao, X.C., et al. 2003. The antihyperglycaemic activity of berberine arises from a decrease of glucose absorption. Planta Med. 69(7): 632–636. doi:10.1055/s-2003-41121. PMID: 12898419
  10. Rosen, E.D., and MacDougal, O.A. 2006. Adipocyte differentiation from the inside out. Nat. Rev. Mol. Cell Biol. 7(12): 885–896. doi:10.1038/nrm2066. PMID: 17139329.
  11. Evans, J.L., Maddux, B.A., and Goldfine, I.D. 2005. The molecular basis for oxidative stress-induced insulin resistance. Antioxid. Redox Signal. 7(7–8): 1040– 1052. doi:10.1089/ars.2005.7.1040. PMID:15998259.
  12. Scivittaro, V., Ganz, M.B., and Weiss, M.F. 2000. AGEs induce oxidative stress and activate protein kinase C-beta(II) in neonatal mesangial cells. Am. J. Physiol. Renal Physiol. 278(4): F676–F683. PMID:10751230.
  13. Kaneto, H., Xu, G., Fujii, N., Kim, S., Bonner-Weir, S., and Weir, G.C. 2002. Involvement of c-Jun N-terminal kinase in oxidative stress-mediated suppression of insulin gene expression. J. Biol. Chem. 277(33): 30010–30018. doi:10. 1074/jbc.M202066200. PMID:12011047.
  14. Rosen, P., Nawroth, P.P., King, G., Moller, W., Tritschler, H.J., and Packer, L. 2001. The role of oxidative stress in the onset and progression of diabetes and its complications: a summary of a Congress Series sponsored by UNESCO-MCBN, the American Diabetes Association and the German Diabetes Society. Diabetes Metab. Res. Rev. 17(3): 189–212. doi:10.1002/dmrr.196. PMID:11424232.
  15. Zhou, J.Y., and Zhou, S.W. 2011. Protective effect of berberine on antioxidant enzymes and positive transcription elongation factor b expression in diabetic rat liver. Fitoterapia, 82(2): 184–189. doi:10.1016/j.fitote.2010.08.019. PMID:20828602.
  16. Tang, L.Q., Wei, W., Chen, L.M., and Liu, S. 2006. Effects of berberine on diabetes induced by alloxan and a high-fat/high-cholesterol diet in rats. J. Ethnopharmacol. 108(1): 109–115. doi:10.1016/j.jep.2006.04.019. PMID:16759828.
  17. Dorota Zozulinska, B.W.-W. 2006. Type 2 diabetes mellitus as inflammatory disease. Diabetes Res. Clin. Pract. 74(Suppl.): S12–S16. doi:10.1016/j.diabres. 2006.06.007.
  18. Jiang, Q., Liu, P., Wu, X., Liu, W., Shen, X., Lan, T., et al. 2011. Berberine attenuates lipopolysaccharide-induced extracelluar matrix accumulation and inflammation in rat mesangial cells: involvement of NF-kappaB signaling pathway. Mol. Cell. Endocrinol. 331(1): 34–40. doi:10.1016/j.mce.2010.07.023. PMID: 20674665
  19. Lee, C.H., Chen, J.C., Hsiang, C.Y., Wu, S.L., Wu, H.C., and Ho, T.Y. 2007a. Berberine suppresses inflammatory agents-induced interleukin-1beta and tumor necrosis factor-alpha productions via the inhibition of IkappaB degradation in human lung cells. Pharmacol. Res. 56(3): 193–201. doi:10.1016/j.phrs.2007.06.003. PMID:17681786.
  20. Mo, C., Wang, L., Zhang, J., Numazawa, S., Tang, H., Tang, X., et al. 2014. The crosstalk between Nrf2 and AMPK signal pathways is important for the antiinflammatory effect of berberine in LPS-stimulated macrophages and endotoxin-shocked mice. Antioxid. Redox Signal. 20(4): 574–588. doi:10.1089/ ars.2012.5116. PMID:23875776.
  21. Goguet-Rubio, P., Seyran, B., Gayte, L., Bernex, F., Sutter, A., and Delpech, H. (2016). E4F1-mediated control of pyruvate dehydrogenase activity is essential for skin homeostasis. Proc. Natl. Acad. Sci. U.S.A. 11, 11004–11009. doi: 10.1073/pnas.1602751113
  22. Zhang, H., Wei, J., Xue, R., Wu, J.D., Zhao, W., Wang, Z.Z., et al. 2010. Berberine lowers blood glucose in type 2 diabetes mellitus patients through increasing insulin receptor expression. Metabolism, 59(2): 285–292. doi:10.1016/j. metabol.2009.07.029. PMID:19800084.
  23. Tan XS, Ma JY, Feng R, et al. 2013. Tissue distribution of berberine and its metabolites after oral administration in rats. PLoS One 8: e77969.
  24. Bajorek SA, Morello CM. Effects of dietary fiber and low glycemic index diet on glucose control in subjects with type 2 diabetes mellitus. Ann Pharmacother. 2010 Nov;44(11):1786-92. Epub 2010 Oct 19.
Ordinare prodotto
Berberine 500 mg

Una nuova arma naturale e potente contro il diabete di tipo II

www.supersmart.com
A découvrir aussi
24-12-2018
La berberina: un sogno diventato realtà per...
Sempre più persone condividono con noi le proprie testimonianze sulla berberina, una sostanza estratta dal crespino che fa miracoli per diminuire la glicemia e i...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua