Home   >  Sistema immunitario, fatica e infezioni  >  Influenza, raffreddore, bronchite: i...
11-02-2019

Influenza, raffreddore, bronchite: i 2 modi migliori per evitarli

grippeIn inverno, praticamente tutte le persone sono esposte al virus dell'influenza, ma solo una parte ne è effettivamente infettata. Come spiegare questa disparità?
Contrariamente a quanto spesso si pensa, il fatto di prendere un raffreddore o una brutta influenza non è dovuto solo alla sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Quando il nostro organismo entra in contatto con i virus, ammalarsi dipenderà da un fattore essenziale: la qualità della risposta immunitaria immediata nei confronti degli aggressori. Una risposta troppo debole o troppo lenta e si scatena l'infezione. Al contrario, una risposta immunitaria adeguata permette all'organismo di respingere con successo l'aggressore. Così, senza saperlo, il sistema immunitario trionfa regolarmente sugli attacchi avversari e si risparmiano molti momenti difficili. Per alcuni, tuttavia, le risposte non sembrano mai ottimali : di fronte agli intrusi, vacillano troppo rapidamente, senza sfruttare appieno il loro potenziale difensivo e si ammalano a ogni occasione
Per uscire da questa condanna o semplicemente per massimizzare le possibilità di non ammalarsi questo inverno, esistono tuttavia delle soluzioni scientificamente convalidate. Una di queste si basa sul re degli antiossidanti: il glutatione.

1) La N-acetilcisteina, o come aggirare brillantemente il sistema

Sintetizzato a livello epatico, il glutatione è una delle armi antiossidanti più potenti elaborate dall'organismo e altamente coinvolte nel sistema immunitario. Con l'aumentare della sua concentrazione aumenta anche il numero e l'attività dei linfociti T-CD4, degli intermediari della risposta immunitaria, il che contribuisce ad un miglioramento complessivo del sistema difensivo1. I ricercatori hanno anche scoperto recentemente che aveva un ruolo più specifico in relazione ai virus, e in particolare ai virus influenzali: inibirebbe l'attività degli enzimi su cui i virus si basano per colonizzare le cellule situate a livello della bocca e della gola.

Il vero problema è che un'integrazione orale con glutatione non permette, come si potrebbe pensare, di migliorare il sistema immunitario. Alcune proteine presenti nell'intestino sembrano disattivarlo, riducendo significativamente la sua biodisponibilità2. A questo si aggiunge un'altra difficoltà: il glutatione presenta tutte le difficoltà possibili per attraversare la membrana cellulare e sconfiggere gli aggressori. In condizioni naturali, non è necessario farlo, in quanto è sintetizzato direttamente nella cellula... Il trucco consiste quindi nell'utilizzare uno dei suoi precursori, la N-acetilcisteina (NAC), che non solo presenta un'eccellente biodisponibilità, ma può anche facilmente attraversare le membrane per entrare all'interno delle cellule. È lì che viene poi trasformata in cisteina, poi in glutatione. La strategia è astuta.

Questa idea di ricostituire le scorte di glutatione attraverso la NAC3 non è stata per molto tempo un'ipotesi. Oggi sappiamo che l'operazione è un successo e che aiuta a ridurre i danni causati dalle specie reattive dell'ossigeno, i composti che ostacolano seriamente le nostre risposte immunitarie. Nel tentativo di misurare i suoi effetti sull'immunità, i ricercatori hanno anche potuto constatare che la N-acetilcisteina riduceva la produzione di mediatori chimici proinfiammatori4 e che aveva un'azione fluidificante sulle secrezioni bronchiali5.

Come fare per usare la NAC contro l'influenza e le infezioni invernali?

Con l'arrivo dell'inverno, si può assumere una capsula di N-acetilcisteina (600 mg) al giorno a titolo preventivo. Se si è molto stanchi e stressati o se ci si sente indeboliti, è possibile raddoppiare la dose
. Non appena si sente che compaiono i primi sintomi, si può passare a due capsule o tre capsule da 600 mg al giorno. C'è ancora tempo in quel momento per ridurre l'intensità dell'episodio influenzale.

2) La vitamina C, l’antiraffreddore che non va mai fuori moda

Dal lancio nel 1970 del best-seller Vitamin C and the Common Cold da parte dell'unico uomo al mondo ad aver vinto 2 premi Nobel (e morto all'età di 93 anni), la vitamina C è un rimedio abbastanza popolare per prevenire il raffreddore. A differenza del glutatione, è un antiossidante che l'organismo non può sintetizzare e che deve quindi essere apportato esclusivamente tramite l'alimentazione. Ma come afferma Linus Pauling, la vitamina C ostacola il collasso del sistema immunitario6 riducendo istantaneamente i danni causati dalle specie reattive dell'ossigeno7 che intervengono in un gran numero di malattie e condizioni (stress, mancanza di sonno, esposizione a sostanze inquinanti, tabagismo, ecc.). Si tratta quindi di un integratore perfetto di N-acetilcisteina per aumentare la qualità della risposta immunitaria.

< i> g> g>Quali sono i veri fabbisogni di vitamina C?

Le ricerche più recenti mostrano che gli apporti ottimali di vitamina C variano da 400 mg a 1 g al giorno, il che corrisponde ad un limite massimo plasmatico di 80¼mol/L8. Siamo quindi molto lontani dagli apporti nutrizionali raccomandati che variano solamente da 75 mg (Stati Uniti) a 110 mg (Francia e Belgio). Come spiegare questo divario assurdo tra le conoscenze scientifiche e le raccomandazioni nazionali? In realtà, queste raccomandazioni risalgono all'epoca in cui la vitamina C era considerata una semplice molecola che curava lo scorbuto. Gli scienziati hanno determinato le dosi necessarie per prevenire questa malattia e non si sono accorti che poteva avere un interesse per migliorare la salute in generale.

. Ora, la domanda è: come procurarsi 700 mg di vitamina C al giorno, laddove per il 40-60% della popolazione, è già un rompicapo procurarsi i 110 mg raccomandati dalle autorità? Su questo punto, occorre essere pragmatici. I rari mammiferi che non sintetizzano da soli la vitamina C hanno un'alimentazione colma di vitamina C9, il che non è più compatibile al giorno d'oggi con le nostre condizioni sedentarie. Per arrivare a un consumo di 700 mg di vitamina C al giorno, ecco quello che si dovrebbe mangiare ogni giorno: 1 peperone rosso, 1 kiwi, 1 arancia, 1 porzione di broccoli, 1 succo di pompelmo, 1 succo d'arancia, 1 succo di legumi, 4 cavoletti di Bruxelles, 1 porzione di piselli, 1 porzione di cavolfiore, 1 porzione di canapuli o capecchi, 1 porzione di peperone verde, 1 porzione di fragole.

Tutto questo assicurandosi della freschezza dei prodotti (il che è impossibile tenendo conto che questi alimenti non sono tutti disponibili nello stesso periodo dell'anno) e della loro qualità (senza pesticidi, cresciuti su un terreno ricco, senza OGM). Sarete d'accordo, la difficoltà è estrema.
La soluzione migliore resta quindi quella dipuntare sugli integratori alimentari, a condizione di saperli ben scegliere. La popolarità della vitamina C presenta anche degli inconvenienti: sul mercato esistono dei prodotti di qualità famelica o troppo costosi. Per aiutarvi, ecco le 5 informazioni necessarie da sapere sulla vitamina C prima dell'acquisto:
. 1) La vitamina C di origine naturale è identica alla vitamina C sintetica. La loro assimilazione è strettamente equivalente, ma il prezzo dei prodotti di origine naturale è molto più elevato. Data la loro equivalenza, ci si deve chiedere se ne vale davvero la pena...
. 2) I flavonoidi che si trovano nella frutta e nei legumi aumentano l'assorbimento della vitamina C, a condizione che ce ne siano almeno 50 mg per compressa. < br>. 3) La forma acido ascorbico è quella che si trova nella frutta e verdura, ma le forme tamponate (come l'ascorbato di sodio, l'ascorbato di calcio, il magnesio ascorbil fosfato...) hanno il vantaggio di essere meno acidi e di causare meno disturbi allo stomaco nelle persone sensibili.
4) La forma liposomica (una miscela di lecitina e acido ascorbico, incapsulata in un doppio strato lipidico come in Liposomal Vitamin C) sembra migliorare i livelli plasmatici rispetto ad una somministrazione più classica della molecola.
5) Le compresse non devono contenere dosi troppo elevate, in quanto è più efficace suddividere le assunzioni in più volte durante il giorno.

Come fare per utilizzare la vitamina C contro l'influenza e le infezioni invernali?

Nel corso dell'anno, è possibile assumere a titolo preventivo 3 compresse al giorno di Triple C (un integratore che riunisce tutte le condizioni precedentemente descritte), o 3-8 settimane prima delle prime epidemie.
Queste 2 soluzioni pratiche, combinate con una migliore gestione dello stress, un sonno migliore e una migliore alimentazione, sono i modi migliori per massimizzare le possibilità di evitare i fastidi dell'inverno. Ma i benefici non si fermano qui: un miglioramento del sistema immunitario permette anche di prevenire più efficacemente lo sviluppo del cancro e dei disturbi cardiovascolari, oltre a promuovere la longevità... È tutto collegato.



Bibliografia:
1. De Rosa SC, Zaretsky MD, Dubs JG, et al. N-acetylcysteine replenishes glutathione in HIV infection. Eur J Clin Invest 2000;30:915-29.
2. Lomaestro BM, Malone M. Glutathione in health and disease: pharmacotherapeutic issues. Ann Pharmacother 1995;29:1263-73.
3. Kelly GS. Clinical applications of N-acetylcysteine. Altern Med Rev 1998;3:114-27.
4. Gillissen A, Nowak D. Characterization of N-acetylcysteine and ambroxol in anti-oxidant therapy. Respir Med 1998;92:609-23.
5. Mucoactive drugs. Balsamo R, Lanata L, Egan CG. Eur Respir Rev. 2010 Jun 1;19(116):127-33.
6. Leibovitz B, Siegel BV. Ascorbic acid and the immune response. Adv Exp Med Biol 1981;135:1-25.
7. Padayatty SJ, Katz A, Wang Y, Eck P, Kwon O, Lee JH, Chen S, Corpe C, Dutta A, Dutta SK, Levine M. Vitamin C as an antioxidant: evaluation of its role in disease prevention. J. Am. Coll. Nutr. 2003;22:1835.
Ordinare prodotti
N-Acetyl Cysteine 600 mg

Il precursore più efficace e più immediato del glutatione

www.supersmart.com
Liposomal Vitamin C 335 mg

Forma altamente biodisponibile di vitamina C

www.supersmart.com
Triple C

Acido ascorbico + Ascorbato di Calcio + Palmitato ascorbico

www.supersmart.com
A découvrir aussi
24-06-2019
La PEA, l'antidolorifico naturale universale
Meglio conosciuta con le iniziali PEA, la palmitoiletanolamide è un potente principio attivo naturale scoperto nel 1957. Fin dalla sua scoperta, questa sostanza è stata...
Più info
03-01-2018
Gli 8 segreti delle persone che non...
Ogni anno, le stesse persone sembrano superare miracolosamente le epidemie di influenza o di gastroenterite. In realtà, la fortuna non centra: è la qualità delle...
Più info
04-09-2019
Quale età hanno i tuoi polmoni? La...
Sapevi che fra tutti i tuoi organi, sono i polmoni i primi ad invecchiare? Come la pelle, hanno la particolarità di essere esposti alla massima...
Più info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua