Home   >  Prostata  >  Signori, prendetevi cura della...
22-08-2018

Signori, prendetevi cura della vostra prostata!

Prostate Tra gli integratori noti per limitare l'ipertrofia prostatica benigna (IPB) si distinguono in modo indiscusso gli estratti vegetali e i nutrienti che sono stati oggetto di diversi studi. Concentrarsi su queste sostanze fondamentali e su altre promettenti.

Per molti anni, gli estratti di Serenoa repens sono stati utilizzati con grande successo in Europa e nell'oltre Atlantico per alleviare in modo deciso i sintomi dell'ipertrofia prostatica benigna (adenoma prostatico) e liberare le vie urinarie. Il Saw palmetto, noto anche come palma nana, è infatti ricco di fitosteroli e acidi grassi specifici che bloccano gli ormoni che influenzano la dimensione della prostata. L'assunzione di tali estratti, standardizzati in acidi grassi liberi, agisce su più livelli:
    - Essi inibiscono la 5-alfa-reduttasi e limitano il legame del diidrotestosterone (DHT), la forma attiva del testosterone che stimola la crescita delle cellule della prostata, ai recettori androgenici.
    - Essi riducono la proliferazione delle cellule prostatiche e inducono inoltre l'apoptosi delle cellule tumorali.
    - Riducono l'infiammazione e lo stimolo urgente della minzione.
    - Essi aumentano il flusso di urina e promuovono lo svuotamento completo.
Dunque gli estratti di Saw Palmetto dovrebbero possedere la stessa efficacia della finasteride o della tamsulosina, due farmaci comunemente prescritti per il trattamento dell'IPB.
Negli studi clinici, questi estratti sono spesso associati a un estratto di radice di ortica (Urtica dioica), per le loro azioni sinergiche e prive di effetti collaterali1. Inoltre il Saw Palmetto inibisce il legame del DHT sulle cellule prostatiche e, secondo gli studi condotti, fornisce un notevole alleviamento dei sintomi. È consigliato dalla Commissione E tedesca per alleviare naturalmente i disturbi urinari associati all'IPB.

Tra le piante, è possibile citare anche il Pygeum africanum, un pigeo africano utilizzato in Europa dalla metà degli anni Sessanta. I fitosteroli in esso contenuti migliorano la contrattilità della vescica, possiedono un effetto antinfiammatorio e inibiscono la produzione di prostaglandine, prevenendo la crescita delle cellule prostatiche, riducendo i livelli notturni e aumentando il flusso urinario in modo da promuovere il drenaggio completo.
Come dimostrato in vari studi, il Pygeum africanum, ma anche il saw palmetto e la soia, contengono il beta-sitosterolo. Infatti tali studi mostrano chiaramente che il fitosterolo è in grado di aumentare il flusso urinario e di diminuire l'urina residua nella vescica. Inoltre, dopo diversi mesi dall'interruzione dell'integrazione, tali benefici persistono.
Questi estratti vegetali sono comunemente utilizzati da soli o in combinazione con:
    - Un estratto idrofilo e lipofilo di polline che inibisce la formazione del DHT, diminuisce leggermente i sintomi urinari associati all'IPB, compresa la nicturia, cioè la necessità di alzarsi più volte durante il riposo notturno.
    - Lo Zinco, che è IL minerale specifico della prostata. Infatti, le cellule epiteliali prostatiche lo accumulano e le ricerche mostrano che esso inibisce la crescita cellulare e l'attività del DHT e impedisce l'attività della 5-alfa-reduttasi. Le cellule prostatiche ingrossate ne sono prive, limitando così la funzione di autoregolazione dello zinco sulla crescita.
    - Il Boro che promuove anche lo sviluppo sano delle cellule della prostata.
Tra le nuove promettenti molecole, il DIM o diindolilmetano è una sostanza estratta dalle crocifere (broccoli, cavoli...). Esso riequilibra e supporta il funzionamento ottimale del sistema endocrino. Riduce il tasso di PSA (antigene prostatico specifico), quindi il DHT è la causa del suo aumento e rallenta la conversione del testosterone in estrogeni. Inoltre, il DIM è stato identificato come un indolo naturale. Sostiene le difese naturali e protegge l'organismo dalle sostanze chimiche ambientali cancerogene.

Per comprendere meglio l'IPB

La prostata può triplicare il suo volume sotto l'azione di due enzimi chiave:
    - La 5-alfa-reduttasi, che converte il testosterone in diidrotestosterone (DHT), la forma più attiva.
    - L'aromatasi che converte il testosterone in estrogeni. L'eccesso di estrogeni aggrava non solo l'IPB, ma aumenta anche il rischio di sviluppo del cancro alla prostata.
Il DHT e gli estrogeni sono responsabili della proliferazione delle cellule prostatiche mediante l'attivazione di alcuni fattori di crescita (IGF-1: fattore di crescita insulino-simile). Così, tutte le sostanze che agiscono su questi due enzimi, o limitano il legame del DHT o degli estrogeni con i recettori prostatici, limitano l'IPB.
Tra i fattori di rischio dell'IPB è ovviamente presente l'età, in quanto essa causerà cambiamenti nella produzione di ormoni, ma anche la sedentarietà e l'assunzione di alcuni farmaci.

La quercitina per la cura delle prostatiti

La quercitina possiede proprietà antinfiammatorie a dose di un grammo al giorno, ripartito durante tutta la giornata. Infatti, questo forte potere antinfiammatorio viene esercitato principalmente inibendo la via del NF-kB, una proteina che svolge un ruolo critico nel controllo dell'espressione dei geni codificanti le citochine proinfiammatorie. Come dimostrato da uno studio in doppio cieco condotto su 15 uomini affetti da prostatite cronica di origine non batterica, i suoi effetti più evidenti riguardano l'infiammazione cronica della prostata. sup>2 Tra gli uomini che hanno assunto 500 mg di quercitina due volte al giorno per sei mesi, due terzi di loro hanno notato una riduzione di almeno il 25% dei disturbi, mentre negli uomini del gruppo di controllo solo il 20% di loro ha riscontrato un certo sollievo.

Per prevenire o contrastare lo sviluppo delle cellule tumorali a questo livello, nell'"arsenale" delle sostanze da utilizzare, dovrebbero essere presenti altri estratti.

Tra le sostanze riconosciute, il licopene, un potente carotenoide antiossidante abbondantemente presente nei pomodori, possiede un effetto protettivo contro questo tipo cancro. Gli studi dimostrano che è in grado di inibire la crescita delle cellule cancerose della prostata.

Anche la vitamina D3 che è scarsamente presente nell'alimentazione rispetto al licopene, ad eccezione del pesce grasso. Viene essenzialmente sintetizzata dall'organismo durante le belle giornate, grazie agli effetti dei raggi UVB, a partire da un derivato del colesterolo; la maggior parte degli europei ne è ancora gravemente carente, esponendo l'organismo al rischio di tumori, compreso quello della prostata. Da ottobre a marzo è quindi necessario ricorrere a un'integrazione giornaliera di vitamina D3.

Tra i polifenoli, vengono rilasciati due composti per contrastare la crescita delle cellule prostatiche cancerose. Lo pterostilbene e il resveratrolo. Alcuni studi condotti a Chicago hanno dimostrato che lo pterostilbene si comporta come un inibitore dell'enzima P450 che attiva le sostanze "pro-cancerogene". Altri studi hanno stabilito che esso ostacola la crescita di alcuni tipi di cancro, compreso quello della prostata, alterando il loro ciclo cellulare e inducendo l'apoptosi, arginando quindi la proliferazione di altre cellule cancerose o di metastasi . Per quanto riguarda il resveratrolo, gli studi realizzati sugli animali e sull'uomo tendono a mostrare che questa sostanza può costituire un'alternativa più efficace e meno tossica rispetto alla chemioterapia. L’estratto di melagrana, e in modo particolare la punicalagine e l'acido ellagico, sono noti per i loro effetti protettivi. Infatti essi evitano l'attivazione di mutazioni ed esercitano un'attività antiproliferativa in vitro. Inoltre, l'acido ellagico è in grado di inibire due proteine essenziali (VEGF e PDGF) necessarie alla formazione della rete vascolare del tumore; spesso interferiscono con il processo di angiogenesi, una caratteristica fondamentale della gravità della progressione tumorale.
I ricercatori hanno inoltre dimostrato che l'estratto di melagrana inibisce la crescita cellulare, induce l'apoptosi in una linea cellulare altamente aggressiva del cancro alla prostata e riduce la secrezione di PSA.

Altri ingredienti studiati scientificamente si sono rivelati interessanti:
    - La chirosina, un composto flavonico estratto dalla passiflora blu (Passiflora caerulea), che inibisce la conversione del testosterone in estrogeni.
    - La naringina, estratta dal pompelmo, che è un inibitore estrogenico attualmente ben riconosciuto (citocromo P 450).
    - La genisteina estratta dalla Sophora japonica (più attiva di quella estratta dalla soia), che inibisce fortemente l'aromatizzazione.
    - L’Epilobium parviflorum (epilobio a piccoli fiori) che, grazie alla suo elevato contenuto di terpeni, fitosteroli, flavonoidi, tannini e soprattutto di oenotenina B, inibisce congiuntamente i due enzimi chiave aromatasi e 5-alfa-reduttasi.
    - Il selenio, che secondo alcuni studi riduce il rischio di cancro alla prostata e rallenta la sua progressione.

La crema al progesterone, non solo per la vostra donna!

Ogni giorno un uomo sano sintetizza naturalmente 1,5 mg di progesterone attraverso le sue ghiandole surrenali. Ma nel corso degli anni la sua produzione e i suoi livelli diminuiscono. Il progesterone svolge ruoli essenziali: inibisce l'attività dell'aromatasi e mantiene le concentrazioni del DHT nel sangue e nella prostata a livelli bassi entrando in competizione con la 5-alfa-reduttasi.



Riferimenti:
1- Sokeland J. et al., Combination of Sabal and urtica extract versus finasteride in benign prostatic hyperplasia (stages I and II). Comparison of therapeutic effectivness in one year double-blind study, Urology A, 1997, 36(4): 327-33.
2- Shoskes, D. A., Zeitlin, S. I., Shahed, A. and Rajfer, J. (1999) Quercetin in men with category III chronic prostatitis: a preliminary prospective, double-blind, placebo-controlled trial, Urology, 54, 960-3.
Ordinare prodotti
ProstaNatural Formula

Aiuta a preservare la salute della prostata

www.supersmart.com
Nettle Root Extract 500 mg

Estratto di Ortica dioica standardizzata 16:1
Raccomandato dalla Commissione Europea tedesca per alleviare i disturbi urinari associati all'ipertrofia benigna della prostata.

www.supersmart.com
Saw Palmetto 320 mg

320 mg estratto standardizzato di Sega

www.supersmart.com
Lyc-O-Mato® 15 mg

Confezionamento potente ed economico per questo nutrimento indispensabile.

www.supersmart.com
Super Quercetin 500 mg

Una fonte pura, una concentrazione ottimale e ampie proprietà

www.supersmart.com
Vitamin D3 5000 UI

Forma biodisponibile della vitamina D3 per un assorbimento ottimale

www.supersmart.com
Resveratrol 20 mg

Il fitonutrimento più efficace e più studiato per conservare e proteggere la salute

www.supersmart.com
Pterostilbene

Biodisponibilità di gran lunga superiore rispetto a quella del resveratrolo

www.supersmart.com
Double Pomegranate

Fitonutrimento antiossidante dai molteplici benefici per la salute.
Formula arricchita e più completa.

www.supersmart.com
Natural Anti Aromatase Support

Formula migliorata con DIM, quercetina e camenèrio

www.supersmart.com
Chrysine 500 mg

Inibitore della aromatizzazione del testosterone in estrogeni

www.supersmart.com
L-Selenomethionine 200 mcg

La forma di selenio con la migliore biodisponibilità

www.supersmart.com
A découvrir aussi
01-11-2017
L'estratto di radice di ortica benefico per...
L'estratto di radice di ortica (Urtica dioica) è ampiamente usato in Europa per il trattamento dell'ingrossamento della prostata. Più di 20 studi clinici hanno mostrato...
Più info
31-03-2018
Prostata: se solo gli uomini sapessero...
A differenza delle donne che sanno che prima o poi dovranno fare i conti con la menopausa, gli uomini ignorano completamente cosa li attende. Ignorano...
Più info
16-01-2019
E il miglior integratore per la prostata...
Domanda: Qual è il miglior integratore alimentare per i problemi alla prostata? Risposta: Se non sei stato ancora colpito da iperplasia prostatica benigna, sappi che...
Più info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua