Home   >  Probiotici  >  Probiotici, molti effetti preventivi...
19-09-2016

Probiotici, molti effetti preventivi e curativi

probiotici I risultati clinici pubblicati negli ultimi quindici anni evidenziano i molteplici effetti benefici dei probiotici. Essi sembrano avere effetti preventivi e curativi, in particolare nei casi di diarrea virale, eczema atopico, intolleranza al lattosio, diarrea associata alla terapia antibiotica, malattie infiammatorie intestinali. Altri studi suggeriscono che potrebbe anche svolgere un ruolo importante nella resistenza alle infezioni respiratorie e nella prevenzione del cancro.
Il concetto di probiotici è stato sviluppato attraverso il lavoro di Metchnikoff (1907), che aveva scoperto che i contadini bulgari, grandi consumatori di latte fermentato, vivevano a lungo e in buona salute. Metchnikoff aveva quindi proposto l'ingestione di batteri vivi, più precisamente batteri lattici, per ridurre i disturbi intestinali e per migliorare l'igiene dell'apparato digerente e quindi aumentare l'aspettativa di vita.
Il termine probiotico deriva da due parole greche, pro e bios, che letteralmente significano "per la vita", a differenza del termine antibiotico che significa "contro la vita". Questo termine è stato introdotto per la prima volta nel 1965 per descrivere le sostanze prodotte da un microrganismo e che stimolano la crescita di altri microrganismi. Da allora, sono state date numerose definizioni. Secondo quella adottata dalle Nazioni Unite e dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, i probiotici sono microrganismi vivi che, somministrati in quantità adeguate, sono benefici per la salute dell'ospite.

La microflora intestinale, protezione contro le invasioni

La microflora intestinale è composta da una grande varietà di specie microbiche che garantiscono funzioni diverse. È stata stimata in circa 1.013-1.014 miliardi di cellule, che rappresentano 400-500 specie e sottospecie. È circa 10 volte il numero totale di cellule nel corpo umano. Una vera e propria barriera contro le invasioni esterne, la microflora intestinale contribuisce a stimolare la vigilanza del sistema immunitario che, attivato nell'intestino, sembra avere un'influenza in tutto il corpo e soprattutto nel tratto respiratorio.
La composizione e le funzioni della flora del tratto gastrointestinale sono influenzate da vari fattori legati alle mutevoli condizioni fisiologiche dell'ospite (età, stato di salute), della composizione della dieta e delle condizioni ambientali (contaminazione ad opera di agenti patogeni, antibiotici, chemioterapia, clima, stress, igiene).
Uno squilibrio della flora intestinale può causare una perdita di forma, malessere, affaticamento, disturbi gastrointestinali (diarrea, sindrome dell'intestino irritabile) nonché una maggiore suscettibilità alle infezioni. Nel lungo termine, può promuovere condizioni più gravi, come malattie infiammatorie intestinali, cancro del colon
I probiotici agiscono direttamente sulla flora intestinale dell'ospite stimolando localmente la crescita e il rinnovo dei microrganismi che la compongono con il risultato di rafforzare la protezione del corpo.

Infezioni gastrointestinali

Uno degli usi più noti dei probiotici è la prevenzione e il trattamento della diarrea. Diversi studi hanno dimostrato dei miglioramenti in caso di disturbi diarroici acuti, tra cui infezioni da rotavirus, diarrea del viaggiatore o infezioni batteriche più gravi, come quella da Clostridium difficile, trattati con probiotici.
Nei bambini, i probiotici sembrano avere effetti sulle diarree virali, probabilmente stimolando anticorpi IgA antirotavirus1, 2, 3. Essi riducono la durata degli episodi e la loro ricorrenza. Gli scienziati hanno analizzato 13 studi clinici in doppio cieco controllati con placebo su diarrea infettiva acuta nei neonati e nei bambini. Dieci studi erano focalizzati sul trattamento e tre sulla prevenzione. Tutti questi dati suggeriscono che i probiotici possono ridurre significativamente la durata della diarrea o prevenirla4.

Diarrea associata agli antibiotici

Le diarree associate ai trattamenti con antibiotici sono la prima indicazione dei probiotici. Limitano l'attacco degli antibiotici sulla flora endogena intestinale e permettono una migliore tolleranza globale. Una meta-analisi mostra che l'uso degli antibiotici può ridurre in modo significativo l'incidenza delle diarree durante le terapie con antibiotico.
Le diarree associate ai trattamenti antibiotici e causate dal Clostridium difficile sono complicanze dei trattamenti antibatterici e si verificano nel 5-25% dei pazienti. Il C. difficile è responsabile di circa il 15-25% delle diarree associate all'uso di antibiotici e la maggior parte si verificano in soggetti di età compresa tra 2 e 3 settimane dopo l'interruzione del trattamento. È stato condotto uno studio su 135 pazienti con un'età media di 74 anni che assumevano antibiotici. Hanno preso due volte al giorno 100 g di latte contenente lattobacilli per la durata della terapia antibiotica e, successivamente, per un'altra settimana. Il gruppo di controllo ha ricevuto del latte. L'integrazione di probiotici ha ridotto l'incidenza della diarrea associata alla terapia antibiotica e quella di C. difficile associata alla diarrea. Solo il 12% dei soggetti che assumevano probiotici hanno sviluppato una diarrea associata ad antibiotici contro il 34% nel gruppo di controllo5.

Infezioni intestinali da Helicobacter pylori

La colonizzazione della mucosa gastrica ad opera dell'Helicobacter pylori è comune e spesso associata a gastrite, ulcere, cancro o linfoma. È stato dimostrato in vitro che diversi ceppi probiotici e in particolare i lattobacilli sviluppano un'attività contro l'Helicobacter pylori. Essi agiscono sulla vitalità dei batteri e sulla loro adesione alle cellule della mucosa intestinale. In una revisione di 13 studi clinici, in cui in 6 di questi i pazienti assumevano solo probiotici e negli altri 7 probiotici e antibiotici, sono stati dimostrati gli effetti dei probiotici sui batteri6.

Il sistema immunitario intestinale e i probiotici

La mucosa dell'intestino tenue e quella del colon contengono cellule immunitarie in numero superiore al numero totale di cellule esistenti nel resto del corpo. Il sistema immunitario intestinale deve "tollerare" le proteine estranee al corpo, come le proteine alimentari e quelle dei batteri intestinali, e, allo stesso tempo, sviluppare difese immunitarie contro i germi enteropatogeni. La presenza di batteri intestinali ha una forte influenza sul suo sviluppo e sul suo funzionamento e può avere conseguenze sull'immunità dell'ospite.
Le due importanti funzioni del sistema immunitario intestinale sono la sintesi di anticorpi appartenenti ad una particolare classe di immunoglobuline, le IgA, e la tolleranza orale. Mediante la sintesi e la secrezione di IgA, il sistema immunitario intestinale protegge l'ospite dai microrganismi enteropatogeni, bloccando adesione, traslocazione al compartimento sistemico, replicazione virale, neutralizzando le enterotossine o ancora bloccando il passaggio di macromolecole. La tolleranza orale consiste nello sviluppare risposte di tipo "soppressivo" impedendo l'induzione, al livello intestinale e sistemico, di risposte immunitarie specifiche delle proteine alimentarie dei batteri residenti. Questa funzione impedisce così lo sviluppo delle ipersensibilità alimentari tra cui le allergie e le reazioni infiammatorie del tratto gastrointestinale contro i batteri intestinali, come il morbo di Crohn. C'è inoltre un movimento importante tra il sistema immunitario intestinale, il compartimento sistemico e le altre mucose, come la mucosa vaginale.

Rafforzare il sistema immunitario

I pazienti anziani sono più vulnerabili alle infezioni a causa del declino del loro sistema immunitario e in particolare di quello dell'attività delle cellule linfoidi. Degli studi hanno dimostrato che la supplementazione con probiotici combatte alcuni effetti dell'indebolimento del sistema immunitario e, in particolare, aumenta l'attività delle cellule natural killer7. Cinquantratrè anziani e persone di mezza età sono stati arruolati in uno studio. Inizialmente, hanno ricevuto latte per tre settimane, e ciò non ha provocato alcuna stimolazione del loro sistema immunitario. Poi, per altre tre settimane, hanno bevuto latte arricchito con Lactobacillus rhamnosus. L'attività delle loro cellule natural killer è aumentata del 147%, suggerendo che il Lactobacillus abbia stimolato l'immunità cellulare sistemica8.
Al momento della vaccinazione, è stato dimostrato che l'ingestione di probiotico poteva aumentare la risposta immunitaria vaccinale9. In uno studio clinico controllato con placebo, sono stati somministrati per via orale a giovani adulti ceppi di Lactobacillus rhamnosus e L. paracasei, prima e dopo la vaccinazione orale con un poliovirus attenuato. I probiotici hanno indotto una risposta immunologica (IgA, IgG) in modo che una maggiore produzione di anticorpi neutralizzasse il virus. Altri studi indicano una stimolazione dell'attività fagocitaria dei monociti del sangue e una stimolazione delle IgA intestinali10.

Allergie - eczema

I disturbi della barriera della mucosa sembrano coinvolti nella comparsa della dermatite atopica, o eczema. Alcuni studi suggeriscono che la supplementazione di probiotici può influenzare la funzione intestinale della barriera nei bambini con questa malattia.
Uno studio randomizzato in doppio cieco controllato con placebo ha incluso 188 famiglie con malattie allergiche. Le madri hanno ricevuto un supplemento giornaliero di Lactobacillus reuteri o un placebo a partire dalla 36a settimana di gravidanza fino al parto. Poi, i bambini stessi sono stati integrati con lo stesso probiotico durante i primi 12 mesi e poi seguiti per ulteriori 24 mesi. L'incidenza dell'eczema è stato identico nei due gruppi (circa 35%). Ma, durante il secondo anno, i bambini con integrazione avevano meno IgE associata all'eczema (8% contro 20%). L'IgE è l'anticorpo predominante associato all'allergia. Anche la reattività dei bambini nei test cutanei comuni per le allergie era più bassa nel gruppo integrato e in modo significativo per i bambini le cui madri soffrivano di allergia (14 contro 31%)11.
In un altro studio crossover controllato con placebo in doppio cieco, due ceppi di lattobacilli sono stati dati per 6 settimane a bambini di età compresa tra 1 e 13 anni con dermatite atopica. I ricercatori hanno concluso che i probiotici potevano ridurre la produzione di cellule responsabili dell'infiammazione, dell'accessibilità degli allergeni, normalizzare la microflora intestinale e avere un impatto sulla funzione di barriera, regolare la secrezione dei mediatori infiammatori e promuovere lo sviluppo adeguato del sistema immunitario di alcuni soggetti12.

Infezioni del sistema respiratorio

I probiotici con proprietà immunostimolanti possono aiutare a prevenire e curare alcune infezioni virali comuni. In uno studio finlandese, in doppio cieco, controllato con placebo, bambini in età d'asilo (età 1-6 anni) hanno ricevuto per 7 mesi latte cui era stato aggiunto un ceppo di L. rhamnosus. Il probiotico ha ridotto la durata di assenza di malattia del tubo digerente o infezione delle vie respiratorie di 0,7 giorni rispetto a quella dei controlli. I bambini avevano anche un minor rischio di infezione delle vie respiratorie.

HIV - immunità compromessa

Ulteriori prove dell'effetto benefico dei probiotici sul sistema immunitario sono state osservate in uno studio che ha esaminato la supplementazione di Lactobacillus plantarum in bambini esposti all'HIV congenitamente13. I bambini con infezione da HIV hanno episodi di diarrea e frequenti problemi di malassorbimento connessi a una possibile proliferazione batterica. 17 bambini con infezione da HIV sono stati randomizzati a Lactobacillus plantarum o placebo. Nel gruppo trattato, la colonizzazione da Lactobacillus plantarum è comparsa in due settimane, ma non è continuata dopo la fine dell'integrazione. Non è stato osservato alcun effetto secondario. Dei miglioramenti sono stati osservati durante le visite di follow-up nel dimensione e nel peso dei bambini. Gli autori dello studio hanno anche osservato un marcato aumento della risposta immunitaria.
Uno studio ha arruolato 77 bambini dai 2 ai 12 anni con infezione da HIV. I bambini sono stati divisi in due gruppi, uno ha ricevuto per due mesi probiotici e l'altro un placebo. La conta di CD4 è stata verificata all'inizio e alla fine della supplementazione. Il numero e la qualità dei movimenti intestinali sono stati valutati con un questionario. I risultati hanno mostrato un aumento della conta di CD4 nel gruppo integrato e una riduzione nel gruppo di controllo. I probiotici hanno inoltre migliorato la qualità dei movimenti intestinali. Questo studio dimostra che i probiotici hanno proprietà immunomodulanti e che potrebbero essere utili nel trattamento di bambini affetti da HIV14.
La chemioterapia e la radioterapia causano frequentemente gravi disturbi del sistema immunitario e della microflora intestinale, con diarrea e/o un aumento delle cellule fungine (Candida albicans) al livello del tubo digerente e di altri organi. Alcuni studi hanno dimostrato negli animali e nell'uomo che i probiotici aumentano l'immunità e la resistenza alle infezioni. In un modello di topi immunodeficienti, Lactobacillus sp. e bifidobatteri hanno diminuito le Candida albicans sistemiche disseminate15.
Inoltre, in uno studio controllato con placebo, alcuni bambini con fibrosi cistica hanno riportato una riduzione della gravità della loro polmonite grazie alla somministrazione di Lactobacillus GG. È possibile che la protezione delle malattie respiratorie sia collegata a una sovraregolazione delle cellule mucine contemporaneamente a una stimolazione della risposta anticorpale. Estendere l'uso dei probiotici in pazienti immunocompromessi sembra promettente.

Intolleranza al lattosio

Il consumo di probiotici migliora l'assorbimento del lattosio in pazienti con deficit di lattasi e riduce i sintomi digestivi dovuti all'intolleranza al lattosio. Questo effetto si basa principalmente sul fatto che i batteri viventi contengono lattasi microbica che viene rilasciata nell'intestino tenue per sostenere l'idrolisi del lattosio, stadio della digestione parzialmente carente nei soggetti con intolleranza al lattosio.

Le malattie infiammatorie dell'intestino

Secondo la letteratura, i processi infiammatori coinvolti nelle patologie dell'intestino umano, come morbo di Crohn, colite ulcerosa e pouchite, verrebbero controllati dai probiotici. La somministrazione di probiotico ha causato remissioni più lunghe associate a una ridotta espressione dei marcatori infiammatori ex-vivo e a un aumento della secrezione di IgA, a una riduzione del consumo di medicinali e a una migliore qualità della vita.
Gli effetti antinfiammatori di tre probiotici con proprietà immunomodulanti (Lactobacillus casei, Lactobacillus acidophilus e Bifidobacterium lactis) sono stati valutati e confrontati su un modello di colite di ratto. I tre probiotici hanno ripristinato nel colon i livelli di glutatione ridotti dallo stress ossidativo del processo infiammatorio. Essi hanno anche mostrato un'attività antinfiammatoria, ciascuno con un profilo antinfiammatorio differente. Questi tre probiotici potrebbero essere considerati come potenziali coadiuvanti nel trattamento delle malattie infiammatorie del colon16.

Sindrome del colon irritabile

La sindrome del colon irritabile provoca crampi gastrointestinali dolorosi, diarrea alternata a stipsi e altri sintomi. Le cause di questa sindrome non sono note con precisione, ma potrebbe essere un disturbo dei batteri intestinali sani. Partendo da questa teoria, per il suo trattamento sono stati utilizzati con discreto successo dei probiotici.
La maggior parte delle sindromi del colon irritabile sono successive a un'infezione. Molti studi su esseri umani e animali hanno mostrato, dopo una gastroenterite acuta, la presenza di una maggiore infiltrazione di cellule infiammatorie e di un'iperplasia delle cellule enterocromaffini nella mucosa intestinale. Negli esseri umani, la sindrome del colon irritabile potrebbe essere evitata utilizzando probiotici per ridurre la durata della gastroenterite acuta17.

Effetti antitumorali

Diversi studi hanno dimostrato un'associazione inversa tra consumo di prodotti lattiero-caseari fermentati, soprattutto di yogurt, e rischio di tumori del colon-retto, cancro o adenomi. Diversi studi in ratto, topo, e alcuni negli esseri umani suggeriscono che i batteri lattici potrebbero avere un effetto benefico e su più livelli sull riduzione del rischio di cancro al colon. Così, nell'uomo e su modelli animali, l'ingestione di batteri lattici riduce la concentrazione degli enzimi responsabili del rilascio di agenti mutageni nel colon. In uno studio di supplementazione con L. acidophilus in 21 volontari sani18, la concentrazione fecale di tre di questi enzimi (beta-glucuronidasi, nitroreduttasi e azoreduttasi) è stata diminuita. Questo effetto è stato osservato dopo 10 giorni di trattamento. Tuttavia, è reversibile e non si osserva più 30 giorni dopo la fine dello studio, suggerendo che l'assunzione continua sia necessaria per il suo mantenimento Altri studi su esseri umani e ratti con L. acidophilus hanno mostrato una riduzione di questi enzimi. Sono stati suggeriti anche altri sette meccanismi per spiegare l'effetto preventivo dei probiotici.

Un effetto sul colesterolo

Studi preliminari hanno dimostrato che il consumo di yogurt o latte fermentato contenente probiotici provoca una riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue. In vitro, alcuni ceppi di Lactobacillus hanno la capacità di assimilare il colesterolo. In studi di laboratorio, i livelli sierici di colesterolo nei ratti alimentati con latte ricco di Lactobacillus miscelato al cibo erano inferiori a quelli degli animali di controllo. I ceppi di Lactobacillus sembravano rimuovere direttamente il colesterolo19.

-----------------------------------------------------------------------------------------

Bibliografia:
1. Pedone C.A. et al., The effect of supplementation with milk fermented by lactobacillus casei on acute diarrhea in children attending day care centres, IJCP, 1999, 53, 179-184.
2. Salminen S. et al., Clinical applications of probiotic bacteria, Int. Dairy J., 1998, 8, 563-572.
3. Salminen S. et al., Functional Food science and gastrointestinal physiology and function, Br. J. Nutr., 1998, 80, 563-572.
4. Szajewska H. et al., Probiotics in the treatment and prevention of acute infectious diarrhea in infants and children: a systematic review of published randomized double-blind placebo-controlled trials, J. Pediatr. Gastroenterol. Nutr., 2001, 33 (suppl4):S17-S25.
5. Hickson M. et al., Use of probiotic Lactobacillus preparation to prevent diarrhoea associated with antibiotics: randomised double blind placebo controlled trial, BMJ, doi:10.1136/bmj.39231.599815.55 (published June 2007).
6. Hamilton-Miller J.M., The role of probiotics in the treatment of Helicobacter pylori infection, Int. J. Antimicrob. Agents, 2003 Oct, 22(4): 360-6.
7. Gill H.S. et al., Dietary probiotics enhance natural killer cell activity in elderly: an investigation of age-related immunologic changes, J. Clin. Immunol., 2001, 21: 264-271.
8. Ying-H. Sheih et al., Systemic immunity-enhancing effects in healthy subject following dietary consumption of the lactic acid bacterium Lactobacillus rhamnosus HN001, Journal of the American College of Nutrition, 2001, vol. 20(2): 149-156.
9. Link Amster H. et al., Modulation of a specific humoral response and changes intestinal flora mediated through fermented milk intake, FEMS Immunol. Med. Microbiol., 1994, 10, 55-63.
10. Yoon H. et al., New insights in the validation of systemic biomarkers for the evaluation of the immunoregulatory properties of milk fermented with yogurt culture and Lactobacillus casei (Actimel): a prospective trial, Int. J. Immunotherapy, 1999, XV, 79-89.
11. Abrahamsson T.R. et al., Probiotics in prevention of IgE-associated eczema: a double blind, randomized, placebo-controlled trial, Journal of Allergy and Clinical Immunology, 2007, vol. 119(5); 1174-1180.
12. Isolauri E., Dietary modification of atopic disease: use of probiotics in the prevention of atopic dermatitis, Curr. Allergy Asthma Rep., 2004 Jul, 4(4): 270-5.
13. Cunningham-Rundles S. et al., Probiotics and immune response, Am. J. Gastroenterol., 2000, 95: S22-S25.
14. Trois L. et al., Use of probiotics in HIV-infected children: a randomized double-blind controlled study, J. Trop. Pediatr., 2007, Sept 17, [e-pub ahead of print].
15. Wagner R.D. et al., Colonization of congenitally immunodeficient mice with probiotic bacteria, Infect. Immun., 1997, 65: 3345-3351.
16. Peran L. et al., A comparative study of the preventive effects exerted by three probiotics, Bifidobacterium lactis, Lactobacillus casei and Lactobacillus acidophilus in the TNBS model of rat colitis.
17. Cuomo R. et al., Almost all irritable bowel syndrome are post-infectious and respond to probiotics: consensus issue, Dig. Dis., 2007, 25(3): 241-4.
18. Goldin B.R. et al., Alterations of the intestinal microflora by diet, oral antibiotics and Lactobacillus decreased production of free amines from aromatic nitro compounds, azo dyes and glucuronides, J. Natl. Cancer Institute, 1984, 73: 689-95.
19. Pulusani S.R. et al., Whole body, liver and plasma cholesterol levels in rats fed with Lactobacillus thermophilus, bulgaricus and acidophilus milks, J. Food Sci., 1983, 48: 220-281.

Ordinare prodotti
Saccharomyces boulardii 250 mg

Standardizzato 2 x 1010 CFU/g
Un probiotico utilizzato da alcuni decenni nel trattamento della diarrea.

www.supersmart.com
Probio Forte™

Mix di probiotici ; 8 miliardi di microrganismi per capsula
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
Bifidobacterium longum 25 mg

DR caps™ gastro-resistenti per proteggere gli ingredienti degli acidi dello stomaco.
Uno dei più importanti microbatteri per la salute dell'intestino.

www.supersmart.com
Fructo-Oligosaccharides

Fibre bifidoattive
Migliora il comfort intestinale e rinforza le difese naturali dell'organismo

www.supersmart.com
Candalb

Rinforza le difese dell'organismo.
Formula migliorata e rinforzata. Ora in DR Caps™ gastro-resistenti.

www.supersmart.com
Lactobacillus gasseri

Un ceppo probiotico particolarmente efficace nel controllo del peso
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua