Home   >  Sistema immunitario, fatica e infezioni  >  La PEA, l'antidolorifico naturale...
24-06-2019

La PEA, l'antidolorifico naturale universale

palmitoylethanolamide Meglio conosciuta con le iniziali PEA, la palmitoiletanolamide è un potente principio attivo naturale scoperto nel 1957. Fin dalla sua scoperta, questa sostanza è stata regolarmente oggetto di nuove pubblicazioni scientifiche. E per una buona ragione, dal momento che questa molecola svolge un ruolo chiave nei processi dell'infiammazione e del dolore all'interno del corpo umano. La PEA ha delle proprietà antinfiammatorie e un potente potere analgesico per lottare contro il dolore. Molto studiato, questo composto naturale ha un forte potenziale terapeutico. Scoprite l'efficienza della PEA in questo nuovo articolo Nutranews.

La potente attività della PEA contro i dolori

Un'azione per regolare l'infiammazione e il dolore
Nell'uomo come in altri esseri viventi, la PEA è un composto che è coinvolto in diverse funzioni biologiche. All'interno del corpo umano, è nota principalmente per la sua azione antidolorifica e per la sua attività antinfiammatoria. I ricercatori hanno mostrato che questo composto è in grado di legarsi ad alcuni recettori specifici: i recettori attivati dai proliferatori di perossisomi di tipo alfa (PPAR-alfa). Questi ultimi sono coinvolti nella regolazione genica del dolore e dell'infiammazione. Legandosi a questi recettori, la PEA permette di modulare le reazioni infiammatorie e i dolori.

Degli effetti sulla percezione del dolore
Oltre a contribuire alla regolazione del dolore, la PEA sembra anche avere altri effetti per alleviare i dolori. Agirebbe soprattutto sui recettori cannabinoidi CB1 e CB2 che sono coinvolti nella risposta immunitaria e nella percezione del dolore. La PEA sembra anche avere un'azione sui recettori TRPV1 che sono coinvolti nella nocicezione. Quest'ultima corrisponde al processo sensoriale all'origine dei dolori più comuni: i dolori acuti o i dolori nocicettivi.

Un composto naturale con un forte potenziale terapeutico

Il potenziale terapeutico della PEA
Data la sua potente attività analgesica, la PEA è spesso presentata come un antidolorifico naturale universale. Permette infatti di lottare contro numerosi dolori, sia acuti sia cronici. La PEA permette di alleviare dei dolori di diversa origine: i dolori infiammatori, i dolori neuropatici e i dolori misti, che possono essere sia infiammatori sia neuropatici1,2,3..

L'interesse di un'integrazione con PEA
La PEA è un'ammide di acido grasso che può essere sintetizzata a partire da fosfolipidi. Benché possa essere prodotta all'interno dell'organismo, la PEA può essere idrolizzata da certi enzimi. A causa di questa idrolisi, l'attività della PEA può essere notevolmente ridotta. Questo è il motivo per cui i ricercatori si sono interessati ai benefici di un'integrazione con PEA. I loro studi hanno rivelato degli effetti benefici per lottare contro i dolori dentali, i dolori lombari, i dolori pelvici così come i dolori associati alla compressione del nervo sciatico, all'artrosi, alla sindrome del tunnel carpale, al glaucoma, alla neuropatia diabetica o anche alla sclerosi multipla1,2,3,4.. Alcuni studi recenti hanno anche mostrato che la PEA potrebbe essere utilizzata per il trattamento di malattie infiammatorie come l'uveite e la colite ulcerosa5..

L'efficacia riconosciuta di un'integrazione con PEA
Un ampio studio sull'azione antidolorifica della PEA
Per confermare l'interesse di un'integrazione con PEA, un importante studio è stato condotto su 636 persone, uomini e donne affetti da dolori sciatici4. Di età compresa tra i 19 e i 72 anni, queste persone sono state suddivise in tre gruppi:
    - il primo gruppo, detto gruppo di controllo, è stato sottoposto a placebo;
    - il secondo gruppo è stato sottoposto a una dose giornaliera di 300 mg di PEA;
    - il terzo gruppo è stato sottoposto a una dose giornaliera di 600 mg di PEA.
Condotto per tre settimane, questo studio ha permesso di evidenziare delle differenze significative tra il gruppo di controllo sottoposto solamente a placebo e i due gruppi sottoposti ad integrazione con PEA. Grazie a un questionario, a degli esami clinici e ad alcuni test di laboratorio, i ricercatori hanno evidenziato in modo particolare delle differenze nella percezione del dolore e nella qualità della vita. Per esempio, è stata riscontrata una riduzione del dolore percepito nelle persone sottoposte ad integrazione con PEA. Contemporaneamente, è stato riscontrato un miglioramento della qualità della vita nei partecipanti allo studio. In base ai risultati dei ricercatori, più la dose giornaliera di PEA era elevata, più i miglioramenti erano significativi. Con la dose di 600 mg di PEA, è stata riscontrata una diminuzione del dolore di circa il 50%. Questo risultato eccezionale conferma così l'efficacia della PEA come antidolorifico.

Degli effetti promettenti contro le infiammazioni croniche del colon
Oltre alla sua azione antidolorifica, la PEA suscita anche l'interesse dei ricercatori per la sua attività antinfiammatoria. Pubblicato nella rinomata rivista Gut, uno studio si è concentrato in particolare sugli effetti della PEA contro alcune infiammazioni croniche del colon: le coliti ulcerose o le rettocoliti emorragiche5. L'efficacia della PEA è stata valutata su alcuni modelli di topi con colite indotta, su alcuni tessuti provenienti da colon di pazienti affetti da colite ulcerosa e su alcune colture di cellule gliali enteriche coinvolte nel processo infiammatorio. Grazie a diverse analisi, i ricercatori hanno ottenuto dei risultati positivi, significativi e coerenti: un miglioramento dei sintomi della colite ulcerosa e una diminuzione dei livelli di marcatori proinfiammatori. Per comprendere meglio l'attività antinfiammatoria della PEA, gli autori dello studio hanno anche confrontato questi risultati con quelli ottenuti con la PEA associata a degli antagonisti dei recettori PPAR-alfa. Con questa associazione, non è stato osservato alcun miglioramento. Questa scoperta permette di confermare il meccanismo d'azione della PEA. Questo composto si lega ai recettori PPAR-alfa, la cui attività contribuisce alla regolazione dell'infiammazione. Grazie a questo meccanismo, la PEA può così contribuire a lottare contro i dolori e le malattie infiammatorie.

Molto studiata, la PEA appariva come un potente antidolorifico e un antinfiammatorio naturale. La sua efficacia riconosciuta nell'integrazione le conferisce un elevato potenziale terapeutico per alleviare i dolori acuti o cronici, infiammatori e/o neuropatici. Per capitalizzare sui suoi benefici, la PEA è ora disponibile sotto forma di integratore alimentare. È disponibile in modo particolare sotto forma di capsule nel catalogo SuperSmart: Natural Pain Relief.



> Bibliografia:
1. JM Hesselink et TA Hekker, Therapeutic utility of palmitoylethanolamide in the treatment of neuropathic pain associated with various pathological conditions: a case series, J Pain Res. 2012;5:437-42.
2. M Alhouayek et GG Muccioli, Harnessing the anti-inflammatory potential of palmitoylethanolamide, Drug Discov Today. Ottobre 2014;19(10):1632-9.
3. JM Hesselink et al., Palmitoylethanolamide, a Natural Retinoprotectant: Its Putative Relevance for the Treatment of Glaucoma and Diabetic Retinopathy, J Ophthalmol. 2015;2015:430596.
4. JM Hesselink et DJ Kopsky, Palmitoylethanolamide, a neutraceutical, in nerve compression syndromes: efficacy and safety in sciatic pain and carpal tunnel syndrome, J Pain Res. 2015; 8:729-734.
5. G Esposito et al., Palmitoylethanolamide improves colon inflammation through an enteric glia/toll like receptor 4-dependent PPAR-α activation, Gut. 2014 Aug;63(8):1300-12.
Ordinare prodotto
PEA

Un antidolorifico naturale universale

www.supersmart.com
A découvrir aussi
01-08-2018
Arrestare l'infiammazione cronica
Sia essa dolorosa o asintomatica, l'infiammazione è sempre stata la base delle cosiddette malattie della civilizzazione, numerose e invalidanti: le malattie cardiovascolari, l'artrite, le infiammazioni...
Piu info
29-07-2019
Il magnesio: un nuovo antinfiammatorio?
Fino ad oggi, il magnesio era noto per lo più come un minerale essenziale per l'equilibrio nervoso, la funzione muscolare, la regolazione cardiaca o la...
Piu info
03-01-2018
Gli 8 segreti delle persone che non...
Ogni anno, le stesse persone sembrano superare miracolosamente le epidemie di influenza o di gastroenterite. In realtà, la fortuna non centra: è la qualità delle...
Piu info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua