Home   >  Sistema immunitario, fatica e infezioni  >  Le proprietà eccezionali del...
17-12-2018

Le proprietà eccezionali del pomelo

Citrus_Paradisi Avete già sentito parlare dei benefici del pompelmo? Spesso messo in evidenza per i benefici nutrizionali e i benefici per la salute, il pompelmo è spesso confuso con il pomelo. Noto anche con il suo nome inglese Grapefuit o con il suo nome scientifico Citrus paradisi, il pomelo è comunemente consumato in Occidente, mentre il vero pompelmo è coltivato e venduto soprattutto in Asia. Entrambi gli agrumi si differenziano comunque per diversi aspetti tra cui la struttura, il gusto e l'uso. Con la buccia più sottile e dal gusto più dolce di un pompelmo, il pomelo è molto apprezzato così com'è o spremuto laddove il pompelmo è utilizzato principalmente in cucina. Tuttavia, entrambi i frutti hanno delle caratteristiche comuni poiché il pomelo proviene da un incrocio tra il pompelmo e l'arancia. Infatti è questo il motivo per cui i benefici del pomelo ricordano le virtù del pompelmo e dell'arancio e suscitano l'interesse della comunità scientifica.

Le proprietà nutrizionali e benefiche del pomelo

Se si evocano spesso i benefici del pompelmo o dell'arancio, potrebbe essere la stessa cosa per il pomelo. Analogamente ad altri agrumi, il pomelo ha delle eccellenti proprietà nutrizionali. Abbonda infatti di molte sostanze nutritive e vitamine come la vitamina C, conosciuta per il potere antiossidante e per i benefici per l'organismo. Le sue virtù non si fermano qui, del resto, se si tiene conto dei numerosi studi scientifici condotti sul pomelo.

Una ricchezza di flavonoidi dagli effetti antiossidanti e citoprotettori
Da un centinaio di anni, la comunità scientifica è interessata sempre di più ai frutti del genere Citrus di cui fanno parte il pompelmo e il pomelo. L'interesse dei ricercatori si spiega per la presenza di un miscuglio complesso di principi attivi1. Tra questi ultimi, vi sono in modo particolare i polifenoli, o più precisamente i flavonoidi, contenuti nel pomelo che interessano gli scienziati. I flavonoidi sono delle molecole conosciute per il forte potere antiossidante, che conferisce loro un grande interesse terapeutico per proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi e, quindi, lottare contro l'invecchiamento cellulare. Alcuni ricercatori hanno così tentato di quantificare e di identificare i flavonoidi contenuti nel pomelo. I risultati, pubblicati nella rivista Oxidative Medicine and Cellular Longevity, hanno evidenziato 13 diversi flavonoidi, tra cui i principali sono la naringina e l'isonaringina2. Secondo i ricercatori, la bioattività di tali flavonoidi conferisce al pomelo delle eccellenti proprietà antiossidanti e un forte effetto citoprotettore, cioè un effetto protettivo per le cellule contro l'aggressione degli agenti nocivi.

Una fonte di naringina, un potente flavonoide
Diversi studi hanno così rivelato che il pomelo era una fonte interessante di naringina. Questo flavonoide è stato ampiamente studiato negli ultimi anni per i numerosi benefici per l'organismo. Pubblicata in Pharmaceutical Biology, una rivista di letteratura scientifica riassume tra l'altro i diversi risultati scoperti sulla naringina3. Quest'ultima sarebbe coinvolta in modo particolare nella modulazione di molte vie di segnalazione dell'organismo. Questo ruolo le conferisce numerose attività farmacologiche tra cui un effetto antinfiammatorio e un'azione nella rigenerazione ossea. I ricercatori le attribuiscono altri effetti benefici per la lotta contro lo stress ossidativo all'origine dell'invecchiamento cellulare, contro la sindrome metabolica, contro certi danni genetici, contro alcuni tipi di cancro o anche contro alcune malattie del sistema nervoso centrale. Un'altra rivista pubblicata in Planta Medica sottolinea anche l'interesse terapeutico della naringina per combattere l'aterosclerosi, i disturbi cardiovascolari, il diabete, le patologie neurodegenerative, l'osteoporosi o anche i disturbi reumatici4.

L'effetto antimicrobico del pomelo
Oltre a presentare un forte potere antiossidante, il pomelo potrebbe avere un'azione antimicrobica. È ciò che rivelano due studi pubblicati nella rivista Journal of Alternative and Complementary Medicine5.6. I risultati di questi studi condotti su un estratto di pomelo hanno evidenziato un'attività antibatterica contro diversi ceppi batterici. Alcune analisi approfondite hanno rivelato che alcuni principi attivi del pomelo potrebbero perturbare la membrana batterica. Questo fenomeno potrebbe indurre una riduzione dell'attività batterica e la morte dei batteri in alcuni casi. Gli scienziati citano anche altri studi che indicano che l'estratto di pomelo avrebbe un'azione antimicrobica ancora più importante. Sulla base di questi dati, sarebbe efficace contro più di 800 ceppi di batteri e di virus, 100 ceppi di funghi così come un ampio spettro di parassiti.

L’interesse terapeutico del pomelo secondo la ricerca

Mano a mano che le scoperte sul pomelo si susseguivano, numerosi ricercatori si sono interessati a delle potenziali applicazioni terapeutiche. Gli studi si sono focalizzati soprattutto sull'azione della naringina e sull'attività antimicrobica identificate con l'uso di un estratto di pomelo.

Il pomelo per il trattamento delle infezioni del tratto urinario
Pubblicato nella rivista scientifica Journal of Alternative and Complementary Medicine, uno studio suggerisce che il pomelo potrebbe avere un'azione positiva per il trattamento di infezioni del tratto urinario7. Realizzato all'interno dell'ospedale Wesley Guild in Nigeria, lo studio ha coinvolto 4 pazienti per i quali era stata diagnosticata un'infezione delle vie urinarie. Ognuno dei pazienti presentava un diverso ceppo batterico: Pseudomonas aeruginosa, dei batteri del genere Klebsiella, Staphylococcus aureus ed Escherichia coli. Per valutare l'azione antibatterica del pomelo, i pazienti sono stati sottoposti ad un trattamento con semi di pomelo da assumere per via orale. Dopo due settimane di follow-up, i ricercatori hanno riscontrato delle risposte positive nei pazienti, ad eccezione del paziente con infezione da Pseudomonas aeruginosa. In questo paziente, i ricercatori hanno tuttavia riscontrato un risultato sorprendente. Se i semi di pomelo non hanno permesso di eliminare i ceppi patogeni, il trattamento ha consentito di ridare l'efficacia a determinati antibiotici ai quali il ceppo Pseudomonas aeruginosa era diventato resistente. Questi primi risultati suggeriscono un interesse terapeutico del pomelo per il trattamento delle infezioni del tratto urinario.

L'effetto antinfiammatorio del pomelo sull'intestino
Oltre al suo effetto antimicrobico, i ricercatori hanno anche studiato l'azione antinfiammatoria del pomelo. Pubblicato nella rivista Pakistan Journal of Pharmaceutical Sciences, uno studio ha valutato l'interesse del pomelo per il trattamento di alcune malattie infiammatorie8. I ricercatori hanno confrontato gli effetti della somministrazione di un estratto di pomelo, singolarmente o in combinazione con un estratto di arancia, in alcuni ratti con colite acuta, ovvero un'infiammazione del colon. I risultati hanno rivelato che l'uso del pomelo ha permesso di limitare lo sviluppo delle lesioni infiammatorie, di diminuire l'insorgenza di diarrea e di ripristinare i livelli di glutatione. Questa molecola è nota per essere uno dei più potenti antiossidanti dell'organismo, come lo evidenzia il nostro articolo sul ruolo vitale del glutatione. Questi primi risultati molto incoraggianti suggeriscono che il pomelo potrebbe avere un effetto benefico nel contesto di un trattamento delle malattie infiammatorie.

Il pomelo nella modulazione del metabolismo lipidico in alcuni ratti obesi
Il pomelo potrebbe anche avere un interesse nella prevenzione di alcune malattie. Questo è ciò che rivela uno studio pubblicato nella rivista Food & Function. In questo studio, i ricercatori hanno valutato l'effetto del consumo di pomelo in alcuni ratti obesi9. Nel corso dello studio, gli scienziati hanno scoperto che l'uso del pomelo ha permesso di eliminare l'accumulo di tessuto adiposo nel fegato e di diminuire l'espressione di due geni epatici coinvolti nella lipogenesi. In altre parole, ciò significa che il consumo di pomelo potrebbe permettere di limitare la formazione di grassi. Inoltre, i componenti del pomelo hanno permesso di aumentare l'espressione di un gene epatico coinvolto nel consumo degli acidi grassi da parte dei mitocondri. Questi test hanno anche evidenziato una riduzione dei danni causati dai radicali liberi, un aumento dell'attività degli enzimi epatici così come una protezione dei lipidi epatici e delle proteine. Sebbene questi risultati debbano essere confermati per l'uomo, questi studi suggeriscono che il pomelo potrebbe presentare un beneficio nella lotta contro l'obesità.

La naringina del pomelo, una nuova speranza per il trattamento della sindrome metabolica?
Oltre ai risultati positivi nei ratti obesi, alcuni ricercatori si sono interessati all'uso del pomelo nella lotta contro la sindrome metabolica10. Questa sindrome corrisponde alla presenza di un insieme di segni fisiologici tra cui il sovrappeso e l'obesità. Senza un trattamento adeguato, questi segni possono provocare alcune complicazioni per la salute come l'insorgenza di diabete o di malattie cardiovascolari. Pubblicato nella rivista Advances in Nutrition, lo studio sull'interesse del pomelo contro la sindrome metabolica ha evidenziato diverse azioni benefiche della naringina. Quest'ultima potrebbe agire a livello di diversi processi fisiologici coinvolti nel consumo dei grassi da parte dell'organismo. Ottenuti su dei modelli animali, questi primi risultati devono ora essere verificati sull'uomo.

Molto apprezzato per il gusto, il pomelo è ora acclamato dalla comunità scientifica che gli conferisce numerosi benefici per l'organismo. Grazie ai numerosi benefici nutrizionali e alla presenza di diversi principi attivi, il pomelo potrebbe infatti essere di grande interesse per la salute. Ciò si spiega soprattutto per la presenza di un potente principio attivo: la naringina. Ecco perché un estratto di pomelo standardizzato al 99% in naringina è stato formulato sotto forma di integratore alimentare.

> Bibliografia:

1. Rouseff RL, Ruiz Perez-Cacho P, Jabalpurwala F, « Historical review of citrus flavor research during the past 100 years », J Agric Food Chem, 2009 Sep 23, 57(18):8115-24.
2. Castro-Vazquez L, Alañón ME, Rodríguez-Robledo V, Pérez-Coello MS, Hermosín-Gutierrez I, Díaz-Maroto MC, Jordán J, Galindo MF, Arroyo-Jiménez Mdel M, « Bioactive Flavonoids, Antioxidant Behaviour, and Cytoprotective Effects of Dried Grapefruit Peels (Citrus paradisi Macf.) », Oxid Med Cell Longev, 2016, 2016:8915729.
3. Chen R, Qi QL, Wang MT, Li QY, « Therapeutic potential of naringin: an overview », Pharm Biol, 2016 Dec, 54(12):3203-3210.
4. Bharti S, Rani N, Krishnamurthy B, Arya DS, « Preclinical evidence for the pharmacological actions of naringin: a review », Planta Med, 2014 Apr, 80(6):437-51.
5. Reagor L, Gusman J, McCoy L, Carino E, Heggers JP, « The effectiveness of processed grapefruit-seed extract as an antibacterial agent: I. An in vitro agar assay », J Altern Complement Med, 2002 Jun, 8(3):325-32.
6. Heggers JP, Cottingham J, Gusman J, Reagor L, McCoy L, Carino E, Cox R, Zhao JG, « The effectiveness of processed grapefruit-seed extract as an antibacterial agent: II. Mechanism of action and in vitro toxicity », J Altern Complement Med, 2002 Jun, 8(3):333-40.
7. Oyelami OA, Agbakwuru EA, Adeyemi LA, Adedeji GB, « The effectiveness of grapefruit (Citrus paradisi) seeds in treating urinary tract infections », J Altern Complement Med, 2005 Apr, 11(2):369-71.
8. Khan RA, Mallick N, Feroz Z, « Anti-inflammatory effects of Citrus sinensis L., Citrus paradisi L. and their combinations », Pak J Pharm Sci, 2016 May, 29(3):843-52.
9. Gamboa-Gómez C, Salgado LM, González-Gallardo A, Ramos-Gómez M, Loarca-Piña G, Reynoso-Camacho R, « Consumption of Ocimum sanctum L. and Citrus paradisi infusions modulates lipid metabolism and insulin resistance in obese rats », Food Funct, 2014 May, 5(5):927-35.
10. M. Ashraful Alam, Nusrat Subhan, M. Mahbubur Rahman, Shaikh J. Uddin, Hasan M. Reza, and Satyajit D. Sarker, « Effect of Citrus Flavonoids, Naringin and Naringenin, on Metabolic Syndrome and Their Mechanisms of Action », Adv Nutr, 2014 Jul, 5(4): 404–417.
Ordinare prodotto
A découvrir aussi
03-01-2018
Gli 8 segreti delle persone che non...
Ogni anno, le stesse persone sembrano superare miracolosamente le epidemie di influenza o di gastroenterite. In realtà, la fortuna non centra: è la qualità delle...
Più info
24-06-2019
La PEA, l'antidolorifico naturale universale
Meglio conosciuta con le iniziali PEA, la palmitoiletanolamide è un potente principio attivo naturale scoperto nel 1957. Fin dalla sua scoperta, questa sostanza è stata...
Più info
10-07-2017
La disbiosi: un fattore di rischio per...
Si parla di disbiosi in caso di squilibrio del microbiota intestinale. Noto anche come flora intestinale, questo microbiota partecipa al buon funzionamento dell'organismo. Abbiamo menzionato...
Più info
Seguici
Selezioni la lingua scelta
itfrendeesnlpt

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua