Home   >  Disintossicazione  >  Pesticidi: l'avvelenamento continua ad...
06-06-2018

Pesticidi: l'avvelenamento continua ad aumentare. Come reagire?

Pesticidi Pensi che il consumo di pesticidi sia diminuito negli ultimi anni? Non è come pensi: nonostante le belle promesse e le prove della loro tossicità che si stanno accumulando, continua a salire in quasi tutti i paesi d'Europa e ora sta raggiungendo dei livelli storici.

Con 78.000 tonnellate nebulizzate nei campi, la Spagna è il campione europeo dell'uso di pesticidi, davanti alla Francia (75.000), l'Italia (64.000), la Germania (46.000) e la Polonia (23.000).

L'impatto dei pesticidi sull'ambiente e sulla salute

Mai prima d'ora l'Europa aveva diffuso così tante di queste molecole tossiche sul suo suolo, e le conseguenze cominciano ad essere drammatiche.


Per l'ambiente in primo luogo

Per la nostra salute poi, che colpisce fortemente. Si pensava da tempo che l'esposizione cronica ai pesticidi, attraverso gli alimenti che ingeriamo o l'acqua che beviamo, non avesse conseguenze, ma oggigiorno il buon senso ha preso il sopravvento.


Nessuno studio è stato in grado di determinare chiaramente l'impatto di una tale esposizione a lunghissimo termine sulla salute, tanto meno se si tiene conto della sinergia di tutti i pesticidi che vengono utilizzati.


In primo luogo, perché esiste un tempo di latenza significativo tra l'esposizione ai prodotti e la comparsa delle malattie (4), come nel caso del tabacco e dell'amianto a loro tempo. In secondo luogo, perché si tratta di studi costosi che non andrebbero a vantaggio di nessuna impresa. Inoltre, stiamo assistendo a strategie di influenza della lobby agro-industriale (5) che non sono una novità ma che purtroppo funzionano ancora bene...


Pertanto, per tentare di prevedere o sospettare degli effetti a lungo termine, è necessario ricorrere a una moltitudine di studi di durata più breve. È così che la International Agency for Research on Cancer dell'OMS, messa in guardia dal numero crescente di maledizioni che colpiscono sempre di più gli agricoltori, è stata in grado di classificare come probabili (gruppo 2A) o possibili (gruppo 2B) cancerogeni numerosi erbicidi e insetticidi utilizzati in grandi quantità in Europa e negli Stati Uniti (6).


Come agiscono i pesticidi nell'organismo?

Uno dei meccanismi di azione che possono spiegare questo carattere cancerogeno implica lo stress ossidativo: una volta nell'organismo, i pesticidi aumenterebbero la produzione di specie reattive (7) in grado di denaturare il DNA cellulare riducendo il sistema antiossidante che aiuta a neutralizzarle (8). È questo stesso squilibrio che sarebbe responsabile dei disturbi della gravidanza ormai ben identificati (9), come la mortalità embrionale, l'aborto precoce, la mortalità fetale, le malformazioni fetali, la prematurità (in costante aumento), il basso peso alla nascita (10-11), ma anche lo sviluppo di tumori (12) e malattie neurodegenerative (13).


E questo effetto cancerogeno non è riservato agli agricoltori! Si verifica anche quando i pesticidi vengono ingeriti attraverso degli alimenti contaminati. Anche in questo caso, diversi studi hanno mostrato che non si tratta di una leggenda: in Europa e negli Stati Uniti esistono dei livelli preoccupanti di glifosato (il pesticida ampiamente utilizzato dagli agricoltori e che sarà vietato in Europa nel 2023) e di alcuni suoi metaboliti nelle urine di persone che non maneggiano quotidianamente questo prodotto (14). Alcuni ricercatori hanno persino potuto confrontare i livelli di questo pesticida nel 1996 e nel 2016 per un centinaio di persone. I risultati? Un aumento di circa il 1200% in 20 anni (15) (da 0,024 μg/L a 0,314 μg/L).


Alcuni studi sugli animali hanno anche mostrato che un'esposizione cronica a delle concentrazioni molto basse di glifosato provocava dei danni epatici importanti, contribuendo in particolare ad aumentare il rischio di steatoepatite non alcolica (NASH) (16), che, in modo casuale o meno, sta attualmente crescendo drasticamente nell'uomo. Tuttavia, si sa poco sull'esposizione cutanea a lungo termine, di cui i residenti che vivono in prossimità dei siti di applicazione sono i primi ad essere colpiti. Anche in questo caso, però, la situazione è simile a quella dell'amianto (17) ...


Ovviamente, i pesticidi recentemente classificati come cancerogeni saranno probabilmente vietati nei prossimi anni (questo sarà normalmente il caso del glifosato in Europa), ma tutto lascia pensare che saranno sostituiti da altri prodotti la cui tossicità dovrà essere nuovamente dimostrata...


Il percorso classico di un pesticida è purtroppo noto:


  • Un prodotto A è immesso sul mercato.
  • Si sospetta che il prodotto A sia cancerogeno.
  • Il prodotto A si accumula nel suolo, nei corsi d'acqua e negli organismi viventi.
  • Trascorrono decenni prima che un numero sufficiente di studi dia l'allarme.
  • Il prodotto A riceve un'autorizzazione temporanea prima di essere progressivamente vietato.
  • Il prodotto A è sostituito da un prodotto B che probabilmente seguirà lo stesso percorso..

Cosa fare per proteggersi dai pesticidi?

Tutto indica che dobbiamo agire rapidamente prima che una crisi ecologica o sanitaria ci costringa a farlo.


A livello della società, è urgente iniziare a fare scelte coraggiose: Il vero potere del cambiamento non è nelle mani dei principali attori, ma nelle nostre. La scelta di alimenti provenienti dall'agricoltura biologica incoraggia gli agricoltori e gli allevatori ad abbandonare un sistema assurdo e tossico, ma li incoraggia anche a passare a metodi di produzione sostenibili e sani. E, naturalmente, è anche il modo migliore per ridurre al minimo l'assunzione di pesticidi nell'organismo…


A livello individuale, è altrettanto urgente aumentare le possibilità di sfuggire al cancro e a tutte le malattie legate allo stress ossidativo. A tal fine esistono due metodi compatibili e ampiamente documentati: aumentare il consumo di frutta e verdura (biologica ovviamente), et e ricorrere a degli integratori antiossidanti.


Alcuni studi in vitro e in vivo mostrano che le sostanze nutritive antiossidanti possono ridurre i danni causati dalle specie reattive dei pesticidi. Offrono una protezione reale quando lo stress ossidativo è anormalmente alto (18), il che si verifica in caso di esposizione cronica a dei pesticidi (19), ma anche in caso di stress cronico, di cattiva alimentazione o sonno insufficiente. Abbiamo selezionato diversi integratori antiossidanti che hanno avuto successo in studi specifici relativi allo stress ossidativo legato agli inquinanti ambientali:

  • La melanina di tè (20) (per via orale per 14 giorni)
  • La curcumina e la quercetina (21) (per via orale per 60 giorni)
  • La vitamina A, vitamina E e vitamina C (22-23) (per via orale per 30 giorni)
  • Il resveratrolo (24) (per via sottocutanea per 5 giorni)
  • I flavonoidi (25) (studio in vitro per 6 ore)

Alcune formule come AntiOxidant Synergy contengono molti di questi antiossidanti, oltre ad altri ben noti composti naturali come gli estratti di semi d'uva o l'epigallocatechina gallato del tè verde. Non sono destinate solo a contrastare gli effetti nocivi dei pesticidi, ma anche a ridurre le specie reattive prodotte dallo stress, dall'inquinamento, dal fumo di tabacco, dalla cattiva alimentazione, dall'alcol, dai raggi UV del sole, ecc.


" Siamo sempre più esposti ai pesticidi e la maggior parte delle persone non sono nemmeno consapevoli di assorbirli nei loro alimenti… " ha recentemente sottolineato Paul Mills, uno dei ricercatori che sta studiando il contenuto di glifosato nel nostro organismo. Che si rassicuri: ora ne sei consapevole...

Bibliografia:

  1. Bommelaer Olivier, « Le coût des pollutions agricoles », Pour, 2012/1 (N° 213), p. 61-64. DOI : 10.3917/pour.213.0061. URL : https://www.cairn.info/revue-pour-2012-1-page-61.htm
  2. Schott Céline, Billen Gilles, « Agriculture et qualité des eaux dans le bassin de la Seine : une résistible dégradation ? », Pour, 2012/1 (N° 213), p. 45-52. DOI : 10.3917/pour.213.0045. URL : https://www.cairn.info/revue-pour-2012-1-page-45.htm
  3. Veillerette François, « Pesticides chimiques : quels enjeux pour la gestion de l'eau ? », Pour, 2012/1 (N° 213), p. 75-82. DOI : 10.3917/pour.213.0075. URL : https://www.cairn.info/revue-pour-2012-1-page-75.htm
  4. Dominique Desbois, « Exposition aux pesticides : de l’insuffisance des statistiques de santé publique aux promesses des applications mobiles de santé », Terminal [En ligne], 120 | 2017, mis en ligne le 17 mai 2017, consulté le 22 mai 2018. URL : http://journals.openedition.org/terminal/1657 ; DOI : 10.4000/terminal.1657
  5. Foucart, S. (2017). Ce que les « Monsanto Papers » révèlent du Roundup. Le Monde, 18 mars.
  6. Guyton, K.Z. et al. (2015). Carcinogenicity of tetrachlorvinphos, parathion, malathion, diazinon, and glyphosate. The Lancet Oncology 16(5): 490-491.
  7. Wells, P.G., McCallum, G.P., Chen, C.S., Henderson, J.T., Lee, C.J., Perstin, J., Preston, T.J., Wiley, M.J., and Wong, A.W. Oxidative stress in developmental origins of disease: teratogenesis, neurodevelopmental deficits, and cancer. Toxicol. Sci. 2009; 108: 14–18
  8. Ciftci O, Ozdemir I, Tanyildizi S, Yildiz S, Oguzturk H. Antioxidative effects of curcumin, β-myrcene and 1,8-cineole against 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-p-dioxin-induced oxidative stress in rats liver. Toxicology and Industrial Health. 2011;27(5):447–453.
  9. Al-Gubory, KH Environmental pollutants and lifestyle factors induce oxidative stress and poor prenatal development. Reproductive BioMedicine Online (2014), http://dx.doi.org/10.1016/j.rbmo.2014.03.002
  10. Agarwal, A., Aponte-Mellado, A., Premkumar, B.J., Shaman, A., and Gupta, S. The effects of oxidative stress on female reproduction: a review. Reprod. Biol. Endocrinol. 2012; 10: 49
  11. Al-Gubory, K.H. and Garrel, C. Antioxidative signalling pathways regulate the level of reactive oxygen species at the endometrial-extraembryonic membranes interface during early pregnancy. Int. J. Biochem. Cell Biol. 2012; 44: 1511–1518
  12. Bassil K.L., Vakil C., Sanborn M., Cole D.C., Kaur J.S., Kerr K.J., 2007. Cancer health effects of pesticides, Canadian Family Physician 53.10, p. 1704-1711.
  13. Mostafalou S., Abdollahi M., 2013. Pesticides and Human Chronic Diseases : Evidences, Mechanisms, and Perspectives. Toxicology and Applied Pharmacology 268.2, p. 157-177.
  14. Niemann L, Sieke C, Pfeil R, Solecki R. A critical review of glyphosate findings in human urine samples and comparison with the exposure of operators and consumers.J Fur Verbraucherschutz Leb. 2015;10:3-10. https://link.springer.com /article/10.1007/s00003-014-0927-3. Accessed September 13, 2017.
  15. Mills PJ, Kania-Korwel I et al. Excretion of the Herbicide Glyphosate in Older Adults Between 1993 and 2016, JAMA October 24/31, 2017 Volume 318, Number 16
  16. Mesnage R, Renney G, Séralini GE, Ward M, Antoniou MN. Multiomics reveal nonalcoholic fatty liver disease in rats following chronic exposure to an ultra-low dose of Roundup herbicide. Sci Rep. 2017;7:39328.
  17. « La stratégie criminelle des industriels de l’amiante », P. Herman et A. Thébaud-Mony, Le Monde diplomatique, juin 2000, pp. 20-21.
  18. Cutler RG, Mattson MP. Measuring oxidative stress and interpreting its relevance in humans. In: Cutler RG, Rodriguez H, editors. Oxidative Stress and Aging. River Edge, NJ, USA: World Scientific; 2003.
  19. Poljšak B., Fink R. The Protective Role of Antioxidants in the Defence against ROS/RNS-Mediated Environmental Pollution, Oxid Med Cell Longev. 2014; 2014: 671539.
  20. Hung Y, Huang GS, Sava VM, Blagodarsky VA, Hong M. Protective effects of tea melanin against 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-p-dioxin-induced toxicity: antioxidant activity and aryl hydrocarbon receptor suppressive effect. Biological and Pharmaceutical Bulletin. 2006;29(11):2284–2291.
  21. Ciftci O, Ozdemir I, Tanyildizi S, Yildiz S, Oguzturk H. Antioxidative effects of curcumin, β-myrcene and 1,8-cineole against 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-p-dioxin-induced oxidative stress in rats liver. Toxicology and Industrial Health. 2011;27(5):447–453.
  22. Murugesan P, Muthusamy T, Balasubramanian K, Arunakaran J. Studies on the protective role of vitamin C and E against polychlorinated biphenyl (Aroclor 1254)—induced oxidative damage in Leydig cells. Free Radical Research. 2005;39(11):1259–1272.
  23. Sridevi N, Venkataraman P, Senthilkumar K, Krishnamoorthy G, Arunakaran J. Oxidative stress modulates membrane bound ATPases in brain regions of PCB (Aroclor 1254) exposed rats: protective role of α-tocopherol. Biomedicine and Pharmacotherapy. 2007;61(7):435–440.
  24. Ishida T, Takeda T, Koga T, et al. Attenuation of 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-p-dioxin toxicity by resveratrol: a comparative study with different routes of administration. Biological and Pharmaceutical Bulletin. 2009;32(5):876–881.
  25. Ramadass P, Meerarani P, Toborek M, Robertson LW, Hennig B. Dietary flavonoids modulate PCB-induced oxidative stress, CYP1A1 induction, and AhR-DNA binding activity in vascular endothelial cells. Toxicological Sciences. 2003;76(1):212–219.
Algunas fórmulas como AntiOxidant Sinergy (Sinergia antioxidante) contienen varios de estos antioxidantes, además de otros compuestos naturales conocidos, como los extractos de pepita de uva o la epigalocatequina galato del té verde. Éstas no están destinadas únicamente a combatir los daños de los pesticidas ya que también tienen como objetivo reducir las especies reactivas producidas por el estrés, la contaminación, el humo de tabaco, la mala alimentación, el alcohol, los rayos ultravioletas (UV) del sol, etc.


Nosotros estamos expuestos cada vez más a los pesticidas y la mayoría de las personas no son ni siquiera conscientes de que éstos los absorben en su alimentación …” ha deplorado recientemente Paul Mills, uno de los investigadores que estudia el contenido de glifosato en nuestro organismo. Puede quedarse tranquilo: ustedes ya están al corriente…

Ordinare prodotti
Super Quercetin 500 mg

Una fonte pura, una concentrazione ottimale e ampie proprietà

www.supersmart.com
FlavoFight 250 mg

Dei flavobiotici per migliorare la flora e l'immunità intestinali

www.supersmart.com
Ester C 600 mg

Forma non acida e quattro volte assorbita meglio della vitamina C

www.supersmart.com
Resveratrol 20 mg

Il fitonutrimento più efficace e più studiato per conservare e proteggere la salute

www.supersmart.com
A découvrir aussi
22-02-2017
Lottare contro la stitichezza cronica e mantenere...
Al tempo di Luigi XIV, da sempre affetto da stitichezza, i medici che lo seguivano avevano preso l'abitudine di chiedere «Come state? » intendendo «Come...
Più info
18-06-2018
I 10 tipi di frutta e verdura...
Come ben sai grazie al nostro articolo sui pesticidi , l'avvelenamento dell'intero pianeta continua a progredire a un ritmo costante. Per limitare al massimo l'ingestione...
Più info
01-02-2017
Inquinamento, avvelenamento, questa sostanza protegge contro gli...
Il 22 aprile 1915 verso le 17:00, le truppe coloniali francesi di Martinica, di stanza in trincea sul fronte di Ypres, videro arrivare su di...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua