Home   >  Probiotici e prebiotici  >  Dei probiotici contro il...
13-03-2019

Dei probiotici contro il cattivo umore e la depressione: il nuovo trattamento che ha successo

​probiotiques contre la mauvaise humeur

Dei probiotici per combattere i disturbi dell'umore, non ci credi? Ti sbagli! Un nuovo studio ha appena dimostrato che la flora intestinale comunicava con il cervello in una lingua che non si sospettava. Fino ad oggi, era noto che i batteri erano in grado di interagire con il cervello fabbricando gli stessi neurotrasmettitori. Ora sappiamo anche che controllano l'espressione di molti geni umani attraverso un altro noto messaggero: l'ossido nitrico.

Questa scoperta conferma il potenziale immenso dei probiotici per opporsi ai disturbi depressivi il cui numero di vittime è in costante aumento da diversi decenni. Conferma anche lo stato di "precursore" di Supersmart, che propone da diversi mesi una formula probiotica denominata Lactoxira destinata a lottare contro la depressione e a migliorare la salute mentale.

Come possono i batteri intestinali "benefici" combattere la depressione?

I batteri intestinali sono dei microrganismi che vivono nel nostro tratto digestivo. Sarebbero più di 100.000 miliardi a svilupparsi nel tratto digestivo per un peso totale più pesante del nostro cervello! All'inizio, i ricercatori pensavano che ci aiutassero semplicemente a digerire meglio. Compresero abbastanza rapidamente che si nutrivano di particelle di cibo che non potevamo digerire e che a loro volta producevano delle molecole benefiche. Ma non sono andati abbastanza lontano. In realtà, l'uomo e il suo microbiota vivono in totale simbiosi, fino a formare un essere ibrido umano-microbi, dove ciascuno è indispensabile all'altro..

La comunità scientifica ha anche scoperto che la flora batterica supportava parte della maturazione del nostro sistema immunitario insegnando all'organismo a rispondere appropriatamente di fronte a delle molecole estranee. Pertanto, l'aumento delle malattie autoimmuni negli ultimi decenni sarebbe direttamente correlato a un degrado del nostro microbiota e, allo stesso tempo, a una cattiva maturazione del nostro sistema immunitario.
Ma il meglio doveva ancora venire. Negli ultimi anni, diversi gruppi di ricercatori hanno scoperto che i batteri nel nostro sistema digestivo erano in grado di inviare dei messaggi al cervello. Dei messaggi che potevano influenzare una varietà di meccanismi psicologici coinvolti in molti disturbi mentali come l'ansia cronica, la depressione o i disturbi dell'umore. Sono state evidenziate tre modalità di comunicazione:

La produzione di neurotrasmettitori.

I neurotrasmettitori sono composti chimici solitamente rilasciati dai neuroni e in grado di agire su altri neuroni. I batteri intestinali e alcuni probiotici sono in grado di secernere gli stessi neurotrasmettitori e trasmetterli al cervello attraverso il nervo vago (si parla di asse microbioma-intestino-cervello) (1).

Diversi ceppi di Lactobacilli e Bifidobacteria secernono per esempio del GABA (2), un neurotrasmettitore inibitorio la cui produzione è considerevolmente rallentata in caso di depressione e ansia (3). Altre specie batteriche producono anche acetilcolina (un neurotrasmettitore coinvolto nella memoria, nella concentrazione e nell'umore) (4) e serotonina (un metabolita del triptofano coinvolto nella modulazione dell'umore) (5) .

Pertanto, alcuni studi hanno mostrato che l'uso di probiotici aumentava i livelli di alcuni neurotrasmettitori nella corteccia frontale, riducendo così i sintomi della depressione (6).

La riduzione della neuroinfiammazione.

Uno studio preliminare (7) pubblicato nel dicembre 2018 ha mostrato che la somministrazione di probiotici per 6 mesi ha permesso di migliorare le condizioni delle persone affette da disturbi bipolari. Questo effetto benefico è stato rafforzato nelle persone con i più alti livelli di infiammazione. I ricercatori non sono stati sorpresi: alcuni lavori precedenti hanno mostrato che i probiotici agiscono contro l'infiammazione limitando l'espansione dei batteri patogeni nell'intestino tenue, rafforzando la barriera intestinale, riducendo la traslocazione batterica (8) e diminuendo il numero di citochine infiammatorie e di sostanze tossiche che circolano nell'organismo.

Tuttavia, è ben noto che la neuroinfiammazione è strettamente correlata ai disturbi dell'umore (9-11).

Il controllo dei nostri geni

Lo studio risale al 21 febbraio 2019 (12). Ha mostrato che i batteri intestinali erano in grado di controllare i nostri geni attraverso un messaggero utilizzato anche dalle nostre cellule: l'ossido nitrico (NO).
I ricercatori all'origine di questa fantastica scoperta hanno rintracciato le molecole di NO secrete dalla flora intestinale di un organismo animale e si sono resi conto che cambiavano completamente il modo in cui l'espressione genica dell'animale era regolata. Si sono resi conto che più i batteri intestinali producevano ossido nitrico, più la salute dell'ospite si deteriorava.

Per ripristinare l'equilibrio, occorre quindi che l'animale privilegi i batteri che non secernono naturalmente molto ossido nitrico. O cambiando la dieta e scegliendo degli alimenti specifici che alimenteranno i batteri buoni, come le fibre nell'uomo, o ingerendo direttamente dei batteri, ad esempio attraverso degli integratori di probiotici.


Da diversi anni, le scoperte sulla flora intestinale si susseguono a un ritmo vertiginoso. Ma sembra che le sorprese non siano ancora finite, poiché le interazioni tra le nostre cellule e i batteri simbiotici sembrano complesse. Quale sarà il prossimo canale di comunicazione scoperto dalla comunità? Potremo un giorno misurare con precisione l'impatto della nostra flora intestinale sulla nostra salute e sui nostri comportamenti? Nel frattempo, le formule probiotiche sono un vero successo. In un momento in cui i trattamenti farmacologici contro lo stress e la depressione sono controversi, rappresentano un'alternativa inaspettata...


Bibliografia


Maggiori informazioni sui probiotici e sui disturbi dell'umore:

Cepeda, M. S., Katz, E. G., & Blacketer, C. (2017). Microbiome-Gut-Brain Axis: Probiotics and Their Association With Depression. The Journal of Neuropsychiatry and Clinical Neurosciences, 29(1), 39–44. doi:10.1176/appi.neuropsych.15120410

França, K., & Lotti, T. (2017). The gut-brain connection and the use of probiotics for the treatment of depression, anxiety and obsessive-compulsive disorders in dermatology. Dermatologic Therapy, 30(5), e12506. doi:10.1111/dth.12506


Références

  1. Dash S, Clarke G, Berk M, et al: The gut microbiome and diet in psychiatry: focus on depression. Curr Opin Psychiatry 2015; 28:1–6
  2. Dinan TG, Stanton C, Cryan JF (2013) Psychobiotics: a novel class of psychotropic. Biol Psychiatry 74(10):720–726
  3. Schousboe A, Waagepetersen HS (2007) GABA: homeostatic and pharmacological aspects. In: Tepper JM, Abercrombie ED, Bolam JP (eds) GABA and the basal ganglia: from molecules to systems, vol 9–19. Elsevier Science B, Amsterdam
  4. Roshchina VV (2010) Evolutionary considerations of neurotransmitters in microbial, plant, and animal cells. In: Lyte M, Freestone PPE (eds) Microbial endocrinology: interkingdom signaling in infectious disease and health. Springer, New York, pp 17–52
  5. Collins SM, Bercik P (2009) The relationship between intestinal microbiota and the central nervous system in normal gastrointestinal function and disease. Gastroenterology 136:2003–2014
  6. Desbonnet L., Garrett L., Clarke G., Bienenstock J., Dinan T.G. The probiotic Bifidobacteria infantis: An assessment of potential antidepressant properties in the rat. J. Psychiatr. Res. 2008;43:164–174. doi: 10.1016/j.jpsychires.2008.03.009.
  7. American College of Neuropsychopharmacology. "Probiotics could help millions of patients suffering from bipolar disorder." ScienceDaily. ScienceDaily, 13 December 2018. .
  8. Maes M, Kubera M, Leunis JC et al (2013) In depression, bacterial translocation may drive inflammatory responses, oxidative and nitrosative stress (O&NS), and autoimmune responses directed against O&NS-damaged neoepitopes. Acta Psychiatr Scand 127(5):344–354
  9. Wium-Andersen MK, Ørsted DD, Nielsen SF, et al: Elevated C-reactive protein levels, psychological distress, and depression in 73,131 individuals. JAMA Psychiatry 2013; 70:176–184
  10. Cepeda MS, Makadia R: Depression is associated with high levels of C reactive protein and low levels of exhaled nitric oxide: results from the 2007–2012 National Health and Nutrition Examination Surveys. J Clin Psychiatry (Epub ahead of print, June 21, 2016)
  11. Berk M, Williams LJ, Jacka FN, et al: So depression is an inflammatory disease, but where does the inflammation come from? BMC Med 2013; 11:200
  12. 1. Puneet Seth, Paishiun N. Hsieh, Suhib Jamal, Liwen Wang, Steven P. Gygi, Mukesh K. Jain, Jeff Coller, Jonathan S. Stamler. Regulation of MicroRNA Machinery and Development by Interspecies S-Nitrosylation. Cell, Feb. 21, 2019; DOI: 10.1016/j.cell.2019.01.037
Ordinare prodotto
Lactoxira

La prima formula psicobiotica per combattere la depressione

www.supersmart.com
A découvrir aussi
19-11-2018
Una bomba nel vostro intestino
Un intestino non curato, popolato da batteri e funghi patogeni opportunisti e patogeni (in particolare Candida albicans ) e inquinato da cibo mal digerito rischia...
Più info
19-09-2016
Probiotici, molti effetti preventivi e curativi
I risultati clinici pubblicati negli ultimi quindici anni evidenziano i molteplici effetti benefici dei probiotici. Essi sembrano avere effetti preventivi e curativi, in particolare nei...
Più info
14-03-2017
Dermatite atopica: l'interesse dei prebiotici e dei...
Tra il 30% e il 40% della popolazione mondiale sarebbe colpita da un'allergia. Dalle molteplici cause, quest'ultima può manifestarsi in diverse forme, tra cui allergia...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua