Home   >  Probiotici e prebiotici  >  Una bomba nel vostro...
19-11-2018

Una bomba nel vostro intestino

Une bombe dans vos intestins Un intestino non curato, popolato da batteri e funghi patogeni opportunisti e patogeni (in particolare Candida albicans) e inquinato da cibo mal digerito rischia di ritrovarsi intasato di materiale fecale sgradevole e tossico.

Questo è un fattore di squilibri e disturbi di varia gravità.

In particolare, si può soffrire di stitichezza, gonfiore, diarrea, infiammazioni varie, eczema, instabilità dell'umore o malattie più gravi, come la sindrome dell'intestino irritabile, diarrea con sangue o cancro al colon .
Durante l'autopsia, non è raro constatare che il colon del defunto è pesantemente congestionato dalle feci. Questa è l'origine del proverbio: "La morte comincia nel colon".
Un intestino disordinato implica il rischio di un sistema immunitario compromesso, perché la flora intestinale normalmente funge da barriera protettiva contro le invasioni esterne. Si soffre quindi di una maggiore vulnerabilità alle malattie infettive e infiammatorie delle sfere digerente, respiratoria, urogenitale, ecc.
Inoltre, un colon "malato" è anche un fattore scatenante dei disturbi emotivi: poche persone e persino pochi medici lo sanno, ma sono le cellule dell'intestino che producono l'80% della serotonina nel nostro corpo (la serotonina è l'ormone del buon umore).
In qualche modo, il vostro intestino è il vostro "secondo cervello". Dovete quindi averne la massima cura.

Curare l'intestino

Troverete ovunque su Internet offerte più o meno oneste per prodotti volti a pulire il tratto digestivo. Ma il vostro intestino non è né un camino né un tubo da "sturare". La realtà è più sottile, ma allo stesso tempo molto più semplice.
Normalmente, non se ne dovrebbe avere nulla a che fare. Madre Natura ha previsto tutto: un esercito di migliaia di miliardi di microrganismi che abitano il colon (l'ultima parte dell'intestino appena prima del retto) e che, di notte e di giorno, lo proteggono, puliscono ed evitano che batteri e lieviti nocivi crescano e lo occupino.
Questi microbi sono molto numerosi, vale a dire, un centinaio di volte più numerosi delle cellule nel vostro corpo, ovvero 100.000 miliardi (con 14 zeri!).
Questo enorme esercito si chiama "flora intestinale" o "microbiota".
La parola "flora" può sembrare sorprendente per un tale posto, ma è un riferimento al gran numero di specie di batteri e lieviti (almeno 200 specie) che coabitano, come in un giardino botanico. Questo insieme è unico e personale quanto le nostre impronte digitali.
Spetta a voi curare questo giardino, inseminarlo regolarmente, eliminare le erbe infestanti, aggiungere il fertilizzante... oppure lasciarlo all'abbandono. In quest'ultimo caso, il grazioso giardino paesaggistico può rapidamente trasformarsi in una orribile discarica puzzolente rifugio per i parassiti portatori di malattie.

I cattivi odori non sono normali

La funzione principale del colon è fermentare il cibo non completamente digerito per estrarre gli ultimi nutrienti e farli passare nel flusso sanguigno. Quando il colon è sano e funziona bene, lascia solo i rifiuti inutilizzabili che vengono evacuati regolarmente, e non hanno cattivo odore.
Al contrario, in presenza di batteri e lieviti nocivi, il transito è interrotto, causando stitichezza o diarrea e i residui alimentari diventano maleodoranti. Inoltre, quando si ha una cattiva digestione, oltre ad essere sgradevole in sé, essa impedisce al corpo di estrarre le sostanze nutritive dal cibo in modo ottimale. Se non si fa niente, possono sopraggiungere delle carenze nutrizionali.
Questa flora nociva produce anche anidride carbonica, metano e idrogeno in abbondanza. Tanto è vero che quando si lascia che la situazione si stabilisca, questi germi proliferano fino a provocare sacche di gas lungo tutto il colon, fino ad avere l'impressione che esploda. Flatulenza e gonfiore non hanno nulla di divertente. Essi indicano che il cibo è mal digerito e che il colon ha bisogno di aiuto. Questo circolo vizioso è innescato dalla mancanza di batteri buoni per la digestione.

La flora intestinnale è determinata fin dalla nascita

La composizione della flora intestinale dipende soprattutto da come avviene la nascita.
Quando eravate nel grembo materno, il vostro intestino era sterile. Non c'era alcun microbo al suo interno.
Al momento del parto si installano batteri e lieviti: 72 ore dopo la tua nascita, il vostro intestino conteneva già 1000 miliardi di batteri e lieviti!
Ma da dove provengono questi batteri e lieviti? Pochissime persone lo sanno, ma, per i bambini nati con parto naturale, provengono dalla flora vaginale della madre.
Tuttavia, la flora vaginale è fortemente dipendente della flora intestinale e quindi una donna che ha una buona flora intestinale nelle ultime settimane della gravidanza darà in eredità ai suoi figli le specie microbiche giuste per l'intestino. Se, al contrario, l'intestino della madre è contaminato con specie opportuniste e patogene, purtroppo le erediterà anche il bambino.
Quindi, è stato constatato che determinate predisposizioni alle malattie sono legate a una particolare microflora trasmessa da madre a figlio al momento della nascita. Questo vale in particolare in casi di linee familiari asmatiche ed eczematose. Se, durante l'ultimo mese prima del parto, la madre rigenera la sua microflora (vedremo come), il bambino non sarà portatore di una microflora che porta a eczema e/o asma. Questa semplice misura permette di preservare il neonato da una deficienza che può ostacolare la sua vita con la prospettiva di finire nella sofferenza di una bronchite cronica, con assistenza respiratoria particolarmente invalidante.
Ma un altro caso molto problematico è quello dei bambini nati con taglio cesareo.
Essendo direttamente estratti dalla placenta (sterile), il bambino nato con parto cesareo non ha alcun contatto con la flora di sua madre. Egli riceve quindi la microflora dell'ambiente, e quindi dell'ambiente ospedaliero, spesso ricca di batteri resistenti agli antibiotici, in particolare il famigerato stafilococco (Staphylococcus aureus).
Questa flora intestinale di origine ospedaliera può avere conseguenze dolorose sul resto della vita, se non viene corretta in tempo.
Quindi, per le mamme che sono costrette a partorire con taglio cesareo, è molto importante che inseriscano nel tratto digestivo del loro bambino fin dalla nascita batteri buoni.
Tuttavia, anche una buona flora intestinale alla nascita può sbilanciarsi in seguito:

Come l'equilibrio della microflora rischia di rompersi

Dopo la nascita, l'equilibrio della microflora intestinale è in continua evoluzione. Si tratta di un equilibrio dinamico che può essere rotto da diversi fattori endogeni ed esogeni:
    - fattori endogeni o cause esterne all'organismo: può essere che abbiate una deficienza immunitaria, o una malattia metabolica discreta, che causa un cambiamento nella flora intestinale. In caso di lesioni o interventi chirurgici, infiammazioni, costipazione cronica o tumori nell'intestino, la microflora può essere gravemente disturbata, peggiorando i sintomi della malattia, e ritardare la guarigione;
    - fattori esogeni o cause esterne all'organismo: dieta inadeguata, contaminazione da metalli pesanti, pesticidi usati in agricoltura e additivi alimentari antimicrobici, infezioni da patogeni, stress intenso, antibiotici, vaccinazioni possono contribuire a inibire i batteri buoni, lasciando spazio a germi opportunisti e patogeni (che causano malattie) che si moltiplicano.
Le conseguenze di varia gravità: semplici problemi digestivi fino alla rottura completa delle barriere di difesa dell'organismo. In questo caso, è possibile la proliferazione di germi fino alla sepsi (infezione generalizzata) e, quindi, potenzialmente, alla morte.
Questo dimostra che una flora intestinale equilibrata svolge un ruolo vitale nella vostra salute e nella resistenza alle malattie. Deve essere fatto il possibile per mantenere la flora in un corretto stato microbiologico.

Come ripristinare l'equilibrio

Per ripristinare l'equilibrio, eliminate dalla dieta alimenti che non tollerate: spesso, l'aiuto di un nutrizionista sarà necessario per la diagnosi, ma sappiate che le intolleranze alimentari più comuni riguardano i cereali raffinati, in particolare frumento ricco di glutine, e latticini. È quindi necessario eliminarli per tre o quattro settimane per vedere il risultato.
Allo stesso tempo, è necessario curare lo stile di vita, facendo più esercizio fisico dolce (al contrario, gli sforzi fisici violenti peggiorano l'infiammazione), respirando meglio (coerenza cardiaca), prendendosi il tempo di prepararsi a mangiare e masticare.
Per ripristinare la qualità della mucosa intestinale, privilegiare gli alimenti anti-infiammatori (noci e pesce ricco di omega-3, verdure cotte, insalate, spezie dolci) e tisane (calamo, ortica, achillea).
Sarà infine necessario, nella maggior parte dei casi, rinseminare la flora intestinale con buoni probiotici.

Le tattiche dei venditori di pillole

Ma che cos'è un "buon probiotico?"
Troverete centinaia di prodotti sul mercato che affermano di contenere probiotici. Ma per evitare le trappole, dovete sapere quanto segue:
Ogni anno a maggio a Ginevra ha luogo il più grande salone Vitafoods, sugli integratori alimentari. Sebbene ci fossero solo alcune decine di espositori quindici anni fa, questo tipo di salone oggi ne conta oggi diverse centinaia provenienti da tutti i continenti e che offrono tutti i tipi di ingredienti naturali estratti da piante e animali. In ogni edizione, questo salone, che si rivolge ai professionisti degli integratori alimentari, propone nuovi ingredienti sempre più potenti e sofisticati.
La maggior parte dei nuovi ingredienti sono accompagnati da studi clinici che dimostrano la loro efficacia sulla salute. Si rileva anche un grande aumento della qualità degli ingredienti.
Ma la cosa più sorprendente è che i prezzi di questi ingredienti variano ampiamente per lo stesso prodotto a seconda dell'origine, della purezza e degli studi scientifici di cui sono stati oggetti.
Ad esempio, immaginate che il vostro medico vi suggerisca l'assunzione di calcio. Tra i prodotti farmaceutici e gli integratori alimentari, si trovano diverse forme di calcio, ma a prezzi molto diversi, a seconda che si tratti di fosfato di calcio, cloruro di calcio, solfato, carbonato o citrato, glicerofosfato, gluconato o pidolato di calcio! (A proposito: sono le ultime 3 forme ad essere le migliori per la salute).
Questa confusione è un vero e proprio problema, perché né voi né il vostro medico potete esserne a conoscenza, a meno che non vi immergiate nella letteratura scientifica; questi ingredienti non hanno le stesse proprietà. Non interagiscono nello stesso modo con gli altri nutrienti che consumate. Il vostro corpo non li assimila tutti correttamente: è quello che si chiama biodisponibilità. Tuttavia, sulla scatola, il produttore non indica necessariamente la forma precisa dell'ingrediente che contiene il prodotto. Può semplicemente indicare "calcio" e il numero di grammi per porzione.
Alcune forme sono a buon mercato, altre relativamente costose e un produttore senza scrupoli non esiterà a vendere la forma più conveniente, facendovi credere che ha lo stesso effetto delle altre: falso.
Il rischio, per il paziente, è che potrebbe alla fine convincersi che questi integratori alimentari "non funzionano" e che, infastidito, torni alla farmacia chimica.

Il rischio di capsule e compresse di probiotici

Con i probiotici, che sono composti da microrganismi vivi, il rischio è moltiplicato per cento.
Uno studio del 2010 ha dimostrato che la maggior parte dei probiotici venduti in commercio non contengono abbastanza batteri vivi per avere effetto.
Ma dovremmo esserne sorpresi?
Molti probiotici oggi sono venduti in forma di compresse.
Tuttavia, nelle compresse, vi sono pochissimi batteri viventi poiché la pressione necessaria per formare la compressa innalza la temperatura oltre i 50 °C e uccide una gran parte di essi.
È quindi praticamente impossibile avere compresse di probiotici efficaci.
Alcuni produttori sostengono di aver trovato una soluzione vendendo compresse di probiotici che sono state precedentemente protetti da microincapsulazione. Il problema è che questo trattamento aumenta sproporzionatamente il volume occupato dai probiotici. Per ingoiare la quantità necessaria (almeno 1 miliardo), si dovrebbero inghiottire 100 compresse al giorno.

Cosa pensare dei probiotici in mezzo liquido?

In un mezzo liquido fermentato (ad esempio a base di latte animale o vegetale), i batteri probiotici non possono conservarsi a lungo. I vari ceppi in presenza trasformeranno gli zuccheri e le proteinenel mezzo in acidi organici e perossido di idrogeno che i batteri non sopporteranno a lungo.
D'altra parte, non è possibile mantenere una miscela di ceppi probiotici in equilibrio in un mezzo liquido perché ognuno di essi si evolve in modo diverso durante la fermentazione e la conservazione.
Se prendiamo il caso dello yogurt classico, che contiene solo due ceppi batterici (Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus), non solo sono solo debolmente probiotici, ma dopo la loro conservazione che va dal punto di produzione al consumo (diverse settimane), la sopravvivenza dei batteri e l'equilibrio tra i ceppi sono altamente alterati, e ciò non consente di rigenerare la flora intestinale, ma solo di mantenere le condizioni di pH benefiche per l'intestino.

Come non sprecare soldi con i probiotici

Centinaia di dollari vengono sprecati ogni anno da persone che prendono i probiotici, ma li ingoiano al momento sbagliato, rendendo quasi nulla la loro efficacia. I probiotici sono pressoché distrutti dall'acidità di uno stomaco chiuso, vale a dire nel momento in cui questo produce molto succo gastrico (ricco di acido cloridrico) per digerire il cibo.
È quindi molto importante ingoiare i probiotici quando lo stomaco è vuoto, cioè la mattina appena svegli. Il pH dello stomaco è vicino al neutro. Ma, ancora più importante, in questo momento la porta che chiude lo stomaco (il piloro), che impedisce al cibo di passare nell'intestino prima che venga digerito, è aperta.
Assumere probiotici in capsule consentirà loro di essere protette nello stomaco. I probiotici verranno rilasciati quando il contenuto della capsula passa nell'intestino, dove possono esercitare la loro azione benefica.
Inoltre, constaterete che l'India consuma una particolare forma di latte fermentato chiamato lassi, ricchissimo di probiotici. Questo latte fermentato si deve prima del pasto, e ora sapete perché.
È importante, inoltre, che i probiotici contengano un'alta popolazione batterica: 1 miliardo di batteri è un minimo sotto il quale l'effetto è quasi pari a zero; 8 miliardi è preferibile e garantisce un'efficienza elevata quando la flora intestinale è profondamente sbilanciata. Va ricordato che, durante il loro passaggio attraverso il sistema digestivo, i batteri subiranno inibizioni (pH gastrico, secrezione biliare) che distruggeranno i più deboli.

Quali ceppi di probiotici scegliere?

È importante prendere probiotici comprendenti diversi ceppi diversi, complementari e che agiscono in sinergia, i cui effetti siano documentati nella letteratura scientifica.
Cinque ceppi di probiotici in particolare sono in grado di svilupparsi nel colon, nel muco che copre la mucosa, per la massima protezione e un rapido ripristino dell'immunità: Bifidobacterium lactis, Lactobacillus acidophilus, Lb. paracasei, Lb plantarum e Lactococcus Lactis, che hanno la caratteristica di produrre principalmente acido L(+) lattico molto ben metabolizzato. Questi ceppi probiotici producono anche altre sostanze inibenti la microflora di contaminazione.
Li trovate nelle capsule Probio Forte®. Due capsule contengono 16 miliardi di batteri, ovverso la dose che fornisce la massima efficienza.

La disputa del Bifidus

Alcune persone oggi sono diffidenti nei confronti dei probiotici a causa di una campagna contro i produttori di yogurt con bifidus. Alcuni ricercatori hanno infatti notato che la flora intestinale delle persone obese ha una quantità abnorme di bifidobatteri (bifidus attivo).
Su Internet circolano dei messaggi che spiegano che i probiotici sono utilizzati in allevamenti intensivi per ingrassare i maiali, e che il loro consumo negli esseri umani avrebbe le stesse conseguenze. Ma, come con qualsiasi polemica, ci sono aspetti veri e aspetti falsi.
In realtà, i batteri tipo "bifidus" batteri sono importanti e benefici per i neonati e i bambini molto piccoli. Studi hanno dimostrato che i bambini allergici hanno una flora intestinale meno ricca di bifidobatteri rispetto ai bambini non allergici. Ma più tardi, anche prima dell'adolescenza, rimane consigliabile non consumarne se non di tanto in tanto, da qui il sollievo intestinale che molti bambini e adulti hanno sperimentato nel mangiare il loro primo yogurt con bifidus attivo.
Tuttavia, il consumo quotidiano di yogurt con bifidus squilibra la flora e promuovere l'aumento di peso. Le stesse avvertenze valgono per latti fermentati dolci, ma questa volta è l'aggiunta di zucchero contenuto in questi prodotti ad essere problematica, perché i bambini che li consumano possono aumentare di peso in maniera irreversibile.

Come utilizzare i probiotici

I primi mesi (fase intensiva), bisogna assumere 2 capsule al giorno di Probio Forte® senza interruzione, tutte le mattine. Questo corrisponde al tempo richiesto per rigenerare la microflora intestinale.
Quindi, per i 2 mesi successivi (fase di stabilizzazione), bisogna assumere una capsula al giorno. In questa fase, è possibile che la maggior parte delle fonti di disagio siano svanite. È quindi possibile assumere solo una capsula ogni due giorni (fase di mantenimento), per evitare che la microflora sia destabilizzata dall'azione di fattori endogeni ed esogeni indicati in precedenza.
Dopo un programma di sei mesi, la differenza riscontrata può essere sostanziale.

Precauzioni d'impiego

Una volta aperta, la scatola di Probio Forte® deve essere conservata in frigorifero per una lunga conservazione (2 anni). Tuttavia, è possibile portarla in valigia per quasi un mese senza perdere la sua efficacia; questo può essere molto utile se si viaggia in una zona dove si potrebbe contrarre la diarrea (diarrea del viaggiatore), o se devono essere assunti degli antibiotici.
I migliori usi noti dei probiotici sono in effetti la prevenzione e il trattamento della diarrea. Diversi studi hanno dimostrato miglioramenti in patologie diarroiche acute - tra cui infezioni da rotavirus, diarree del viaggiatore o infezioni batteriche più gravi, come ad esempio il Clostridium difficile - sono trattate con probiotici.
Nei bambini, i probiotici sembrano avere effetti sulle diarree virali probabilmente con una stimolazione degli anticorpi IgA anti-rotavirus. Essi riducono la durata degli episodi e la loro ricorrenza. Degli scienziati hanno analizzato 13 studi controllati in doppio cieco contro placebo sulla diarrea infettiva acuta nei neonati e nei bambini. Dieci studi riguardavano il trattamento e tre la prevenzione. Tutti questi dati suggeriscono che i probiotici potrebbero ridurre significativamente la durata della diarrea o prevenirla.
È sempre consigliabile non superare la dose raccomandata.

Ricordiamo inoltre che esistono altre formule probiotiche molto innovative per lottare contro dei problemi più specifici.


L'integratore Lactoxira, ideato a partire dalle ultime scoperte nelle neuroscienze, si rivolge a tutti gli individui affetti da disturbi dell'umore e della motivazione (depressione, depressione stagionale, malinconia cronica). Ogni capsula contiene circa 100 miliardi di batteri benefici (Bifidobacterius longum, Lactobacillus plantarum, Bifidobacterium bifidum, Lactobacillus salivarius, etc.), in grado di secernere dei neurotrasmettitori molto specifici e di ridurre la neuroinfiammazione anormalmente elevata nelle persone depresse. Si tratta di un trattamento rivoluzionario che contribuisce alla salute psicologica, ma che fornisce anche tutti i benefici solitamente attribuiti ai probiotici: riduzione dei marcatori dell'infiammazione, miglioramento dei disturbi digestivi, ottimizzazione della digestione...


Per la gestione del peso, il ceppoLactobacillus gasseri è essenziale: naturalmente presente nel latte materno, contribuisce a ridurre il girovita grazie alla sua azione sul grasso addominale. Certamente, contribuisce anche alla salute della digestione e all'ottimizzazione del sistema immunitario dell'organismo.


Infine, per combattere contro i problemi cutanei (acne, comedoni, pelle grassa, arrossamenti, forfora, prurito cutaneo), esiste un'eccellente formula probiotica composta da 4 ceppi specifici e da sostanze nutritive scientificamente riconosciute per la salute della pelle (vitamina C, vitamina E, vitamina B2, frutto-oligosaccaridi). Denominata Derma Relief, ha lo scopo di migliorare la preservazione della barriera intestinale, di modulare il sistema immunitario della pelle e di ridurre l'infiammazione cutanea. Per assumerla, è sufficiente versare il contenuto di un bastoncino (che contiene 3 miliardi di batteri lattici) in un bicchiere d'acqua o direttamente in bocca.


Qualunque cura scegli, sarebbe bene che in questi 6 mesi adotti un'alimentazione migliore, soprattutto con un significativo aumento degli apporti di fibre e che aumenti il tuo livello di attività fisica.

Ordinare prodotti
Probio Forte™

Mix di probiotici ; 8 miliardi di microrganismi per capsula
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
Lactobacillus gasseri

Un ceppo probiotico particolarmente efficace nel controllo del peso
In DR Caps™ gastroresistenti per un'efficienza ottimale

www.supersmart.com
Lactobacillus reuteri

Un probiotico di nuova generazione al servizio della saluta cardiovascolare

www.supersmart.com
Lactoxira

La prima formula psicobiotica per combattere la depressione

www.supersmart.com
Derma Relief

La formula probiotica per non avere più problemi alla pelle

www.supersmart.com
A découvrir aussi
19-09-2016
Probiotici, molti effetti preventivi e curativi
I risultati clinici pubblicati negli ultimi quindici anni evidenziano i molteplici effetti benefici dei probiotici. Essi sembrano avere effetti preventivi e curativi, in particolare nei...
Più info
14-03-2017
Dermatite atopica: l'interesse dei prebiotici e dei...
Tra il 30% e il 40% della popolazione mondiale sarebbe colpita da un'allergia. Dalle molteplici cause, quest'ultima può manifestarsi in diverse forme, tra cui allergia...
Più info
20-02-2017
Flora intestinale: un'alterazione chiamata in causa nella...
Alcuni studi recenti potrebbero permettere di comprendere meglio l'origine della malattia di Crohn. Molto complessa, questa malattia rara è caratterizzata da un'infiammazione cronica dell'intestino. Sebbene...
Più info

Gratis

Ti ringraziamo per la visita, prima di uscire

ISCRIVITI AL
Club SuperSmart
Ed approfitta
di promozioni esclusive:
  • Gratis: la pubblicazione scientifica settimanale "Nutranews"
  • Delle promozioni esclusive ai membri del club
> Continua